Da Maicosuel a Totti, da Inzaghi a Pirlo, una follia chiamata cucchiaio [link url=https://www.tempi.it/videogallery/maicosuel-e-una-follia-chiamata-cucchiaio#.UD88HMR1CrM]VIDEO[/link]

L’errore di “O Mago” sbatte fuori l’Udinese dalla Champions League, ma il brasiliano non è il primo a fallire “lo scavetto”: breve rassegna video dei peggiori errori dagli 11 metri.

Il rigore tirato da Maicosuel è una magia riuscita male: è stato un colpo a sorpresa non riuscito a “O mago” a sbattere fuori dalla Champions League l’Udinese: il suo cucchiaio voleva essere prova di coraggio e sfrontatezza, salvo trasformarsi in una palla lenta e ridicola bloccata senza problemi dal portiere del Braga Beto. E se a spulciare gli archivi salta fuori che il dubbio talento dell’Udinese non è nuovo a follie dal dischetto, qui le immagini di un suo errore in “Copa do Brasil” di qualche anno fa, a sua parziale consolazione va detto che il ragazzo non è il primo ad essere stato tradito da questa soluzione dagli undici metri.

Il cucchiaio è una follia che non tutti si possono permettere. Lo sa bene Simone Inzaghi, che nel dicembre 2000 fu protagonista di una scena comica in Lazio-Reggina: il fratello di Superpippo deve aver rastrellato per bene il web ed eliminato ogni immagine di quello scempio, dato che qualsiasi video è introvabile. Si propose di tirare un penalty al posto di Crespo, rincorsa lenta e palla dritta dritta nelle mani di Taibi, cosa che mandò su tutte le furie Roberto Mancini, allora vice allenatore dei biancocelesti. Anche Totti, il re del colpo divino dagli 11 metri, dovette capitolare una volta: era un Roma-Lecce del 2004-05, e quell’errore rese celebre Vincenzo Sicignano, numero uno dei salentini bravo a stare fermo ed attendere fino all’ultimo il pallone. E per rimanere sempre in casa giallorossa, memorabile è la gaffe di Cassano, che in un match di Coppa Uefa del 2005 bruciò un penalty contro la Stella Rossa. Talento diverso è invece quello di Fabrizio Miccoli: la bandiera del Palermo in una gara contro il Bari del maggio 2011 appoggia facile tra le mani di portiere Padelli, vanificando involontariamente una combine sul match al centro dell’indagine sul calcioscommesse. E se gli Europei hanno consacrato il rigore di Pirlo, andatevi a rivedere cosa fece qualche anno fa il centrocampista della Juve in Milan-Barcellona: tiro goffo e gloria per il portiere Pinto. Un errore che non l’ha mandato sulla graticola solo perché si trattava di una amichevole.