L’Italia non è un paese per giovani bomber, meglio Spagna e Inghilterra

Quanto si segna in Europa? Tanto, ma i calciatori italiani sono i peggiori di tutti. Il Milan ha realizzato 61 reti, 39 in meno del Real Madrid, 29 del Barcellona, 15 del Manchester United. E l’età media dei goleador della serie A è la più alta.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sui soldi ben spesi non si recrimina mai. Devono pensare a questo i tifosi del Barcellona che quest’anno hanno visto rotolare la palla in rete 161 volte. Mancano ancora 10 partite alla fine della stagione e potrebbero essere 11 se i blaugrana arrivassero in finale di Champions League. Di questo passo potrebbero arrivare a 190 gol, ma il vero obiettivo per rimanere a lungo nella storia è 200. Eppure c’è chi segna di più, almeno in campionato. È il Real Madrid di Mourinho che dopo lo 0-0 di Pasqua è a quota 100: 37 gol di Ronaldo (10 su rigore), 20 di Higuain e 17 di Benzema. Segue il Barcellona a 90 gol: dopo i 38 di Messi (5), ci sono quelli dei centrocampisti Xavi (10) e Fabregas (9); il secondo attaccante più prolifico è Sanchez con i suoi 8 gol. In Spagna si segna tanto e chi va in rete è giovane o nel pieno della propria carriera: 25 anni la media dei tre attaccanti del Real, 26,6 quella del Barcellona.

In Europa nessuno fa come loro e nemmeno si avvicina. In Inghilterra, nella Premier League, il Manchester United guida la classifica del campionato e quella dei gol realizzati: 8 punti di vantaggio sul City e 78 reti all’attivo. Capocannoniere dei Red Devils è il ventiseienne Rooney con 22 reti, cui seguono Hernandez a quota 10, che di anni ne ha 23, e il giovanissimo Welbeck (21 anni) con 7 gol. Una media di 23,3 anni, la più bassa d’Europa. In Germania chi segna di più è il Bayern Monaco: 69 gol. Il suo bomber è Gomez, che a 26 anni sta disputando la sua stagione migliore: 25 i gol finora realizzati. Più lontani i centrocampisti-attaccanti esterni Robben e Ribery a quota 11 gol. Età media 27,6.

E l’Italia? Un altro pianeta, decisamente. Il Milan è la squadra che a 7 giornate

dal termine ha segnato di più: 61 gol, 39 in meno del Real Madrid, 15 del Manchester United e 8 del Bayern. Più di un terzo delle reti rossonere le ha fatte Ibrahimovic, 23 fino a oggi. È la stagione migliore dello svedese che non ha mai realizzato 30 gol. Tanti? Esattamente la metà di quelli della Pulce blaugrana. Dopo Ibra l’abisso. Il secondo marcatore di Allegri è Nocerino (9) e ancora più distante Robinho (5). E l’eta media si alza a 28 anni. Si rassegnino dunque i tifosi del Belpaese: in Italia chi vince il campionato è chi subisce meno reti, non chi ne fa di più.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •