Visita a Cuba, oggi Benedetto XVI incontrerà Fidel Castro

Con un editoriale scritto di suo pugno l’ex leader maximo Fidel Castro ha annuncianto che incontrerà il Papa prima del suo ritorno a Roma, previsto per oggi: «Sarò felice di salutare Sua Eccellenza papa Benedetto XVI come ho fatto con Giovanni Paolo II».

Papa Benedetto XVI ha chiesto con forza cambiamenti e un ruolo maggiore per la Chiesa cattolica a Cuba, ma il suo appello è stato immediatamente respinto dal regime comunista, col vice presidente che ha escluso riforme politiche nel Paese caraibico. Mentre il Pontefice incontrava il presidente Raul Castro al Palazzo della Revolution, il Vaticano rendeva noto anche di aver presentato una “richiesta umanitaria”. 

“Il Papa ha sollevato con Raul Castro anche il tema dei diritti umani in base alle richieste che sono pervenute in Vaticano”. Lo ha reso noto il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi, precisando che “di tali petizioni si è parlato sia nel colloquio privato tra Papa e presidente cubano sia nella riunione delle due delegazioni che si è tenuta contemporaneamente al palazzo della Revolution. “Al Papa erano arrivati nelle scorse settimane molti messaggi con richieste di aiuto di carattere umanitario per persone in difficoltà”, ha precisato padre Lombardi, che tuttavia non ha voluto dare indicazioni più precise sulla lista preparata in Vaticano, né dire se vi era incluso il nome di Alan Gros, l’ebreo americano arrestato nel dicembre 2009 per aver venduto sull’isola senza l’autorizzazione del governo cubano materiale informatico e per le comunicazioni satellitari, condannato nel marzo 2011 a quindici anni di carcere per “atti contro l’indipendenza e l’integrità dello Stato”. (Avvenire.it)

Intanto proprio Fidel Castro ha scritto in un editoriale pubblicato ieri sera sul sito www.cubadebate.cu che incontrerà oggi “con piacere” il Papa, prima del ritorno a Roma. In un articolo vergato di suo pugno per le sue periodiche ‘Reflexiones’ sul sito ufficiale on line CubaDebate.cu, Fidel scrive: “Sarò lieto d’incontrare Sua Eccellenza Papa Benedetto XVI, come feci nel 1998 con Giovanni Paolo II: un uomo al quale il contatto con i bambini e con gli umili cittadini del popolo suscitava invariabilmente sentimenti di affetto”, scrive l’85enne ex presidente cubano. Fidel spiega di aver deciso di chiedere al Pontefice “qualche minuto del suo tempo oberato da impegni” dopo aver appreso dal ministro degli Esteri, Bruno Rodriguez, che all’ospite sarebbe “piaciuto un modesto e semplice colloquio”. Nel testo non si specifica peraltro in quale momento della giornata avverrà l’incontro. (Avvenire.it)