Google+

Le Femen? Manovrate da un uomo: «Ho creato il gruppo per avere delle donne»

settembre 3, 2013 Redazione

Le Femen «non sono in realtà quelle guerriere del femminismo che dicono di essere, ma piuttosto delle vittime di quello stesso maschilismo che giurano di combattere». Oggi su Repubblica si dà conto di quel che tempi.it ha sempre scritto. E cioè che le pseudo-femministe in topless altro non sono che un’abile operazione di marketing. Il femminismo? Non c’entra nulla: «Il 99% delle ucraine neanche sa cosa sia il femminismo». Libertà da ogni potere? Mica tanto, visto che sono manovrate da Viktor Svyatski, uno che per spiegare cosa siano le Femen dice: «Gli uomini fanno di tutto per il sesso: io ho creato il gruppo per avere delle donne». E: «Spero che grazie al mio comportamento patriarcale loro rifiutino quel sistema che rappresento».

PERFORMANCE BEN PAGATE. L’occasione per tutte queste belle rivelazioni la dà un documentario fuori concorso al Festival di Venezia della regista Kytti Green, e che si intitola Ukraine is not a brothel (L’Ucraina non è un bordello). La Green, 28 anni, ucraina di origine australiana, è stata per un anno con le Femen, condividendo le loro gesta e filmandole in azione. Il documentario mostra una realtà ben diversa da quella che vogliono farci credere. Lo dicono le stesse attiviste che, candidamente, rivelano di essere manipolate da Svyatski: «Senza un uomo dietro non saremmo mai venute fuori». Attività ben retribuite, tra l’altro, come si vede nel filmato, quando a un certo punto, Svyatski afferma: «Dite ad Alexandra che non avrà i suoi 200 dollari se non farà bene la performance».
D’altronde, qualche dubbio sulla veridicità delle loro proteste era già sorta. Ricordate l’acqua santa e le ingiuria contro l’arcivescovo Andre-Joseph Leonard, capo della Chiesa cattolica belga? Ricordate i crocifissi bruciati davanti alla casa museo delle Barbie a Berlino? Ricordate la scenata durante l’Angelus del Papa? A queste signorine il presidente Hollande aveva voluto tributare grande onore con l’immagine della loro leader sul francobollo francese.

COME VI AVEVAMO RACCONTATO. Il documentario della Green conferma quel che Iseul Turan, studentessa di Legge a Parigi, e che si era anch’ella infiltrata nelle Femen, aveva già raccontato a tempi.it: «Sono piene di stereotipi e non vogliono scostarsi dalle loro idee. Sono ignoranti: non conoscono e non vogliono conoscere. Se cerchi un confronto, lo rifiutano. Così, anziché portare le donne nel dibattito pubblico, chiudono il dialogo. Non c’è nessuna riflessione fra loro, solo addestramento». E che si fa durante l’addestramento? «Si corre, si urlano slogan e si imparano i gesti da riproporre durante le azioni. Per il resto le Femen sono innamorate della loro immagine, perciò si preoccupano tanto dei media. Sono una vera e propria agenzia di comunicazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. beppe scrive:

    ehi, cornacchia, scendi dal ramo , apri il becco e portaci la tua verità. noi, sai , siamo dei poveri creduloni e ci beviamo di tutto.

  2. ragnar scrive:

    Sembra che si stia realizzando il sogno di Cetto La Qualunque: un mondo senza lavoro, senza speranza, senza legalità, ma con comunquemente spessatamente infattivamente moltissimamente pilu!

  3. Il cavaliere oscuro scrive:

    E nella mia città (Genova) non state pure invitate alla festa del PD, per parlare delle loro “battaglie”: bello eh?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana