Google+

Cinema – Il genio di Lina Wertmüller dietro gli occhiali bianchi al cinema

settembre 19, 2015 Mariapia Bruno

VENEZIA – I documentari cinematografici sono sempre una materia complessa. Non è facile parlare di film con altri film: è alto il rischio di confondere le acque, di eccedere nel materiale di download (1)repertorio,  di realizzare un maxi trailer di vecchie produzioni. Dietro gli occhiali bianchi è invece l’esempio di una produzione riuscita, un ottimo esempio di come sia possibile parlare di cinema utilizzando il linguaggio cinematografico per creare una nuova opera, capace di dare il via a nuove idee e a nuovi stimoli. E il soggetto non era affatto dei più facili: la vita di Lina Wertmüller racconta i momenti luminosi e bui del cinema italiano, dai fasti felliniani ai momenti televisivi odierni. Inoltre, ad essere raccontata è l’immagine di una donna magnetica e intelligente.

Il regista, Valerio Ruiz, ha sapientemente selezionato il materiale di una vita, riproponendo con suggestioni e tocchi virtuosi, mai ingombranti, momenti memorabili di una carriera impegnata nel cinema. Formidabili le riprese effettuate sul set di (1962) dalla giovane aiuto regista Lina, mentre interessantissimo è tutto il lavoro nelle sue prime regie, sottolineando il valore sociale, politico e narrativo di quelle opere. I titoli chilometrici di Travolti da un insolito destino (1974), Mimì Metallurgico (1972), Film d’amore e d’anarchia (1973), Tutto a posto e niente in ordine (1974), fino a Pasqualino Settebellezze (1975), che valse alla Wertmuller la candidatura all’Oscar come miglior regista nel 1977, prima donna al mondo a ricevere tale onore. Una sfilza di capolavori che al giorno d’oggi continuano download (2)a stupire per la loro disarmante attualità e per la loro freschezza compositiva. Caratteristica che oltreoceano era già stata capita, con critici come John Simon a patrocinare l’operato della regista romana. Il documentario è didattico ma sempre coinvolgente e mai noioso, componendo un caleidoscopio di testimonianze e di momenti toccanti, come la vita quotidiana di Lina e la sua lunga storia d’amore con il marito, scenografo e artista, Enrico Job (1934 – 2008). Non viene dimenticato il periodo più difficile, quello di film meno riusciti e del graduale allontanamento dallo schermo, a tutto vantaggio di rappresentazioni teatrali e operistiche.

La Wertmüller si presenta per come è, una donna energica e vibrante, dotata di graffiante ironia e capace di scandagliare l’animo umano, prevedendo molte mode che avrebbero preso piede. Autrice completa, non ha mai perso la forza di scrivere sceneggiature, lavorando in maniera costante e sempre desiderosa di mettersi in gioco. A testimoniare questo afflato creativo ci sono i suoi attori, da Giancarlo Giannini alla compianta Mariangela Melato, fino ad arrivare ad un fan come Martin Scorsese, da downloadsempre attento al lavoro dei colleghi. Il film, con una regia pulita e di effetto, esalta questa passione con azzeccate sequenze di oggetti e di coinvolgenti riprese dall’alto e in casa, avendo bene in mente la vita da mostrare. Presentato alla 72esima Mostra cinematografica di Venezia, in una sentita ed affollata premiere – e noi c’eravamo – ha partecipato in concorso alla Sezione Classici, ed è ora nelle sale UCI Cinemas nelle date evento del 21, 22 e 23 settembre. In anteprima sarà presentato anche al cinema Farnese di Roma, nella rassegna dedicata al festival. Un’occasione da non perdere, non solo per vedere un ottimo documentario, ma anche per conoscere una figura imprescindibile nel cinema mondiale. La filmografia di Lina Wertmüller, per certi aspetti non sempre valorizzata tra il grande pubblico, merita lavori divulgativi come questo, capaci di scatenare la curiosità e l’interesse nel conoscerla meglio.

Dietro gli occhiali bianchi, 2015, di Valerio Ruiz, con Lina Wertmüller, Martin Scorsese, Giancarlo Giannini, Sofia Loren, Recalcati Multimedia, 104′, al cinema il 21-22-23 settembre

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana