Google+

I busti di Nicolaus Gerhaert van Leyden tra Francoforte e Strasburgo

febbraio 2, 2012 Mariapia Bruno

È un insolito tuffo nel passato la mostra dedicata allo scultore medievale Nicolaus Gerhaert van Leyden (1430-1473), uno dei più importanti artisti del tardo XV secolo proveniente dal nord delle Alpi e il cui operato ha comportato decisive innovazioni in termini di forma e di iconografia. A lui il Musée de l’Oeuvre Notre-Dame di Strasburgo dedica una ricca retrospettiva (dal 30 marzo all’8 luglio 2012) attualmente, e fino al 4 marzo ospitata dal Liebieghaus Skulpturensammlung Museum di Francoforte. Qui sono esposte una serie di opere in legno e pietra tra cui si distinguono quattro busti di pietra arenaria rappresentanti delle figure maschili. Spicca tra queste quel malinconico “Man leaning on one elbow” (Uomo appoggiato sul gomito) che sarà protagonista anche nella retrospettiva francese.

Accanto alle 70 opere totali ci saranno due frammenti sopravvissuti della decorazione del portale della Cancelleria di Strasburgo rappresentanti rispettivamente la “Head of Bearded Man” (Testa di uomo barbuto) – conservato alla Oeuvre Notre-Dame Museum – e la “Head of a Young Woman” (Testa di giovane donna) – custodito, invece, al Museo di Francoforte. Il percorso espositivo è guidato dal fil rouge del busto e della posa su gomito, un motivo che l’artista ha reinterpretato in chiave più moderna dandogli una qualità psicologica raramente eguagliata dai suoi imitatori. È sempre un piacere riscoprire, a distanza di secoli e in un’epoca dominata dalle molteplici nuove forme di creatività moderna, un artista forte della sua solida classicità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana