Google+

Benedetto XVI invita Barenboim a Castel Gandolfo

luglio 9, 2012 Mario Leone

Il 1 giugno 2012 quando papa Benedetto XVI presenziò al concerto in suo onore nella splendida cornice del Teatro alla Scala di Milano, fu chiaro ai molti presenti che tra lui e il direttore Daniel Barenboim si era instaurata un’immediata simpatia. Ne abbiamo conferma leggendo un’agenzia di queste ultime ore che riporta l’invito fatto dal Pontefice a Daniel Barenboim e alla  West – Eastern Divan Orchestra (quest’ultima fondata dallo stesso direttore nel 1999) per un concerto privato che si terrà l’11 luglio 2012 presso lo storico Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo, ormai da molti anni residenza estiva del successore di Pietro. Programma della serata la V e la VI sinfonia di L. V. Beethoven, compositore tanto amato dal Santo Padre. Nel dare l’annuncio dell’invito Barenboim ha ricordato lo sforzo di Benedetto XVI affinché «si raggiunga una comprensione reciproca tra ebrei, cristiani e musulmani».

Allo stesso modo il rispetto reciproco tra culture e religioni diverse è l’ideale sul quale si fonda la West Eastern Divan Orchestra che vede tra le sue fila giovanissimi musicisti provenienti da paesi quali Israele, Palestina, Giordania, Egitto, Libano, Algeria, Tunisia e Spagna.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Carlo Candiani scrive:

    Non mi voglio atteggiare ad esperto di musica classica, ma ho trovato l’esecuzione della nona, nell’occasione della visita del Papa a Milano, troppo “pesante” e senza cambi di passo.
    Sicuramente sbaglio, non vorrei contraddire la sensibilità musicale di Benedetto XVI. Mi puoi aiutare a capire meglio, maestroleone?

  2. Mario Leone scrive:

    Carlo a breve scriverò un post di risposta. Qualche giorno di pazienza! Mario

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova generazione della compatta francese riprende alcuni elementi stilistici della crossover C4 Cactus e può contare su possibilità di personalizzazione sconosciute al vecchio modello. Balzo generazionale quanto a infotainment e dotazioni di sicurezza.

Sono passati 30 anni dalla prima vittoria alla Grande Boucle. Per festeggiare l'evento il brand francese lancia un'edizione limitata di 200 esemplari della sua punta di diamante e un concorso fotografico sui Social

Ispirata nel design alla 911, la seconda generazione della berlina sportiva tedesca cambia tanto nell’aspetto quanto nel layout dell’abitacolo e nella meccanica. Top di gamma la Turbo da 550 cv. Debuttano il cambio PDK a 8 marce e l’assale posteriore sterzante.

Nata per le competizioni, si è evoluta attraverso cinque generazioni e 30 anni sino a divenire una berlina dal fascino unico, ideale punto d’incontro di performance e stile. Ecco la storia della BMW M3.

L’edizione speciale della city car torinese, realizzata in collaborazione con i cantieri nautici Riva, può contare su di una ricca dotazione di serie e finiture pregiate in radica e pelle. Prezzi al lancio, sia per la versione chiusa sia per la cabrio, da 17.900 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana