Google+

Anche la Santa Sede soffre la crisi economica, ma aumentano le collette dei fedeli

luglio 6, 2012 Benedetta Frigerio

Il bilancio della Santa Sede è in rosso di 14 milioni di euro. Ma il canone passa da 27,3 a 32,1 milioni e l’Obolo di San Pietro da 67,7 a 69,7 milioni. In attivo invece il bilancio dello Stato vaticano.

La Chiesa non è solo quella dei palazzi, c’è un popolo di credenti che vive una fede sincera e fervente. E colpisce oggi che quel “gregge”, mentre la crisi economica imperversa e la Santa Sede presenta buchi di bilancio non indifferenti, apra più generosamente di prima le proprie tasche per sostenere la Chiesa in difficoltà.

Infatti, mentre la Santa Sede presenta un bilancio di circa 14 milioni di disavanzo, il canone, ossia il contributo delle diocesi di tutto il mondo alle attività della Santa Sede, è aumentato passando da 27,3 a 32,1 milioni di dollari. E anche le offerte all’Obolo di San Pietro, destinate alle attività caritative del Pontefice, sono passate da 67,7 a 69,7 milioni di dollari. Per finire, i contributi dei vari istituti religiosi e fondazioni sono aumentati in un solo anno del 74 per cento.

Se il bilancio della Santa Sede è andato in rosso, ha spiegato il portavoce del Vaticano padre Federico Lombardi, è per via «della crisi dei mercati finanziari» e dei «capitoli di spesa più impegnativi relativi al costo del personale e ai mezzi di comunicazione sociali», con introiti provenienti dalle proprietà immobiliari «inferiori a quelli degli anni precedenti». Ad evitare, però, che il bilancio fosse ancora più negativo è stato lo Ior, che ha versato come ogni anno il suo contributo e che nel 2011 ha dato alle casse vaticane 49 milioni di euro. Lo Stato vaticano ha invece chiuso in attivo: «Particolarmente positivo – ha spiegato ancora Lombardi – l’apporto dato dai musei Vaticani, i quali hanno prodotto ricavi che passano da 82 milioni e 400 mila euro nel 2010 a 91 milioni e 300 mila, per un totale di più di 5 milioni di visitatori che fanno dei musei Vaticani una delle istituzioni più importanti a livello mondiale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

Tempi Motori – a cura di Red Live

Derivata dall’estrema 620R, ne condivide il 2.0 Ford supercharged da 314 cv. Il peso cresce da 500 a 610 kg a causa di alcune concessioni al comfort, ma le prestazioni restano degne di una supercar.

La Casa spagnola debutta nell’affollato segmento delle Sport Utility con una vettura concreta e gradevole esteticamente. Entry level la 3 cilindri 1.0 TSI da 115 cv, top di gamma la 2.0 TDI da 190 cv. Trazione anteriore o integrale e cambio manuale o DSG.

È stata l’ultima due ruote motrici a conquistare il Mondiale Rally. Mossa da un 4 cilindri 2.0 supercharged da 205 cv, era una vera e propria vettura da corsa targata. Alla trazione posteriore abbinava raffinate sospensioni a triangoli sovrapposti.

Grazie alla trazione integrale, la versione sportiva della wagon ceca scatta da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi contro gli 8,0 secondi della “sorella” 2WD. Confermato il 2.0 TDI da 184 cv. Prezzi da 34.350 euro.

Sorpresa durante alcuni collaudi la versione wagon coupé dell’ammiraglia tedesca. Adotterà il medesimo pianale della berlina e i motori più performanti in gamma. Debutto atteso entro il 2017.

Speciale Nuovo San Gerardo