Google+

Elio Toaff, il rabbino “fratello” dei cristiani

aprile 20, 2015 Redazione

BREVE STORIA DELLA REPUBBLICA PER IMMAGINI / SPECIALEÈ morto a Roma Elio Toaff, storico rabbino capo della comunità di Roma, che a fine mese avrebbe compiuto cento anni. Punto di riferimento per generazioni di ebrei italiani, la storia lo ricorderà per il suo incontro nel 1986 in sinagoga con Giovanni Paolo II. Ma Toaff si è sempre segnalato, oltre che per la umanità, anche per il suo costante impegno all’insegna del dialogo, in particolar modo con i cristiani.

E a questi proposito merita di essere ricordata la sua grande onestà intellettuale nei confronti della spinosa questione dei rapporti tra Pio XII e gli ebrei. In particolare, come raccontammo anche nel 2001 sul settimanale Tempi, durante l’incontro di presentazione del libro di Antonio Gaspari Gli ebrei salvati da Pio XII (Auditorium dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata, Roma, 16 febbraio), Toaff disse che «l’aiuto dei cristiani agli ebrei durante gli anni della Shoah spiega che cosa vuol dire l’umanità nel senso della fratellanza».

Fu allora che narrò la sua personale esperienza: «Abitavo ad Ancona a 50 metri dalla Chiesa del Gesù, e conoscevo don Bernardino con cui mi fermavo spesso a parlare, io ebreo lui sacerdote, una stima reciproca. Il nostro rapporto era di amicizia e cordialità. Un giorno mentre tornavo a casa mi venne incontro dicendo “vieni con me ché ci sono i nazisti che ti aspettano” e mi nascose nella canonica finché i militi non se ne andarono. Mi salvò la vita». «E don Francalacci di Pietrasanta – disse ancora Toaff – nascose mio padre, mia madre, mia moglie con il bambino piccolo. Da quel giorno don Francalacci mi ha sempre fatto gli auguri di anno nuovo fino a quando non è scomparso. Quando volevo ringraziarlo, si scherniva e mi diceva: “Siamo fratelli, siamo uguali davanti a Dio. È come se l’avessi fatto a mio fratello…”».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana