Google+

Al festival di Savigno per scoprire e mangiare il tartufo bianco pregiato

novembre 3, 2015 Tommaso Farina

tartufo-bianco-alba

Dici “tartufo” e pensi ad Alba. Ed è giusto. La piccola capitale delle Langhe ha ipotecato la fama del tartufo bianco pregiato, legandola a sé. È lì che questi funghi, un tempo considerati non più che strane patate puzzolenti, hanno cominciato a essere apprezzati, e dunque valorizzati. Però Alba non è il solo posto che lega la sua immagine al tartufo, anche senza considerare che ad Alba si vende anche eccellente tartufo proveniente da altre zone.

Sui Colli Bolognesi, c’è un paesino, Savigno, oggi inglobato nel nuovo comune di Valsamoggia assieme ad altri quattro piccoli agglomerati vicini. Ebbene: in tutta la zona si sa che se si vogliono cercare e mangiare ottimi tartufi, occorre andare a Savigno. Ed è per questo che la lunga tradizione trifolaia della zona è celebrata, da decenni, in una sagra che si svolge dai primi di novembre.

Dal 2015, la svolta: la cara Tartufesta (così si chiamava) si è mutata in Festival Internazionale del Tartufo Bianco Pregiato. Le autorità politiche, la locale Pro Loco e molti imprenditori della zona che hanno dato il loro supporto, si sono resi conto che alla piccola sagra si vedevano molti ghiottoni stranieri: perché dunque non provare a dare un respiro più ampio a un evento che coinvolge un prodotto, il tartufo, simbolo della gola a livello mondiale, ma anche di quei prodotti di lusso il cui consumo non conosce crisi?

Ecco dunque che il Festival Internazionale, iniziato lo scorso sabato 31 ottobre e inaugurato domenica 1 novembre dal sindaco di Valsamoggia, Daniele Ruscigno, e dal presidente regionale emiliano Stefano Bonaccini, si appresta ad allietare i visitatori del borgo di Savigno anche nei successivi fine settimana del 7-8 e 14-15 novembre.

Sotto il tendone allestito nella piazza grande, c’è anzitutto il ristorante, presidiato dai giovani della scuola alberghiera di Serramazzoni (Modena), e capitanato da chef di grande importanza. Il sabato sera, sono previste cene a tema: il 7 novembre il ricavato sarà devoluto Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica FFC, mentre il 14 novembre sarà protagonista l’associazione ViviValsamoggia. Le domeniche, come già accaduto il giorno di Ognissanti, le cucine saranno invece presidiate da Igles Corelli, chef pluristellato e premiatissimo, che proporrà un menù che spazierà dai passatelli al tartufo alle polpette di razza Mora romagnola.

Tutt’intorno al grande spazio, Savigno brulicherà di bancarelle dei propri commercianti di cose buone: macellai, panificatori e fungaioli proporranno salsicce al tartufo, ciccioli, prosciutti, formaggi, crescenti (sorta di focacce bolognesi) coi tartufi, tigelle e molto altro. Inutile dire che troverete in vendita anche gli stessi tartufi bianchi. Parimenti, troverete gli stand dello street food, anch’essi dediti alle tigelle, ma anche ai tipicissimi borlenghi emiliani, tutti da gustare.

tartufo-bianco-savigno

In piazzetta Marconi, a orari prestabiliti, è pure possibile partire alla volta di una tartufaia per seguire la ricerca di tartufi da parte di trifolai (ma qui si chiamano tartufini) di specchiata esperienza, naturalmente accompagnati dagli inseparabili e indispensabili cani. Nella stessa piazzetta, sono inoltre presenti una piccola mostra di micologia, e la scrivania di Zap & Ida, due popolari vignettisti che, armati del fido pennarello, improvviseranno calembour grafici e umoristici ispirati ai visitatori che glieli chiederanno. Una bella gita è dunque tempo bene investito. Ogni informazione utile è reperibile con chiarezza sul sito web del festival. Buon tartufo a tutti.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana