Toh chi si rivede, l’americano Gabriele Muccino

Che fine ha fatto Gabriele Muccino? La risposta ce l’ha data Lorenzo Jovanotti, che si è rivolto al regista romano emigrato negli Usa per il videoclip del suo singolo Tensione Evolutiva, che anticipa il greatest hits Backup – Lorenzo 1987-2012 in uscita il 27 novembre, e che celebra 25 anni di successi del ragazzo fortunato. Tensione evolutiva è uno degli otto brani inediti contenuti nella raccolta e il suo video è stato girato a Brooklyn, quartiere di New York. Sono state necessarie 14 ore di riprese con una tecnica sperimentale. Il risultato? Buono, inutile negarlo (sopratutto grazie alle doti interpretative di Lorenzo). Del resto, come amava ripetere il critico cinematografico Ezio Alberione, prematuramente scomparso nel 2006, di Muccino si può dire tutto, ma su una cosa il regista de L’ultimo bacio è davvero imbattibile: nessuno meglio di lui riesce a mettere d’accordo musica e immagini.

PRIMA E DOPO. I suoi film sono legati a doppio filo alle rispettive colonne sonore: L’ultimo bacio, del 2001, accompagnato dall’omonima canzone di Carmen Consoli, Ricordati di me (2003), con la struggente interpretazione di Elisa del successo di Mia Martini, Almeno tu nell’universo e infine Baciami Ancora (2010), sequel dell’Ultimo bacio in cui a cantare l’omonima canzone è proprio Lorenzo Jovanotti. Come molti di voi ricorderanno, quest’ultimo film arrivò dopo lo sbarco americano di Muccino, cui seguirono due film con Will Smith, La ricerca della felicità (2007) e Sette anime. Il primo fu un successo mondiale, Muccino era adorato dagli americani, che da anni aspettavano un nuovo cineasta italiano che gli facesse battere il cuore. Ma il secondo film non andò bene come la coppia Smith e Muccino si aspettava. Le critiche furono negative e gli incassi non ripagarono gli enormi sforzi produttivi. Sarà stata forse questa battuta d’arresto a spingere Muccino senior a tornare in Italia per battere cassa con il sequel di uno dei film più amati degli anni 2000. E così fu: il film incassò quasi nove milioni di euro, nonostante non avesse la qualità e l’originalità del primo episodio. Il prossimo 7 dicembre vedrà la luce il suo nuovo lavoro americano, Quello che so sull’amore, con Gerard Butler e Jessica Biel. Nulla è ancora trapelato sulla theme song del film, che speriamo sia più incisiva di quelle scelte per le due pellicole interpretate da Will Smith. Della trama, invece, si sa che vede al ex calciatore di successo, con problemi irrisolti, che  decide di allenare la squadra di calcio in cui gioca il figlio, attirando su di sè le attenzioni delle mamme dei piccoli giocatori. Sarà un successo? Chi lo sa, ma in caso contrario Gabriele potrebbe decidere di far ritorno in Italia per un nuovo, lunghissimo bacio.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •