Google+

Veronesi consiglia la contraccezione contro il cancro. «Perché? Ci sono metodi migliori e meno rischiosi»

maggio 23, 2015 Benedetta Frigerio

Il celebre oncologo consiglia l’uso di anticoncezionali per evitare il rischio di cancro all’ovaio. Ma le sue sono teorie superate. Intervista a Stefano Greggi, dell’Istituto Tumori di Napoli

«Donne, prendete la pillola anticoncezionale. Assumerla per 15-20 anni riduce del 90 per cento il rischio di cancro all’ovaio, senza aumentare il pericolo di altri tumori». Sono le parole di Umberto Veronesi che due settimane fa ha lanciato un appello alle donne italiane. «Perché ricorrere alla pillola quando ci sono metodi naturali per la prevenzione del cancro all’ovaio? Perché dire di utilizzarla per così tanto tempo, quando non è necessario? Perché non ricordare gli effetti collaterali della contraccezione?». Sono le domande che rivolge a tempi.it Stefano Greggi, direttore della Chirurgia Oncologica Ginecologica dell’Istituto Nazionale Tumori di Napoli. È noto, infatti, che la pillola contraccettiva può causare la trombosi e anche altri tipi di tumore, come hanno rilevato sia l’Organizzazione mondiale della Sanità sia il Centers for Disease Control and Prevention, organismo della sanità pubblica americana.

Su che studi si basa l’affermazione di Veronesi, ritenuto uno dei massimi esperti del campo?
Dalla teoria degli anni Settanta di Fathalla, che associa alla continua ovulazione l’incremento del tumore alle ovaie. In realtà, le teorie più recenti dimostrano che il rischio di sviluppare questo cancro è legato sopratutto a fattori ereditari di tipo genetico.

Sta dicendo che non esiste una correlazione fra l’ovulazione e il tumore?
Anche ammettendo la correlazione è noto che bastano sei mesi di somministrazione della pillola per ridurre i rischi. Non si capisce, quindi, come mai Veronesi parli di 15-20 anni. Inoltre c’è un altro metodo naturale per non ovulare e non correre i rischi annessi all’uso della pillola contraccettiva: avere dei figli.

Quali rischi si corrono con l’utilizzo della pillola?
La trombosi e altri tumori illustrati dalla letteratura, come quello alla mammella. Inoltre, il tumore alle ovaie ha un indice di mortalità molto alto, essendo l’ottava causa di morte nelle donne, anche perché non viene scoperto in tempo. La colpa è sopratutto dell’informazione, che parla solo del tumore alla mammella. Innanzitutto, quindi, bisogna informare correttamente le persone.

Dopodiché?
La direzione è quella di indagare la storia familiare della donna per vedere se ci sono parenti portatori sani: se dai test risulta una predisposizione genetica al cancro o una mutazione genomica che si associa al tumore alla mammella, si può pensare, una volta raggiunta la menopausa, di asportate le tube e le ovaie. L’efficacia preventiva in questo caso è del 90 per cento.

Non si rischia un’iperprevenzione?
Non dico di seguire l’esempio di Angelina Jolie e di mutilarsi per eliminare ogni rischio, per altro senza intraprendere prima altre strade efficaci e meno invasive. Basta un’informazione e quindi un’indagine corretta. Infine, aggiungo che è bene rivolgersi ai chirurghi con competenze specifiche: il cancro alle ovaie richiede esperienza nel campo della chirurgia non solo ginecologica ma dell’addome e generale.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Nino says:

    “c’è un altro metodo naturale per non ovulare e non correre i rischi annessi all’uso della pillola contraccettiva: avere dei figli” 🙂 giusto!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download