Google+

Borsellino: Legalizzare la droga non danneggia la mafia, anzi

gennaio 8, 2014

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

10 Commenti

  1. Alessandro scrive:

    Lui parla di liberalizzare tutte le droghe. Nessuno vuole liberalizzare ma altresì legalizzare. (cosa diversa) Inoltre si legalizzerebbe solo quelle leggere, quindi le più economiche. Inoltre nelle droghe leggere non sono comprese quelle più micidiali, che sarebbero sempre vietate.

  2. Emanuele scrive:

    E’ un vecchio pallino della sinistra quello della legalizzazione. Una vecchia idiozia che periodicamente salta fuori quando vedono che le istituzioni sono deboli.
    Ditemi voi, o gente di sinistra: come si farebbe secondo voi a non votare a destra con una sinistra così?

    • Lex scrive:

      Estremamente giusto legalizzare la marijuana, Paolo Borsellino un genio, ma sono dichiarazioni fatte in un’EPOCA ben diversa, oggi tra giovani universitari, professori universitari, studenti, grandi personaggi di qualsiasi settore viene fatto l’uso di questa sostanza, anche i più poveri, gli stranieri, ne conosco a migliaia.
      Legalizzare è il più grande atto di responsabilità politico/sociale/economico del terzo millennio.
      Se uno non vuole fumare non fuma.
      Ma sè fuma paga lo stato e non i mafiosi.
      Chi è ignorante in materia non si pronunci.
      Anche perché nell’illegalità vengono usate sostanze altamente Novice per velocizzare i processi.
      E poi stiamo parlando di una sostanza creata dala natura non un qualcosa di chimico, dal punto di vista dei principi nessuno dovrebbe essere intaccato, tranne chi non ama le diversità, allora si dovrebbe parlare di gente non amante del progresso, non amante delle diversità, non amante della cultura, sono solo queste le persone che posso rifiutare l’idea della legalizzazione della marijuana.
      Qui non si parla di destra o sinistra, ma di idee progressiste che fanno capo a generazioni più giovani.
      Ho visto tanti amici che per un 1 grammo di marijuana sono stati trattati come terroristi dai poliziotti, parlo di laureati in medicina o comuqnue di persone che utilizzano questa sostanza a fini ludici di rilassamento psico/fisico personale che vengono trattati come criminali.
      Madre Natura ha creato questa sostanza. Dio l’ha messa al mondo. Prodotto della natura e della terra che non uccide

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana