Stasera in tv Un altro mondo, piuttosto vado a casa di un grillino a fare il detersivo con i limoni

Lacrimoni facili facili per Muccino jr. Ma la vera sofferenza è rimanere in casa ad aspettare che Silvio ci spieghi il senso della vita

Alle 21.15 su Premium Cinema Emotion va in onda il film Un altro mondo. Che ha un solo pregio: è il secondo  – e per fortuna ultimo – film di Silvio Muccino. Non ce ne voglia l’ex ragazzino prodigio della zeppola in tv, ma dobbiamo ringraziarlo per averci regalato questa perla nel 2010 e poi aver deciso sobriamente di smettere. Da allora, del buon Muccino jr. si sente parlare poco e in giro si vede ancora meno. Peccato che nella mente sia ancora nitido il ricordo dei minuti passati a guardare questo film in una sala buia, mentre intorno la gente si chiedeva insistentemente «Perché, perché?».

LACRIMONI. Il fratello d’arte del regista che gira solo sotto la pioggia ha scelto di volare in Africa per raccontare com’è difficile scoprire, dopo una vita di agi, eccessi, sesso, droga e rock’n roll, che al mondo esiste anche la sofferenza. Che ha le sembianze di un fratellino di colore ereditato da un padre assente, prima perché menefreghista, poi perché morto, che in realtà era proprio una brava persona (ma solo con gli altri). Così Silvio aggrotta costantemente le sopracciglia, ripete in mente gli esercizi imparati dal logopedista e spinge l’acceleratore sul pedale “lacrimoni facili facili”.

MEGLIO LA BIRRA. Nel calderone c’è un po’ di tutto: la vita divisa tra una madre stacca assegni e una fidanzata ballerina, rigorosamente bulimica, un padre assente, una vita spericolata e un futuro inaspettato fatto di un piagnucolone che manco vuole andare a scuola nella bellissima Roma perché preferisce la sudicia Nairobi. Ci penserà l’angelo Muccino a conquistare il cuore del fratellino nero, rinunciando all’alcol e consumando le giornate imbruttendosi davanti alla televisione. Quello che vi consigliamo di non fare stasera, piuttosto bevetevi una birra con il vicino di casa nemico dell’igiene.