Google+

Anche la Santa Sede soffre la crisi economica, ma aumentano le collette dei fedeli

luglio 6, 2012 Benedetta Frigerio

Il bilancio della Santa Sede è in rosso di 14 milioni di euro. Ma il canone passa da 27,3 a 32,1 milioni e l’Obolo di San Pietro da 67,7 a 69,7 milioni. In attivo invece il bilancio dello Stato vaticano.

La Chiesa non è solo quella dei palazzi, c’è un popolo di credenti che vive una fede sincera e fervente. E colpisce oggi che quel “gregge”, mentre la crisi economica imperversa e la Santa Sede presenta buchi di bilancio non indifferenti, apra più generosamente di prima le proprie tasche per sostenere la Chiesa in difficoltà.

Infatti, mentre la Santa Sede presenta un bilancio di circa 14 milioni di disavanzo, il canone, ossia il contributo delle diocesi di tutto il mondo alle attività della Santa Sede, è aumentato passando da 27,3 a 32,1 milioni di dollari. E anche le offerte all’Obolo di San Pietro, destinate alle attività caritative del Pontefice, sono passate da 67,7 a 69,7 milioni di dollari. Per finire, i contributi dei vari istituti religiosi e fondazioni sono aumentati in un solo anno del 74 per cento.

Se il bilancio della Santa Sede è andato in rosso, ha spiegato il portavoce del Vaticano padre Federico Lombardi, è per via «della crisi dei mercati finanziari» e dei «capitoli di spesa più impegnativi relativi al costo del personale e ai mezzi di comunicazione sociali», con introiti provenienti dalle proprietà immobiliari «inferiori a quelli degli anni precedenti». Ad evitare, però, che il bilancio fosse ancora più negativo è stato lo Ior, che ha versato come ogni anno il suo contributo e che nel 2011 ha dato alle casse vaticane 49 milioni di euro. Lo Stato vaticano ha invece chiuso in attivo: «Particolarmente positivo – ha spiegato ancora Lombardi – l’apporto dato dai musei Vaticani, i quali hanno prodotto ricavi che passano da 82 milioni e 400 mila euro nel 2010 a 91 milioni e 300 mila, per un totale di più di 5 milioni di visitatori che fanno dei musei Vaticani una delle istituzioni più importanti a livello mondiale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

È la 190 più estrema mai realizzata. Mossa da un 4 cilindri 2.5 16V aspirato da 235 cv, ha conquistato il DTM nel 1992. Complice il peso contenuto in 1.340 kg, scattava da 0 a 100 km/h in 7,1 secondi. L’estetica? Oltre ogni immaginazione.

È la versione celebrativa per i 30 anni delle bombette di Sochaux, ma in realtà la 208 GTi Anniversary è molto di più: la 208 GTi che avremmo sempre voluto. Assetto ribassato e irrigidito, differenziale Torsen e motore pompato a 208 cv. E’ in serie limitata, ma non temete ritornerà sotto le insegne di Peugeot Sport

Novità a raffica da Michelin e vittoria ai Tire Technology Awards in ben due categorie, Michelin ha infatti vinto il premio di produttore di pneumatici dell'anno, nonché il premio Tyre Technology of the Year al recente Tyre Technology Expo di Colonia, in Germania.

La berlina inglese fa dell’alluminio il proprio credo, dimagrendo di oltre 150 kg rispetto al passato. Il passo è più lungo di 5 cm, a tutto vantaggio dell’abitabilità posteriore. Motori 2.0 td da 163 o 180 cv, 3.0 td da 300 cv oppure benzina 2.0 da 240 cv e 3.0 da 340 o 380 cv.

Bastano due gomme stradali da 28 mm e la ciclocross di Canyon, oltre a boschi e strade bianche, si trova a sua agio anche in città. Con Shimano Ultegra 11v e freni a disco idraulici costa 1.699 euro. L’abbiamo testata sulle vie dell’Expo

Speciale Nuovo San Gerardo