Google+

Il Museo del Novecento ci spiega l’arte contemporanea

maggio 22, 2012 Mariapia Bruno

Per quelli che pensano che ogni tanto l’arte vada spiegata, il Museo del Novecento di Milano, fino al 9 settembre, propone una retrospettiva che invita a gettare lo sguardo sui retroscena dell’arte del XX secolo. Con un titolo che riprende un saggio pubblicato da Bruno Mondadori nel 2006, Tecnica Mista, si snoda tra collage, assemblaggi e fotomontaggi, raccontando come gli artisti contemporanei hanno cominciato a privilegiare nuovi materiali e dispositivi, come la plastica e il video, facendo infine della performance e dell’installazione l’ingrediente base delle loro composizioni.

A catturare l’attenzione tra i vari artisti presenti, Mario Sironi con il suo Venere dei porti (1919) – collage di respiro metafisico realizzato con carta da spolvero, di libro e giornale -, Gabriele de Vecchi e la Scultura da prendere a calci (1960) che invita lo spettatore a intervenire sull’oggetto modificandone l’originale forma di parallelepipedo in schiuma di poliestere, Rossogiallonero (1968) di Carla Accardi, dove i suoi famosi segni vengono tracciati con un pennello a colori acrilici fluorescenti su un supporto in sicofoil, e Alexander Brodsky con Coma (1955), una composizione con terra cruda, ferro, zinco, olio da motore e taniche completata da video a tre canali che fa riflettere sulla decadenza e sulla perdità dell’identità delle metropoli contemporanee.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana