Google+

Veronesi consiglia la contraccezione contro il cancro. «Perché? Ci sono metodi migliori e meno rischiosi»

maggio 23, 2015 Benedetta Frigerio

Il celebre oncologo consiglia l’uso di anticoncezionali per evitare il rischio di cancro all’ovaio. Ma le sue sono teorie superate. Intervista a Stefano Greggi, dell’Istituto Tumori di Napoli

«Donne, prendete la pillola anticoncezionale. Assumerla per 15-20 anni riduce del 90 per cento il rischio di cancro all’ovaio, senza aumentare il pericolo di altri tumori». Sono le parole di Umberto Veronesi che due settimane fa ha lanciato un appello alle donne italiane. «Perché ricorrere alla pillola quando ci sono metodi naturali per la prevenzione del cancro all’ovaio? Perché dire di utilizzarla per così tanto tempo, quando non è necessario? Perché non ricordare gli effetti collaterali della contraccezione?». Sono le domande che rivolge a tempi.it Stefano Greggi, direttore della Chirurgia Oncologica Ginecologica dell’Istituto Nazionale Tumori di Napoli. È noto, infatti, che la pillola contraccettiva può causare la trombosi e anche altri tipi di tumore, come hanno rilevato sia l’Organizzazione mondiale della Sanità sia il Centers for Disease Control and Prevention, organismo della sanità pubblica americana.

Su che studi si basa l’affermazione di Veronesi, ritenuto uno dei massimi esperti del campo?
Dalla teoria degli anni Settanta di Fathalla, che associa alla continua ovulazione l’incremento del tumore alle ovaie. In realtà, le teorie più recenti dimostrano che il rischio di sviluppare questo cancro è legato sopratutto a fattori ereditari di tipo genetico.

Sta dicendo che non esiste una correlazione fra l’ovulazione e il tumore?
Anche ammettendo la correlazione è noto che bastano sei mesi di somministrazione della pillola per ridurre i rischi. Non si capisce, quindi, come mai Veronesi parli di 15-20 anni. Inoltre c’è un altro metodo naturale per non ovulare e non correre i rischi annessi all’uso della pillola contraccettiva: avere dei figli.

Quali rischi si corrono con l’utilizzo della pillola?
La trombosi e altri tumori illustrati dalla letteratura, come quello alla mammella. Inoltre, il tumore alle ovaie ha un indice di mortalità molto alto, essendo l’ottava causa di morte nelle donne, anche perché non viene scoperto in tempo. La colpa è sopratutto dell’informazione, che parla solo del tumore alla mammella. Innanzitutto, quindi, bisogna informare correttamente le persone.

Dopodiché?
La direzione è quella di indagare la storia familiare della donna per vedere se ci sono parenti portatori sani: se dai test risulta una predisposizione genetica al cancro o una mutazione genomica che si associa al tumore alla mammella, si può pensare, una volta raggiunta la menopausa, di asportate le tube e le ovaie. L’efficacia preventiva in questo caso è del 90 per cento.

Non si rischia un’iperprevenzione?
Non dico di seguire l’esempio di Angelina Jolie e di mutilarsi per eliminare ogni rischio, per altro senza intraprendere prima altre strade efficaci e meno invasive. Basta un’informazione e quindi un’indagine corretta. Infine, aggiungo che è bene rivolgersi ai chirurghi con competenze specifiche: il cancro alle ovaie richiede esperienza nel campo della chirurgia non solo ginecologica ma dell’addome e generale.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Nino scrive:

    “c’è un altro metodo naturale per non ovulare e non correre i rischi annessi all’uso della pillola contraccettiva: avere dei figli” :-) giusto!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana