Google+

Storia di Chet, l’uomo senza braccia che gira l’America per raccontare che perfezione non è sinonimo di felicità

luglio 1, 2013 Benedetta Frigerio

A causa della sua disabilità i medici volevano dargli «l’opportunità di morire». I genitori scelsero altrimenti e oggi è un testimonial pro life che gira gli States per narrare la sua vicenda

Non c’è nulla di più scomodo di vedere felice un uomo senza braccia che volevano lasciar morire alla nascita. Ancor peggio se quell’uomo gira gli Stati Uniti, che contano quasi 60 milioni di aborti in 40 anni, e dice queste parole: «Non sono perfetto, ma ho un valore».

FARE LE VECI DEL CAPO. È accaduto ancora alla National Right to Life Convention 2013, il meeting pro life americano concluso sabato a Dallas. È qui che Chet McDoniel ha ripetuto la sua storia. Chet nasce nel 1980, è il terzo di tre fratelli. Quando venne al mondo «mi diedero “l’opportunità” di morire», spiega con il sorriso sulle labbra. «Siccome ero malato fuori, i medici pensarono che potessi esserlo anche dentro».
Fu solo grazie all’opposizione dei genitori che Chet nacque. Nelle sue testimonianze, l’uomo lo sottolinea sempre per spiegare che «non c’è compito più vicino a quello di Dio di proteggere un bambino che non può farlo da sé». È grazie a questa cura amorevole che un disabile riesce a superare i momenti difficili, le prese in giro e le crudeltà di chi non capisce. È questo il segno che «Dio non dimentica chi soffre e le loro famiglie».
Il giovane si è laureato con il massimo dei voti alla University of North Texas nel 2002, ha un’agenzia di viaggi, una moglie e due figlie e gira l’America raccontando la sua storia. Ma anche non fosse arrivato sin qui, non sarebbe stato meno felice, perché ciò che salva una vita, ha spiegato, «è l’amore: è quando condividi la verità nella carità che salvi un’anima». E «quando salvi una vita, salvi una generazione di vite».

COSA DIREBBE QUEL MEDICO? Per questo Chet ha detto che «quel dottore che mi mise in un angolo della sala parto, pensando che sarebbe stato meglio se fossi morto, non ha fatto le veci di Dio». Poi ha aggiunto: «Non possiamo farci giudici in questioni di cui solo Dio deve decidere». E ancora ridendo, senza un filo di rancore, Chet ha concluso: «Avendo vissuto una vita fantastica, a cui si è aggiunto un matrimonio, due gravidanze, la grazia di vedere la nascita delle mie due figlie, la possibilità di fare due lavori, ma ancora di più di servire il mio Dio, mi domando spesso cosa penserebbe ora quel medico».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Antonio scrive:

    Sono senza parole, vi ringrazio

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana