Google+

Al festival di Savigno per scoprire e mangiare il tartufo bianco pregiato

novembre 3, 2015 Tommaso Farina

tartufo-bianco-alba

Dici “tartufo” e pensi ad Alba. Ed è giusto. La piccola capitale delle Langhe ha ipotecato la fama del tartufo bianco pregiato, legandola a sé. È lì che questi funghi, un tempo considerati non più che strane patate puzzolenti, hanno cominciato a essere apprezzati, e dunque valorizzati. Però Alba non è il solo posto che lega la sua immagine al tartufo, anche senza considerare che ad Alba si vende anche eccellente tartufo proveniente da altre zone.

Sui Colli Bolognesi, c’è un paesino, Savigno, oggi inglobato nel nuovo comune di Valsamoggia assieme ad altri quattro piccoli agglomerati vicini. Ebbene: in tutta la zona si sa che se si vogliono cercare e mangiare ottimi tartufi, occorre andare a Savigno. Ed è per questo che la lunga tradizione trifolaia della zona è celebrata, da decenni, in una sagra che si svolge dai primi di novembre.

Dal 2015, la svolta: la cara Tartufesta (così si chiamava) si è mutata in Festival Internazionale del Tartufo Bianco Pregiato. Le autorità politiche, la locale Pro Loco e molti imprenditori della zona che hanno dato il loro supporto, si sono resi conto che alla piccola sagra si vedevano molti ghiottoni stranieri: perché dunque non provare a dare un respiro più ampio a un evento che coinvolge un prodotto, il tartufo, simbolo della gola a livello mondiale, ma anche di quei prodotti di lusso il cui consumo non conosce crisi?

Ecco dunque che il Festival Internazionale, iniziato lo scorso sabato 31 ottobre e inaugurato domenica 1 novembre dal sindaco di Valsamoggia, Daniele Ruscigno, e dal presidente regionale emiliano Stefano Bonaccini, si appresta ad allietare i visitatori del borgo di Savigno anche nei successivi fine settimana del 7-8 e 14-15 novembre.

Sotto il tendone allestito nella piazza grande, c’è anzitutto il ristorante, presidiato dai giovani della scuola alberghiera di Serramazzoni (Modena), e capitanato da chef di grande importanza. Il sabato sera, sono previste cene a tema: il 7 novembre il ricavato sarà devoluto Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica FFC, mentre il 14 novembre sarà protagonista l’associazione ViviValsamoggia. Le domeniche, come già accaduto il giorno di Ognissanti, le cucine saranno invece presidiate da Igles Corelli, chef pluristellato e premiatissimo, che proporrà un menù che spazierà dai passatelli al tartufo alle polpette di razza Mora romagnola.

Tutt’intorno al grande spazio, Savigno brulicherà di bancarelle dei propri commercianti di cose buone: macellai, panificatori e fungaioli proporranno salsicce al tartufo, ciccioli, prosciutti, formaggi, crescenti (sorta di focacce bolognesi) coi tartufi, tigelle e molto altro. Inutile dire che troverete in vendita anche gli stessi tartufi bianchi. Parimenti, troverete gli stand dello street food, anch’essi dediti alle tigelle, ma anche ai tipicissimi borlenghi emiliani, tutti da gustare.

tartufo-bianco-savigno

In piazzetta Marconi, a orari prestabiliti, è pure possibile partire alla volta di una tartufaia per seguire la ricerca di tartufi da parte di trifolai (ma qui si chiamano tartufini) di specchiata esperienza, naturalmente accompagnati dagli inseparabili e indispensabili cani. Nella stessa piazzetta, sono inoltre presenti una piccola mostra di micologia, e la scrivania di Zap & Ida, due popolari vignettisti che, armati del fido pennarello, improvviseranno calembour grafici e umoristici ispirati ai visitatori che glieli chiederanno. Una bella gita è dunque tempo bene investito. Ogni informazione utile è reperibile con chiarezza sul sito web del festival. Buon tartufo a tutti.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download