Google+

Cosroe Dusi, pittore in fuga alla corte degli zar

luglio 4, 2012 Mariapia Bruno

«S’illuminò di nuovo la città, essendo già le notti oscure. La luna brillava bellissima nel suo pieno, quindi godetti di una bella sera, l’effetto dei lumi in tutta la città non visto da tanto tempo mi rallegrò, perché mi pareva di essere ritornato già alle nostre regioni d’Italia…». Scrive così nel suo diario il pittore Cosroe Dusi (Venezia 1808- Marostica 1859), il 12 agosto del 1840, quando, a San Pietroburgo, sentiva la nostalgia della sua Venezia, città che lasciò più volte in cerca di fortuna. Romantico e colorista, Dusi fu apprezzato per la finezza e l’energia nel disegno, per la precisione dei dettagli nelle opere di ambientazione storica – fu infatti insignito del titolo di “pittore di storia” – e per la grande naturalezza che riusciva a far trasparire dalle espressioni dei suoi personaggi. Per questo e per tanti altri pregi divenne anche pittore di corte dello Zar Nicola I presso cui lavorò fino a qualche anno prima di tornare in Italia e morire a Marostica, città che da sabato 7 luglio gli dedica la mostra Cosroe Dusi 1808-1859. Diario artistico di un veneziano alla corte degli zar.

Visibile fino al 14 ottobre 2012 al Castello Inferiore, l’evento esporrà una ricca serie di opere – dipinti, acquerelli, disegni – recuperati tra chiese, musei e collezioni private tra cui spiccano 12 disegni inediti prestati dall’Hermitage di San Pietroburgo, l’Alcibiade – opera giovanile che testimonia un precoce virtuosismo compositivo -, e Il caffè – un autoritratto con la moglie Antonia Ferrari e la famiglia di lei dove il verde delle tazze di caffè e della caffettiera rompe la monotona monocromia del dipinto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Più grande e di conseguenza più spaziosa, la Countryman cambia nel volume (+20 centimetri di lunghezza, +3 di larghezza, +7,5 di passo) ma non nelle proporzioni, che restano equilibrate ed armoniche. All’interno trovano posto cinque passeggeri, non più costretti a stringersi, specie dietro; più che discreta la capacità del bagagliaio, che parte da 450 litri per […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper SD proviene da RED Live.

Cruiser o touring? La scelta non si impone, anzi… La nuova Indian Springfield racchiude in sé entrambe le anime e fa della versatilità la sua caratteristica peculiare. Gli appassionati del marchio americano chiedevano da tempo un modello capace di competere con l’Harley Road King, una hard bagger con le potenzialità di una tourer macina chilometri […]

L'articolo Prova Indian Springfield proviene da RED Live.

LIVE Uscire dal seminato, e dagli stereotipi. Ci sono auto ricercate perché “le hanno tutti” e altre che invece offrono un punto di vista differente sul concetto di auto premium. Se siete tra chi cerca qualcosa di diverso, allora potete inserire senza ombra di dubbio Volvo nel carniere dei concessionari da visitare. La casa svedese […]

L'articolo Prova Volvo V60 Cross Country proviene da RED Live.

È arrivato all’EICMA del 2015, come un fulmine a ciel sereno. Allora si chiamava City Adventure ed ebbe tutti gli occhi addosso. Guardandolo si intuiva che non sarebbe stato un concept fine a se stesso. Troppo definiti i dettagli, troppo precise le saldature, troppo belli i cerchi a raggi (con il posteriore da 15 pollici) […]

L'articolo Prova Honda X-ADV proviene da RED Live.

L’erede diretto del V si aggiorna. Tra le novità, una maggiore leggibilità e l’incremento della memoria, che da 8 passa a 16 GB. Disponibile da marzo

L'articolo BMW Motorrad Navigator VI proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana