Google+

Varate le misure economiche, Berlusconi: «Il Pil crescerà almeno dell’1,5%»

febbraio 9, 2011 Redazione

«Oggi abbiamo avviato un percorso che non sarà facile e neppure breve» ha sottolineato Silvio Berlusconi in una conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che ha dato il via libera ai provvedimenti economici, illustrando la riforma degli articoli 41, 97 e 118 della Costituzione e il piano che riordina gli incentivi

«Oggi abbiamo avviato un percorso che non sarà facile e neppure breve» ha sottolineato Silvio Berlusconi in una conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che ha dato il via libera ai provvedimenti economici, illustrando la riforma degli articoli 41, 97 e 118 della Costituzione e il piano che riordina gli incentivi.

«Ci saranno positivi sviluppi per la crescita dell’economia e del paese. La crescita del Pil l’abbiamo valutata intorno all’1,5%. Questi provvedimenti potevano essere fatti anche prima ma tutta la nostra attenzione è stata tesa ad evitare sprechi, abbiamo fatto un grande lavoro», ha spiegato.

Per quanto riguarda le modifiche alla Costituzione, l’articolo 41 spiegherà che «l’iniziativa economia è libera, ed è permesso tutto ciò che non è espressamente vietato dalla legge», anche se il testo deve ancora essere migliorato; l’articolo 97 che «le pubbliche funzioni sono al servizio del bene comune» e l’articolo 118 che gli enti locali «non devono solo favorire, ma anche garantire l’autonoma iniziativa».

«Abbiamo deciso di andare con grande immediatezza nella direzione dell’abrogazione di diverse leggi approvando vari testi unici», ha aggiunto Berlusconi. «Abbiamo l’ambizione di produrre un codice delle leggi fiscali».

Secondo Giulio Tremonti, ministro dell’Economia,
«Oggi è stato un buon Consiglio dei ministri con una discussione molto costruttiva da parte di tutti. Contiamo di poter continuare quel lavoro in modo informale e di arrivare all’appuntamento con l’Europa con le carte in regola».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto della prima vettura Apple senza conducente potrebbe cambiare radicalmente. A Cupertino non verrà sviluppata un’auto vera e propria, bensì un software per la guida autonoma da dedicare ai modelli di più costruttori.

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana