Google+

Venezuela, gli spari in piazza e le proteste. Il video degli studenti censurato da Maduro

febbraio 17, 2014 Redazione

Il Governo censura televisioni e Twitter, ma la rivolta nelle piazze di Caracas continua dopo che mercoledì sono rimasti sull’asfalto 3 morti e 66 feriti

Il Venezuela è sempre più isolato dal mondo: dopo le violenze che hanno segnato le piazze di Caracas nei giorni scorsi e che hanno raggiunto l’apice mercoledì, quando gli scontri tra polizia e manifestanti hanno lasciato sull’asfalto 3 morti e 66 feriti, il governo Maduro ha oscurato diversi social network e organi di informazione. Molti utenti hanno segnalato problemi nel diffondere immagini attraverso Twitter, mentre sarebbero inaccessibili alcuni siti di testate critiche col governo di Caracas.

IL VIDEO. Alcuni studenti, per mostrare a tutto il mondo cosa stia succedendo nello stato sudamericano, hanno prodotto un video che raccoglie racconti e immagini di questi giorni di protesta: vengono spiegate le ragioni della discesa in piazza, per manifestare contro i fallimenti del governo nelle politiche economiche, l’aumento della criminalità e il mancato rispetto dei diritti umani. Vengono anche proposti alcuni dei momenti più drammatici degli scontri in piazza: le violenze della polizia, i lacrimogeni e, sopratutto, i colpi d’arma da fuoco. Sono questi che avrebbero ucciso i tre ragazzi morti mercoledì, Bassil Alejandro Dasilva, Roberto Redman e Nayder Arellano Sierra.

OSCURATA LA TV. Immagini che tante delle televisioni di Caracas non hanno trasmesso, poiché controllate dal regime di Maduro: chi le ha mandate in onda, la rete via cavo NTN24, è stata oscurata, con l’accusa di trasmettere un tentativo di golpe. A chi lo ha accusato di metodi brutali, Maduro ha risposto puntando il dito contro i giovani in protesta, che sarebbero soltanto ragazzi di destra e violenti fascisti. Sabato, il successore di Chavez è intervenuto durante una manifestazione a Caracas, annunciando la caccia all’uomo che la polizia sta compiendo per arrivare a Leopoldo Lopez Mendoza, leader del partito Voluntad Popular, sul quale pende un mandato d’arresto da mercoledì. Ieri, poi, sarebbero stati espulsi tre funzionari del consolato americano: avrebbero tentato di incontrare gli studenti in protesta.

IN PIAZZA IN TUTTO IL MONDO. Intanto la protesta si è allargata, scavalcando i confini nazionali e chiamando in piazza le comunità venezuelane di tutto il mondo: in Piazza San Pietro, ieri, alcuni sudamericani hanno sventolato una grande bandiera giallo-rosso-blu sotto gli occhi di papa Francesco; una cinquantina di persone si sono date appuntamento anche in Piazza Duomo a Milano: «Vogliamo richiamare l’attenzione del mondo sui ragazzi che stanno lottando per noi: que viva la libertad!». Gruppi di sudamericani in protesta anche ad Harvard, a Barcellona, a Parigi, Lione, Amburgo…

DUE SALESIANI UCCISI. La tensione a Caracas resta altissima, così come nel resto del Paese. A Valencia, città a sud-ovest di Caracas, sabato notte ci sono state altre due vittime: due anziani salesiani, Jesus Plaza e Luis Sanchez, sono stati accoltellati al Colegio don Bosco A uccidere i religiosi, due ragazzini di 13 e 15 anni, entrati nella struttura per rubare. Resta ancora da capire se ci sia un effettivo collegamento tra questo delitto di sangue e gli scontri dei giorni scorsi: ciò che è certo, è che di violenza, criminalità e repressione il Venezuela non ne può più.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi