Google+

Benedetto XVI invita Barenboim a Castel Gandolfo

luglio 9, 2012 Mario Leone

Il 1 giugno 2012 quando papa Benedetto XVI presenziò al concerto in suo onore nella splendida cornice del Teatro alla Scala di Milano, fu chiaro ai molti presenti che tra lui e il direttore Daniel Barenboim si era instaurata un’immediata simpatia. Ne abbiamo conferma leggendo un’agenzia di queste ultime ore che riporta l’invito fatto dal Pontefice a Daniel Barenboim e alla  West – Eastern Divan Orchestra (quest’ultima fondata dallo stesso direttore nel 1999) per un concerto privato che si terrà l’11 luglio 2012 presso lo storico Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo, ormai da molti anni residenza estiva del successore di Pietro. Programma della serata la V e la VI sinfonia di L. V. Beethoven, compositore tanto amato dal Santo Padre. Nel dare l’annuncio dell’invito Barenboim ha ricordato lo sforzo di Benedetto XVI affinché «si raggiunga una comprensione reciproca tra ebrei, cristiani e musulmani».

Allo stesso modo il rispetto reciproco tra culture e religioni diverse è l’ideale sul quale si fonda la West Eastern Divan Orchestra che vede tra le sue fila giovanissimi musicisti provenienti da paesi quali Israele, Palestina, Giordania, Egitto, Libano, Algeria, Tunisia e Spagna.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

2 Commenti

  1. Carlo Candiani scrive:

    Non mi voglio atteggiare ad esperto di musica classica, ma ho trovato l’esecuzione della nona, nell’occasione della visita del Papa a Milano, troppo “pesante” e senza cambi di passo.
    Sicuramente sbaglio, non vorrei contraddire la sensibilità musicale di Benedetto XVI. Mi puoi aiutare a capire meglio, maestroleone?

  2. Mario Leone scrive:

    Carlo a breve scriverò un post di risposta. Qualche giorno di pazienza! Mario

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

FIAT Freemont: dall’anonimato a stelle e strisce al successo europeo. Abbandona il marchio Dodge e il nome Journey, si rifà il trucco e diventa protagonista nelle vendite tra i crossover, un successo inatteso? Forse no.

La seconda generazione della supercar tedesca abbandona l’originario V8 4.2 per affidarsi esclusivamente al V10 5.2 Lamborghini negli step da 540 e 610 cv. Più leggera di 50 kg rispetto al passato, verrà affiancata da una variante elettrica da 462 cv.

La crossover di media cilindrata più venduta in Italia si rinnova nel look, ora più aggressivo e avventuroso. In sella sorprendono la facilità di guida e la fluidità del bicilindrico, ancora più docile che in passato. L’ABS è di serie. Costa 8.590 euro

Derivata dalla nota 650S, la versione LongTail della supercar inglese scatta da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e raggiunge i 330 km/h. Pesa quasi 200 kg meno del modello standard.

Personalizzata dall’atelier Garage Italia Customs, nato da un’idea del giovane Elkann, la crossover italiana abbina un’originale livrea spigata a materiali pregiati a profusione quali radica, denim, cashmere e Alcantara. Un salotto su ruote.

Speciale Nuovo San Gerardo