Google+

È morto Ausonio Zappa. La lettera del figlio Gianluca

aprile 10, 2012 Redazione

Non ce l’ha fatta Ausonio Zappa, 82 anni, fondatore del Naba di Milano è stato aggredito da una banda la notte tra il 27 e il 28 marzo. I malviventi erano quattro giovani rumeni, tra i 19 e i 25 anni, ora agli arresti. Riproduciamo il commento che il figlio Gianluca ha pubblicato in rete dopo l’aggressione.

È morto Ausonio Zappa. Era stato aggredito nella sua casa, una villa a Bagnaia, sui Monti Cimini, in provincia di Viterbo. 82 anni, fondatore del Naba (Nuova Accademia di Belle Arti) di Milano, dell’accademia di Viterbo, oltre che dell’Accademia Britannica di Roma. La notte del 28 marzo era stato massacrato a sprangate e pugni per aver dato l’allarme da una banda di ladri. I malviventi, quattro giovani rumeni, tra i 19 e i 25 anni, tra i quali il figlio di un ex badante di una parente della vittima, sono stati arrestati.
Nelle ore immediatamente seguenti alla rapina, il figlio di Ausonio, Gianluca, aveva postato questo commento in rete. Lo riproduciamo di seguito.

A proposito di quanto è successo a mio padre
Ormai lo sapete tutti, perché è un caso nazionale: mio padre è stato ridotto in fin di vita per niente, da quattro balordi romeni. Il fatto ha destato scalpore e scandalo, perché del tutto gratuito, irrazionale, stupido. Non si può ammazzare così una persona inerme e pacifica. Non c’è movente, non ci sono dietrologie da fare, non c’è niente che possa giustificare la gravità dell’accaduto.

La cosa più facile e immediata è dire che questi extracomunitari sono tutti mascalzoni e vanno tolti di mezzo. È una reazione comprensibile e che, in parte, tocca un problema reale. Questa banda era stata identificata, era tenuta d’occhio. Ma ci si chiede perché mai dei simili balordi non vengano subito neutralizzati, per prevenire. Non basta identificarli, se poi possono colpire come e quando vogliono. Nell’Italia ipergarantista sentiamo tutti un senso d’impotenza: chi delinque riesce sempre a farla franca. E’ vero che le forze dell’ordine non riescono a controllare perfettamente il territorio, ma è anche vero che vivono la frustrazione continua di veder vanificati i loro sforzi, magari da qualche procuratore di “larghe vedute”. La durezza e la certezza della pena sarebbe di certo un deterrente. Comunque la cosa peggiore, in questi casi, è scatenare la caccia all’extracomunitario, anche perché si farebbe di tutta l’erba un fascio e si sposterebbe il vero problema, che è quello della cultura.

I quattro balordi erano figli di genitori provenienti dalla distruzione culturale e morale del comunismo. Ma la cultura che hanno incontrato qui da noi, in Occidente, è sana? No. Non c’è alcuna differenza tra una banda di romeni e una banda di bulli perfettamente italiani. Stesso degrado, stessi obiettivi, stessi “miti” sbagliati, stessa mancanza di valori, di dignità di onestà, di senso del sacrificio e del dovere. Stesso individualismo, edonismo, egoismo, materialismo. L’impatto con un Occidente degenerato non fa che peggiorare una giàdegradata provenienza culturale.

È facile arrabbiarsi, indignarsi, scaricare il problema sulle istituzioni, sui politici, sulle forze dell’ordine. Ma siamo disposti a cambiare testa, a cambiare cultura? Siamo disposti tutti a una “conversione”? Abbiamo buttato elegantemente nel cestino la cultura cristiana che ci ha fatto grandi, che ha generato opere d’arte, opere di misericordia, una convivenza civile basata sul senso del rispetto, dell’onore, della responsabilità, della solidarietà. Cosa ci è rimasto? Il nulla.

Le teorie pedagogiche in voga non sono più nemmeno in grado di dire con chiarezza ciò che è bene e ciò che è male, ciò che è giusto e ciò che non lo è. Abbiamo messo in crisi il valore dell’autorità, abbiamo predicato il lassismo morale, che crede nella “spontaneità” dell’individuo solo perché non ha mete precise da proporre, che è tollerante di tutte le idee perché non sa difenderne una. Tant’è vero che questa cultura, messa poi alla prova, non riesce nemmeno a darci leggi chiare, giuste, rigorose.

Ci laviamo volentieri le mani. Qualcuno chiede di impedire via Internet o via tv la diffusione di certi contenuti, di certi siti, di certe schifezze o violenze? È censura, non si può fare. Qualcuno chiede di segnalare il minorenne pericoloso? Bisogna stare attenti, c’è la sacrosanta privacy. Qualcuno prende provvedimenti disciplinari a scuola? Le famiglie credono si saperne di più dei professori, quando non sono gli stessi professori a disinteressarsi completamente del loro ruolo di educatori.

L’uomo ridotto a merce, ad animale che consuma, l’individuo ridotto a massa da plasmare, da strumentalizzare… è con tutto questo che l’Occidente deve fare i conti. Per non piangere poi lacrime di coccodrillo. E l’Occidente siamo noi. Dobbiamo tornare alle fonti dello spirito, alla trascendenza, a Dio. Dobbiamo tornare ad una misura che ci supera infinitamente. Dobbiamo tornare a guardare in alto, darci traguardi impegnativi e calare tutto questo nella società, con tutti i mezzi possibili. Non dobbiamo vergognarci delle nostre radici, dei nostri grandi valori cristiani, della nostra fede, se ancora ce l’abbiamo. Dobbiamo tornare a giudicare tutto a partire da questa fede e costruire su di essa una società che sarà di sicuro più a misura d’uomo.
È urgente. Per noi, per i nostri figli, per i nostri cari.
Gianluca Zappa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. nano says:

    La barbarie non ha perdono. Bisogna prenderli e dargli tante di quelle botte fino a fargli chiedere in ginocchio di toglierli la vita. Poi a questo punto, carcere 20-30 anni e poi rispedirli nella cara Romania, che dall’apertura delle frontiere è diventata uno delle nazioni piu’ sicure e civili….chissà perchè…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.