Google+

Dossier – L’arte tende a sinistra?

novembre 21, 2013 Mariapia Bruno

Lo sappiamo tutti che le aspirazioni politiche degli artisti influenzano, spesso e volentieri, la resa delle loro opere in termini non solo di soggetto, ma anche di contestualizzazione temporale e stile. E’ ben facile, ad esempio, intuire la tendenza rivoluzionaria – che oggi potremmo facilmente etichettare come “di sinistra” – di Jacques Louis David osservando quel suo famosissimo dipinto che vuol essere la santificazione laica di un rivoluzionario, La morte di Marat (1793), dove persino gli oggetti che circondano il protagonista assumono una funzione simbolica e di reliquia. Ma non tutti sanno che il creatore dell’opera ha autorizzato la riproduzione in serie della stessa a sostegno della causa rivoluzionaria. Una mossa che testimonia la coerenza di credo e d’azione da parte dell’artista e che ci può far porre una domanda: quali sono gli artisti le cui opere sono davvero coerenti con i propri ideali?

Dare una risposta è un’impresa ardua, perché non si tratta solo di individuare soggetti e avvenimenti storici di un certo peso, ma bisogna risalire al metodo e alle tecniche di creazione e diffusione prescelti dagli artisti. Certo, come ben ci ricorda la retrospettiva Art Turning Left (L’arte si muove verso sinistra), aperta alla Tate Liverpool fino al 2 febbraio 2014, molti dei grandi movimenti della storia dell’arte tendono politicamente a sinistra, come il Costruttivismo, il Bauhaus, il Surrealismo e il Situazionismo, ma quanto un personaggio come Salvador Dalí avrebbe apprezzato, ad esempio, una diffusione o un formato per tutti delle sue opere? La retrospettiva britannica, che ospita il dipinto di David, ha individuato altri soggetti che potrebbero essere ascritti al gruppo dei coerenti di stile e credo, come Paul Signac e Maximilien Luce, comunisti e anarchici che, portati spesso in carcere per il loro attivismo politico, dipingevano – come afferma il direttore artistico della sede espositiva Francesco Manacorda – <<la visione di un futuro socialista dove tutti sono felici grazie alla condivisione dei beni>>, adottando anche una tecnica, quella puntinista, in sintonia con le idee politiche radicali.

Ma vale davvero la pena perdersi nella ricerca di veri o verosimili esempi di coerenza? Se davvero vogliamo godere di un’arte che sia – per tutti – un invito alla riflessione, al godimento, all’amore per il bello e per gli altri, non dovremmo lasciare da parte per una buona volta i vecchi pregiudizi?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download