Google+

Grattacieli futuristi e numeri illuminati. È la Milano del futuro

agosto 8, 2012 Mariapia Bruno

È un trittico lightbox l’istallazione Postcards from Growing by Numbers di Paolo Cesaretti e Antonella Dedini che racconta la crescita di quella “città che sale” che già nel 1910 Boccioni ha dipinto frenetica e animata. Ma un secolo dopo, al posto dei cantieri in periferia, degli uomini e dei cavalli, forze lavoro dei primi del Novecento, protagonisti nel cuore della capitale meneghina sono i grattacieli storici (il Pirellone), contemporanei (le torri della Stazione Garibaldi), e in fase di costruzione (la Torre di Cesar Pelli in Porta Nuova). Il nome del progetto è mutuato dal gioco Drawing by numbers in cui, unendo con un tratto di matita dei punti numerati si svela pian piano un’immagine misteriosa. La parola growing (crescere) è stata sostituita a drawing (disegnare) e la Milano in vista dell’Expo del 2015 è in fase di grandissima costruzione che le trasformerà il volto in modo radicale.

Inserito nella mostra Traces of Centuries & Future Steps, visibile dal prossimo 29 agosto e fino al 25 novembre 2012 al Palazzo Bembo di Venezia per la Biennale di Architettura, il progetto Cesaretti-Dedini stimola la nostra mente ad entrare in relazione con un nuovo skyline dove ogni grattacielo è illuminato da 1650 punti luce accesi al tramonto del sole che formano un numero da 0 a 9. Completa l’idea della città del futuro che prende forma il modello in scala 1:2 del progetto The Irrational City, un gigantesco π luminoso che verrà istallato prossimamente a Venezia su di un edificio della stazione Santa Lucia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana