Funziona “American Ultra”. Cinema giovane ma con cervello

“American Ultra”, oggi al cinema, è un film efficace e spiazzante dove buoni e cattivi giocano nella stessa squadra. Un “The Manchurian Candidate” al passo coi tempi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un ragazzo, commesso in un supermercato, finisce in mezzo a un’operazione della Cia.

Film curioso, un mescolone di storie e generi già visti che però funziona per il buon cast: la Stewart e soprattutto Eisenberg, un bel talento a suo agio in film spesso diversi.

Si parte in zona commedia per teenager: lui è un nerd con un sacco di guai e un lavoro non proprio gratificante; lei è una gattamorta che sogna una vita diversa. Il tempo di abituarsi ai personaggi e il film svolta notevolmente: si finisce dalle parti del thriller anche parecchio cruento, dove la paranoia e il sospetto la fanno da padrone.

Film efficace e spiazzante dove buoni e cattivi giocano nella stessa squadra. È una versione leggera e al passo coi tempi di The Manchurian Candidate, scritto dal Max Landis di Chronicle, e un buon esempio di cinema giovane che coniuga intrattenimento e un minimo di cervello.

American Ultra, di Nima Nourizadeh

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •