Google+

Se sul campo dell’oratorio dire bestemmie non è un “peccato da espulsione”

aprile 21, 2016 Redazione

Il Csi di Torino avrebbe deciso di depenalizzare le imprecazioni contro Dio, «altrimenti si finiscono le partite in 9 o in 8».

E così, scrive oggi la Stampa, il Csi Torino ha deciso di depenalizzare la bestemmia in campo. Il Csi, associazione fondata nel 1944 dall’Azione cattolica, è l’ente cattolico che gestisce lo sport dilettantistico negli oratori. Secondo quanto riportato dal quotidiano, fra le infrazioni meritevoli di “cartellino azzurro” sarebbe stata introdotta anche la bestemmia. Il cartellino azzurro è una sorta di espulsione non definitiva: il calciatore che se lo vede sventolare davanti dall’arbitro deve uscire dal campo, ma solo per qualche minuto.

Un dirigente dice alla Stampa che la decisione è stata presa perché, «sebbene smoccolare non sia bello e educato», tuttavia, «poiché ogni tanto scappa qualcosa», suvvia… che sarà mai? «Dopotutto stiamo giocando a calcio». Quel che par di capire dalle battute riportate dai quotidiani è che, «poiché tutti bestemmiano», se si dovesse applicare la regola alla lettera, dopo pochi minuti le squadre rimarrebbero decimate, a discapito del divertimento. Come scrive il quotidiano, insomma, più che l’offesa a Dio, «il vero peccato sarebbe finire le partite in 9 o in 8».

L’aspetto curioso della vicenda è che, invece, sui campi di seria A, la bestemmia è punita con l’immediata espulsione. Siamo dunque al paradosso che l’offesa a Dio o a qualsiasi divinità è sanzionata con maggior severità sui “laici” campi della massima serie, che sui campetti all’ombra dei campanili.
Non di tutti i campanili, però. Qualche anno fa sul muro dell’oratorio di via della Commenda a Milano apparve questo enorme striscione.

campo-oratorio-bestemmia


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.