Google+

Alla scoperta del cinquecentesco Oratorio del Gonfalone

maggio 31, 2012 Mariapia Bruno


Tra il 1544 e il 1547 la Confraternita del Gonfalone costruisce a Roma, in una traversa di via Giulia in Campo Marzio, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, meglio nota come Oratorio del Gonfalone, oggi sede del Coro Polifonico Romano. Questo luogo pieno di storia custodisce una serie di incantevoli affreschi che raccontano la Passione di Cristo, realizzati da diverse maestranze che lavorarono al suo interno in un periodo storico abbastanza controverso, quello a cavallo tra il Rinascimento e il Barocco. Marcantonio del Forno con la sua Cattura di Cristo, Livio Agresti con l’Ultima Cena e il Viaggio al Calvario, Daniele da Volterra con la Crocifissione e la Deposizione, Marco da Siena con la Risurrezione, sono solo alcuni dei pittori del Manierismo ad aver contribuito – insieme ad Ambrogio Bonazzini che ha intagliato il soffitto ligneo con la raffigurazione della Vergine e dei Santi Pietro e Paolo –  alla creazione di quella che è stata definita la “Cappella Sistina della Controriforma”, che viene raccontata a Tempi dallo storico dell’arte Mirko Baldassarre nel video qui accanto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana