Google+

I segni primordiali dei graffiti

febbraio 3, 2012 Mariapia Bruno

Graffiti è il consueto appuntamento della Galleria Monty&Co di Roma che, fino all’11 febbraio, mette in mostra una serie di opere di artisti accomunati dalla medesima passione per il segno come strumento privilegiato per la rappresentazione dell’oggetto/soggetto percepito dai nostri occhi. La fascinazione del graffito è legata senza alcun dubbio al suo connubio con la scrittura (pittogramma) e con l’emissione del suono: è proprio l’atto di pronunciare un suono la sintesi del primo sistema codificato e organico di comunicazione non verbale, quello che costituisce il grado zero della pittura e della scrittura. Il graffito si pone infatti al limite figurativo, tende all’astratto, alla non forma, ma non la abbraccia completamente.


Artisti come Roberta Brandi, Elisa Cordovana, Roberto Garbarino, Marialaura Neri, Barbara Peonia e Valerija Stojakovik hanno scelto di dedicarsi al graffito per trasmettere una forma d’arte spontanea e priva di sovrastrutture, un’arte che rappresenti l’espressione pura dell'”Io sono”. Con le loro creazioni che rimandano alla filosofia zen pongono lo spettatore di fronte alle forze primigenie della natura nascoste nell’impulso spontaneo di dare vita attraverso l’arte, intesa come via, come percorso, e ci spingono ad addentrarci gradualmente nella profondità degli impulsi umani primitivi, come la caccia, la nascita, la creazione del sé.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana