Google+

Cosa mi permette, dopo 45 anni, di festeggiare ancora la mia ordinazione

luglio 8, 2016 Aldo Trento

aldo-trento-messa

Pubblichiamo la rubrica di padre Aldo Trento contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Era il 20 giugno 1971 quando, nella cattedrale della bellissima cittadella “dai cento orizzonti”, come la chiamò Giosuè Carducci, venivo ordinato sacerdote insieme a sei compagni di seminario. Una commozione e gioia profonda in quel tardo pomeriggio invadeva il mio cuore quando il vescovo, dopo avermi unto le mani con il Santo Crisma, mi pose le sue sulla testa consacrandomi sacerdote “in aeternum”. In quel momento, accadeva in me un cambio ontologico, come quello del battesimo. Se con il battesimo ero diventato una nuova creatura, un figlio di Dio, con il sacerdozio ero diventato un “Alter Christus”, con il potere di perdonare i peccati e di trasformare il pane e il vino nel corpo e sangue di Cristo.

Ma chi ero io per essere stato scelto fin dall’età di 11 anni non solo ad essere tutto suo ma a farmi partecipe del suo sacerdozio, dandomi il potere più grande che ci sia perché è esclusività di Dio il potere di perdonare i peccati? Un potere che neanche alla Madonna o agli angeli è concesso. Quante volte ho guardato queste mie mani, spesso usate male, le mani di un povero peccatore, eppure nello stesso tempo le mani di Gesù chiamate a perdonare i peccati. Mani chiamate ad accarezzare, consolare, asciugare lacrime di quanti soffrono.

Quel giorno, nella romanica cattedrale di Asolo, dove san Pio X aveva ricevuto la cresima, i primi a baciare le mie mani consacrate erano stati mio padre e mia madre. Erano tesi per la commozione di aver visto il loro primo figlio che li aveva abbandonati in tenera età per entrare in seminario. Avevano sofferto molto per quella scelta.

Avevo 11 anni e le idee molto chiare sulla mia vocazione. Una chiarezza che veniva da lontano, come mi disse mia madre il giorno della mia ordinazione: «Figlio, già quando ero fidanzata con tuo padre avevamo promesso al Signore che il primo figlio, non importa se maschio o femmina, l’avremmo donato a Lui. Così, quando sei nato tu, tutti gli anni nella notte fra il 24 e il 25 di marzo, giorno dell’Annunciazione dell’Angelo alla Vergine Maria, ci alzavamo e ci mettevamo in ginocchio ai piedi del letto per recitare il santo rosario, perché la Madonna ci desse la grazia che tu fossi un giorno sacerdote. La Madonna ci ha ascoltato e ora continueremo con lo stesso gesto finché avremo vita perché tu sia fedele a questa vocazione».

Sono passati 45 anni da quel giorno e mentre sto scrivendo un nodo mi chiude la gola mentre gli occhi sono umidi perché senza quel gesto, fra il 24 e il 25 di marzo, senza quel proposito che li ha visti decisi a offrire a Gesù il loro primo figlio, oggi, 20 giugno 2016, non festeggerei l’anniversario della mia ordinazione.

Guardando il cammino percorso, ciò che domina “come una torre in un deserto” è la misericordia di Dio e l’amore della Madonna che non solo hanno impedito che la mia fragilità affettiva e l’ideologia mi travolgessero, ma il fatto che dovunque cercavo di scappare la Grande Presenza mi precedeva aiutando la mia libertà ad arrendersi davanti a questa infinita misericordia.

Strumento di misericordia
Sono caduto spesso e volentieri, ma con la grazia della Madonna, a differenza di tanti, non ho mai gettato la spugna. Posso dire con san Paolo «dove abbondò il peccato, sovrabbondò la grazia». Per moltissima gente sono stato motivo di speranza, per altri di sofferenza. Però una cosa è certa: tutte le mie fragilità sono state il frutto di una grande passione per l’altro.

Certamente non sono ancora arrivato alla meta, non sono ancora giunto alle cime più alte delle Dolomiti, ma pian piano che scalo queste vette vivo una gioia e pace profonde, piene di gratitudine alla Madonna che mi sostiene in quest’ultima fatica che mi rimane prima di toccare il Cielo ed entrarvi per sempre.

Quel 20 giugno 1971 non potevo immaginare ciò che Dio avrebbe fatto di me lasciandomi conoscere ogni tipo di fragilità umana fino a precipitare nell’abisso della disperazione. L’unica cosa che non ho mai conosciuto è stato il borghesismo, il politicamente corretto, la tranquillità, i veri peccati che uccidono l’anima. Ora, finalmente, mi rendo conto di cosa Dio ha fatto di me: uno strumento della sua misericordia, e le opere di carità ne sono l’evidenza.

paldo.trento@gmail.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana