Google+

Enea Salmeggio e il dramma sacro della Deposizione

gennaio 10, 2013 Mariapia Bruno

Ci sono maestri capaci di ricreare nelle loro opere dei veri e propri drammi sacri. L’attenzione al dettaglio, all’espressione dei volti contriti, ai gesti, alla scelta di toni e colori, dove nulla è lasciato al caso, sono elementi indispensabili che bilanciano la sfera degli “affetti”, la portata emozionale che ciascun personaggio ci trasmette. Enea Salmeggio detto il Talpino e considerato il “Raffaello” bergamasco, era uno di questi artisti. Un purista per eccellenza che mise nero su bianco i suoi pensieri e le sue conquiste compositive nel suo Trattato di proporzioni mai andato in stampa. Di lui sappiamo ben poco e la sua storia ce la raccontano le sue opere, intrise di richiami alle composizioni bergamasche di Lorenzo Lotto, prese come spunto in modo un po’ accademico.

Per vederlo da vicino basta andare alla Pinacoteca di Brera di Milano che mette in mostra, fino al 10 marzo 2013, in occasione della 28esima edizione di Brera mai vista, La Deposizione (1602), proveniente dalla chiesa di San Leonardo a Bergamo, diocesi appartenente all’epoca all’antico ordine dei Crociferi, soppresso da papa Alessandro Vi nel 1656. Salmeggia concepisce un set dove le figure in primo piano sono avvolte in vesti smaglianti gialle, rosa e arancio, che spiccano per gli eleganti panneggi che rimandano alla stautaria antica. I loro gesti sono un invito per i devoti a partecipare all’episodio sacro, in un’atmosfera di austera gravità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana