Google+

Ridiciamolo anche oggi. La satira è una gran bella cosa, la religione ancora di più

gennaio 10, 2015 Pino Suriano

Sono trascorse le 48 ore di politicamente corretto? Quelle in cui ogni parola fuori dal coro è quella di un irresponsabile che non possiede il senso della realtà? Ok, allora procedo.

I grandi eventi trasformano la vita e anche l’arte, cambiano i miti, fanno nascere nuovi eroi. E già me li vedo, tanti sedicenni col fuoco dentro, alla scoperta curiosa della satira religiosa, nuovo simbolo della propria ansia di giustizia e libertà. Lasceranno la chitarra e prenderanno la matita.

Oggi che l’eroe è la satira, e l’antieroe, per molti, troppi, sono diventate le religioni (tutte, indistintamente, leggete qui il bel post di Casadei): i loro simboli, il sentirli sacri, preziosi.

E allora proprio oggi voglio scriverlo, proprio nei giorni in cui riscopriamo l’immenso valore della libertà di espressione. “Cari sedicenni col fuoco dentro, la satira è una cosa bella da difendere, ma è una gran bella cosa anche il cercare senso alla nostra vita, e l’aggrapparsi, in questa avventura delle avventure, a segni, simboli, libri, facce, riti, storie. Umana, ragionevole, frutto di quello stesso fuoco dentro che vi porta a cercare e scoprire nuovi eroi”.

È una bella cosa saper ridere, anche deridere, ma lo è di più il cercare, lo è di più il pregare. E il cristiano inginocchiato, l’islamico a digiuno, il buddista in silenzio, continueranno a essermi più simpatici di chi, guardandoli, trova un motivo per ridere.

Per cui anch’io sono Charlie, ma se proprio posso scegliere il mio eroe personale, come migliaia di francesi stanno facendo in questo momento, dico che “io sono Ahmed, il poliziotto morto. Charlie Hebdo metteva in ridicolo la mia fede e la mia cultura e io sono morto per difendere il suo diritto di farlo“.

Sono un po’ come lui, ma con la gratitudine di essere stato “preso” dalla religione (ma sarebbe meglio dire dalla vicenda, dalla storia) di un Dio che non chiede di uccidere vite, ma addirittura dà la Sua.

Ora fate pure la vignetta, tanto resta vero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

9 Commenti

  1. Roberto scrive:

    Condivido completamente.
    grazie,

  2. l'agnostico scrive:

    La religione è l’oppio dei popoli!!!

  3. Barbara scrive:

    Grazie! Ci vuole coraggio! Mi ritrovo in quello che scrive

  4. rosso porpora scrive:

    Condivido pienamente. Sto con il poliziotto che faceva il suo dovere ucciso da esseri non più umani al pari dei nazisti, da politici ottusi che ballano sul Titanic e dal dio denaro del petrolio

  5. roberto scrive:

    No!
    Io sono libero, perché Dio mi ha creato libero
    e per questa libertà donata sono disposto a morire o andare in prigione.

    • Raider scrive:

      Lieto di sentirglielo dire. Vale anche per altri: ma non tutti sono disposti nemmeno a subire le ramanzine degli imam del e dei guru laici della religione del Pensiero Unico.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana