Google+

I più bei ritratti del 2012

luglio 9, 2012 Mariapia Bruno

Un buon ritratto deve saper esprimere l’interiorità del soggetto, deve raccontare di una vita, di un trascorso, di quello che si è stati e di quello che si è. Queste caratteristiche fanno l’opera più umana, più vicina al microcosmo di colui che la osserva il quale, sorpreso dalla naturalezza dell’espressione, è spinto ad accostarsi a essa per sentire la sua storia. Proprio di un buon ritratto che si racconta in Auntie, un nudo di signora dipinto da Aleah Chapin che ha consentito a questa artista che vive e lavora a Brooklyn di vincere il BP Portrait Award 2012, un premio in denaro offerto dalla National Portrait Gallery di Londra che ogni anno vede la candidatura di migliaia di pittori provenienti da tutto il mondo. Capelli grigi e bianchi sciolti sulle spalle, pelle ormai segnata dal tempo, sguardo fiero e sereno, ecco come la pittrice mette letteralmente e metaforicamente a nudo la sua protagonista, un’amica di famiglia di cui racconta: «Il suo corpo è una mappa del viaggio della sua vita. In lei vedo la personificazione della forza espressa da una accettazione sincera di quello che ormai è».

L’opera, che il direttore della National Portrait Gallery, Sandy Nairne, ha descritto come «un ritratto ambizioso e dipinto molto bene, con un superbo controllo di tono e colore», rimarrà esposta fino al 23 settembre 2012 nella galleria londinese insieme ad altri 54 dipinti prescelti tra dalla giuria. Tra questi il ritratto del nonno del pittore spagnolo Ignacio Estudillo (che si è aggiudicato il secondo posto), e il ritratto di Richie Culver (al terzo posto) dipinto da Alan Coulson che ha voluto catturare «lo stile unico e il carattere alla mano» dell’amico dalle braccia tatuate.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa britannica annuncia l’erede dell’ammiraglia sportiva del 1976. Mossa da un V12 5.9 da almeno 570 cv, sarà destinata ai mercati del Medio Oriente. Per possederla non basterà essere ricchi: Aston Martin sceglierà i clienti da “invitare” all’acquisto

L’evoluzione del paraschiena, che permette una maggiore libertà di movimento

La versione track car della supersportiva britannica, mossa da un’unità ibrida da 1.000 cv, verrà svelata a metà agosto in occasione del concorso d’eleganza californiano. Rinuncia al freno aerodinamico in favore di un’ala monoplano fissa

Dalle strade scorrevoli del Monferrato casalese fino ai tracciati enduro di Finale Ligure: 150 km e 3.000 metri di dislivello con la Bianchi Methanol FS la prima Full di di Bianchi, che coniuga al meglio reattività e comfort. Montata Shimano XTR costa 5.490 euro

E' quello che ci vuole per calarsi nei panni di un pilota da Rally. Noi ci siamo riusciti grazie a Peugeot, che ci ha fatto provare in prima persona l’ebbrezza di una vera prova speciale, mettendoci al volante delle 208 T16 e R2. Cuore a mille, sensazioni uniche

Speciale Nuovo San Gerardo