Google+

Il disco di Nino Rota, l’autore delle musiche de Il Padrino parte II

gennaio 10, 2013 Mario Leone

Nino Rota, premio Oscar nel 1974 grazie alle musiche de Il Padrino – parte II di Francis Ford Coppola, è noto al grande pubblico come autore di colonne sonore che hanno accompagnato film di registi quali Fellini, Visconti o appunto dello stesso Coppola.

La «stupefacente bravura musicale» di Rota (come la definisce Ennio Morricone) non si esaurisce nelle musiche per il grande schermo ma si palesa anche nella produzione sinfonica e cameristica. Ne è un esempio A sentimental devil, disco pubblicato da Stradivarius che raccoglie un’antologia di pezzi cameristici per violino, viola e pianoforte che offrono l’immagine di un Rota compositore “classico” che non perde mai la freschezza, la levità e la raffinatezza del suo linguaggio e la profondità del suo messaggio.

Interpreti d’eccezione il duo formato dal violinista (impegnato anche alla viola) Francesco D’Orazio e il pianista Giampaolo Nuti impegnati in un’esecuzione godibile e fedele alla partitura, che ci permette di assaporare il lato meno noto di un grande autore le cui musiche hanno accompagnato la storia del Novecento.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana