Google+

Storia di Chet, l’uomo senza braccia che gira l’America per raccontare che perfezione non è sinonimo di felicità

luglio 1, 2013 Benedetta Frigerio

A causa della sua disabilità i medici volevano dargli «l’opportunità di morire». I genitori scelsero altrimenti e oggi è un testimonial pro life che gira gli States per narrare la sua vicenda

Non c’è nulla di più scomodo di vedere felice un uomo senza braccia che volevano lasciar morire alla nascita. Ancor peggio se quell’uomo gira gli Stati Uniti, che contano quasi 60 milioni di aborti in 40 anni, e dice queste parole: «Non sono perfetto, ma ho un valore».

FARE LE VECI DEL CAPO. È accaduto ancora alla National Right to Life Convention 2013, il meeting pro life americano concluso sabato a Dallas. È qui che Chet McDoniel ha ripetuto la sua storia. Chet nasce nel 1980, è il terzo di tre fratelli. Quando venne al mondo «mi diedero “l’opportunità” di morire», spiega con il sorriso sulle labbra. «Siccome ero malato fuori, i medici pensarono che potessi esserlo anche dentro».
Fu solo grazie all’opposizione dei genitori che Chet nacque. Nelle sue testimonianze, l’uomo lo sottolinea sempre per spiegare che «non c’è compito più vicino a quello di Dio di proteggere un bambino che non può farlo da sé». È grazie a questa cura amorevole che un disabile riesce a superare i momenti difficili, le prese in giro e le crudeltà di chi non capisce. È questo il segno che «Dio non dimentica chi soffre e le loro famiglie».
Il giovane si è laureato con il massimo dei voti alla University of North Texas nel 2002, ha un’agenzia di viaggi, una moglie e due figlie e gira l’America raccontando la sua storia. Ma anche non fosse arrivato sin qui, non sarebbe stato meno felice, perché ciò che salva una vita, ha spiegato, «è l’amore: è quando condividi la verità nella carità che salvi un’anima». E «quando salvi una vita, salvi una generazione di vite».

COSA DIREBBE QUEL MEDICO? Per questo Chet ha detto che «quel dottore che mi mise in un angolo della sala parto, pensando che sarebbe stato meglio se fossi morto, non ha fatto le veci di Dio». Poi ha aggiunto: «Non possiamo farci giudici in questioni di cui solo Dio deve decidere». E ancora ridendo, senza un filo di rancore, Chet ha concluso: «Avendo vissuto una vita fantastica, a cui si è aggiunto un matrimonio, due gravidanze, la grazia di vedere la nascita delle mie due figlie, la possibilità di fare due lavori, ma ancora di più di servire il mio Dio, mi domando spesso cosa penserebbe ora quel medico».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Antonio scrive:

    Sono senza parole, vi ringrazio

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Traffico in tilt”, “Caos viabilità”, “Bus e tram a singhiozzo”, “Allarme smog e traffico record” sono solo alcuni esempi di titoli che puntualmente leggiamo sui vari canali di informazione e di situazioni che ci troviamo ad affrontare quasi ogni giorno. Ciò si verifica anche nella Capitale, dove la viabilità è una questione tra le più complesse a livello europeo […]

L'articolo Lo scooter “al minuto” eCooltra sulle strade della Capitale proviene da RED Live.

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana