Google+

Fluxus, quando nell’arte tutto scorre

maggio 15, 2012 Mariapia Bruno

Era il settembre del 1962: «Tutto è arte, arte è vita, purgare il mondo dalla cultura “intellettuale”, professionale e commercializzata» recita uno dei tanti slogan del Fluxus, non solo un movimento artistico, ma un modo di intendere la creatività in modo radicale, performativo, a 360 gradi. Battezzato cosi nel 1961 dall’architetto George Maciunas, che affermò di aver trovato il nome ficcando un coltello in un dizionario con un plateale gesto di derivazione dadaista, il Fluxus oggi compie cinquant’anni. E per l’occasione il m.a.x.museo di Chiasso presenta la retrospettiva Fluxus. Una rivoluzione creativa: 1962-2012.

Joseph Beuys, Yoko Ono, Philip Corner, Robert Watts, Dick Higgins, Alison Knowles, Ben Patterson, Giuseppe Chiari sono solo alcuni dei tanti artisti che a livello internazionale abbracciarono questa sorgente vitale che tanto ha attinto dalle pratiche del riuso dell’oggetto espresse da Marcel Duchamp, soprattutto nel “ready-made”, e dalle teorie musicali del compositore John Cage. Sono fluxus opere come la concettuale Pour le plaisir de toucher di Ben Vautier, dove una lastra di legno provoca chi la osserva a correre il rischio di toccare quello che di solito è proibito nelle tradizionali sedi espositive, o l’ironico Fluxus Travel Aid di George Brecht, una sorta di kit di sopravvivenza per il “fluxartista” che con pochi oggetti e tanta fantasia è in grado di creare ovunque un capolavoro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

Citigo può contare su di una maggiore interazione con gli smartphone, mentre la compatta Fabia è disponibile nell’allestimento sportivo Monte Carlo. Look da crossover e ricca dotazione di serie per la versione ScoutLine di Fabia Wagon.

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana