Google+

VERSO IL MEETING/1 La mia rivoluzione: dalla Riviera al Cairo e ritorno

luglio 29, 2011 Hossam Mikawy

Cosa ci accomuna? L’essere tutti volontari in un’impresa comune. Pubblichiamo un testo dell’egiziano Mikawy, uno dei fondatori del Meeting Cairo, scritto per lo Speciale Meeting, uscito assieme al numero 30/31 di Tempi, in edicola dal 27 luglio

Comincia la marcia di avvicinamento di Tempi.it al Meeting di Rimini 2011. Per un mese troverete sul sito articoli, interviste e contributi per non arrivare impreparati alla manifestazione riminese. Si parte con un articolo firmato dal magistrato egiziano Hossam Mikawy, scritto per lo Speciale Meeting di Tempi, in edicola assieme al numero 30/31 dal 27 luglio.

Vi è mai capitato di svegliarvi con la sensazione di voler fare la differenza? Avete mai sognato circa il vostro destino e la direzione in cui la vita vi sta portando? Riflettete sui percorsi che avete attraversato quando avete incontrato degli sconosciuti che alla fine sono diventati vostri amici per il resto della vita. Su quei luoghi che sono diventati memorie di esperienze magnifiche. Durante la mia partecipazione al Meeting di Rimini come conferenziere per la prima volta nel 2009, ho osservato le qualità di cui i volontari davano prova e che facevano del Meeting un successo.

In primo luogo, la gestione delle personalità e dei relatori che causavano un assembramento nell’imminenza di un evento speciale, e come venivano fatti accomodare in modo educato e ordinato. L’energia che i volontari dimostravano, come se fossero chiamati a rappresentare l’intero popolo italiano. Mi sono accorto che esprimevano entusiasmo ed energia indipendentemente dal tipo di lavoro che era loro affidato. Semplicemente, erano in gran forma. E io mi facevo molte domande: che cosa guadagnavano i volontari dall’evento Meeting? Che cosa rappresentava per loro? Perché apparivano così felici? Le risposte erano semplici: loro incontravano persone diverse per identità culturale, religiosa ed etnica. Dialogavano e discutevano punti di vista che il resto del mondo sembrava fare un’immensa fatica a comprendere.

Così, al mio ritorno in Egitto, i miei colleghi ed io ci siamo ritrovati e abbiamo discusso l’idea di tenere un meeting simile al Cairo. Eravamo tutti d’accordo che l’Egitto aveva bisogno di mostrare al resto del mondo che anche il nostro popolo è veramente desideroso di dialogare con persone di differente credo e origine, e di mostrare i veri punti di forza dell’Egitto: la sua gente. I nostri volontari sono arrivati da ogni angolo delle più lontane regioni del paese e hanno dimostrato la loro dedizione alla causa offrendo la loro collaborazione e le loro capacità per la migliore riuscita dell’iniziativa. Tutti eravamo d’accordo – dagli organizzatori ai volontari agli sponsor – che ognuno avrebbe dovuto avere l’opportunità di partecipare e contribuire come voleva, senza timore di punizioni e critiche. Non siamo poveri. Siamo tutti ricchi quando ci offriamo di aiutare altri senza alcuna ricompensa. Ma quand’è che possiamo diventare volontari? In base alla mia personale esperienza, la decisione arriva in un momento cruciale: il momento in cui ogni uomo/donna intende mettersi alla prova e incoraggiare altri. In quel momento, ogni uomo/donna fa esperienza di sé come di una persona distinta. Dopodiché il farsi volontari rende le persone uguali: altrimenti dove saremmo?

Nel Meeting del Cairo non abbiamo fissato articoli di fede, siamo partiti dalla realtà e non da un testo scritto. Ci siamo guardati l’un l’altro per trasformare in esperienza umana la nostra illimitata varietà come singoli e come gruppi di persone. Un senso di benessere spirituale e l’approccio agli incontri può solo dare una sensazione di freschezza e di positivo calore che penetra la mente e l’anima. Lasciando in dono un ambiente rilassato, privo di violenza e di tensioni. La sensazione di percepire l’essenza e lo spirito delle persone senza dire nemmeno una parola, semplicemente sorridendo per comunicare gli uni con gli altri, o un rapido sguardo che permetteva di capire di che cosa avevano bisogno gli altri. Questo è stato il Cairo Meeting. Ovvero 230 volontari che hanno lavorato come formiche giorno e notte per avere la certezza che l’evento fosse un successo.

L’ex carcerato e il ministro
Questa atmosfera crea un senso di appartenenza alla società umana che al giorno d’oggi sembra mancare. Parlando coi nostri volontari ho raccontato loro un fatto di cui sono stato testimone a Rimini, quella volta che ho visto un ministro della Giustizia servito a tavola da un giovane ex carcerato senza alcuna esitazione o imbarazzo. Il messaggio era: lei è qui, e noi due insieme stiamo rappresentando la giustizia. E quell’altra scena che spesso mi torna in mente: ragazzi e ragazze in piedi all’ingresso di garage e parcheggi, impegnati a dirigere il traffico e a istruire le persone perché non parcheggiassero dove non era permesso.

Ma la volta che più sono rimasto sorpreso e ho fatto un passo indietro per lo stupore, è stato quando un gruppo di volontari con la maglia rossa del Meeting ha circondato il ministro italiano del Lavoro come se fossero una squadra di agenti della Cia! Queste scene ricordano cose che sono successe anche durante il Cairo Meeting. Evidentemente non importano le origini e la classe sociale: con l’aiuto di Dio e un forte senso di appartenenza e di significato, la gente può dare più del 100 per cento. L’evidenza di ciò riflette il ponte esistente fra i Meeting di Rimini e quello del Cairo. Il nostro primo evento nella serata d’apertura ha visto la presenza di oltre 2.300 ospiti. Al momento della cerimonia di chiusura nessuno ha provato una sensazione del tipo “Grazie a Dio è finita”, ma piuttosto un senso di missione compiuta e di dispiacere perché l’evento era finito.

Una settimana dopo la conclusione, i volontari si sono incontrati e hanno chiesto quando avrebbe avuto luogo il secondo Cairo Meeting, e quando sarebbero iniziate le preparazioni. Fino ad oggi quel gruppo continua ad organizzare eventi, ed è attivamente coinvolto negli avvenimenti che hanno recentemente scosso l’Egitto.
Per quanto mi riguarda, questo è e continuerà ad essere un viaggio che mi procura un infinito piacere nel vedere e nel collaborare con persone in un’atmosfera nella quale esse mostrano il vero significato dell’umanità, senza essere condizionate dalle influenze esterne del mondo in cui tutti viviamo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. mario riva scrive:

    Caro Hossan Mikawi, chissà se le hanno spiegato che quel Ministro della Giustizia sia prima che a seguito del toccante intervento al Meeting aveva come compito principale pur essendo formalmente Ministro della Giustizia del Governo del Popolo sovrano d’Italia, aveva, in realtà come principale compito, quello di evitare al Premier quei processi che, se fosse stato un comune Cittadino, avrebbero potuto portarlo al posto dell’ex Detenuto che serviva la tavola?

    Le faccio i miei migliori auguri di aiutare il suo Paese verso condizioni di libertà e giustizia ma, con simpatia le consiglio di riflettere bene sugli esempi da seguire e sugli amici da frequentare.

    Un popolare proverbio Italiano recita “Chi va con lo zoppo …” Si faccia raccontare il seguito.
    Giusto per non finire dalla padella … al bungabunga.

  2. italianlinguist scrive:

    Caro Sig. Riva,

    Mi spiace tantissimo che lei voglia ridurre la bellezza di un’esperienza come quella del volontariato al Meeting e delle ragioni ultime di un’esperienza che accresce la dignità di ogni uomo ogni anno, ad una mera quisquilia politica, ad un’esacerbazione politicheggiante. Comunque non mi stupisce in quanto sono sempre più una minoranza gli uomini che si stupiscono di fronte alla bellezza, allo stupore del vero per ringraziare e approfondirne l’esperienza. Le auguro che un giorno nella vita possa incontrare una persona che le ridesti il cuore alla fonte di ogni felicità. La stessa fonte che la lascia ora inacidire a causa della nostalgia per il significato che non ha incontrato ancora e che cerca umanamente nell’amministrazione pubblica. In realtà il Significato di tutto è la realtà che anima i volontari e gli organizzatori del Meeting e che fa dialogare persone diverse come me e lei, consci del fatto che entrambi abbiamo gli stessi desideri di vedere un’Italia migliore, ma anzi ancor di più che viviamo la vita fino in fondo alla ricerca del suo senso in ogni istante del nostro andare.

  3. mario riva scrive:

    Caro Italianlinguist, l’esperienza di volontariato, come lei sa bene, con è esclusiva degli adepti di CL.
    L’Italia è un Paese assolutamente eterogeneo dove buoni e cattivi si trovano comunque a convivere, mescolati molto più di quanto, quando si è molto giovani, si potrebbe pensare. Come a dire, i buoni non sono tutti di qua, i cattivi tutti di la.
    Se vogliamo cercare qualche differenza tra i generosi che stanno da una parte e quelli che stanno dall’altra, ci può essere (mi corregga se sbaglio) che alcuni pensano che i loro obblighi con se stessi e con il prossimo, si esauriscano con le proprie personali azioni: vado a Messa, faccio un pò di beneficenza, vado ai Meeting di CL … , mentre altri pensano che ciò non esaurisca il tutto e cercano ANCHE di fornire un ulteriore contributo alla collettività proponendo persone semplicemente migliori, per carità non si cerca la perfezione, ma perlomeno non facendo finta di non vedere che certi personaggi eletti perché fingono di essere per la libertà, per la Famiglia, per “Il Partito dell’Amore”, sono in realtà peggiori degli altri. Siamo in 60 Milioni, proviamo a ragionare un pò più in la della nostra Parrocchietta.
    Nel mio messaggiio, esprimevo simpatia per il Sign. Mikawi e la aggiungo anche per i tanti ragazzi che anche quest’anno saranno a Rimini. Non ho invece simpatia per chi li strumentalizza la loro legittima voglia di un’Italia migliore. Chissà se ci saranno anche quest’anno in prima fila certi personaggi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana