Google+

Uno di noi al traguardo. Raccolte oltre un milione e seicentomila adesioni. Un successo (soprattutto in Italia)

ottobre 31, 2013 Redazione

Una montagna di adesioni che dimostra come esista ancora una fetta di cittadini che non si arrende alle presunte “innovazioni bioetiche”. Un catechismo popolare e laico, alla faccia di chi dipinge i cattolici come beoti creduloni

Domani si chiude la campagna “Uno di noi” per chiedere all’Unione Europea il riconoscimento dell’embrione umano. La petizione popolare, che sarà presentata alle istituzioni per fermare la distruzione degli embrioni umani nei laboratori di ricerca, ha avuto un successo straordinario se si tiene conto che l’obiettivo era tagliare il traguardo del milione di firme.
È stato dunque raggiunta e superata di quasi due terzi la soglia minima. Bastavano sette Stati per rendere valida la richiesta e, invece, sono stati ben 19 quelli che hanno superato il minimo previsto dal regolamento comunitario (e potrebbero diventare 20 se l’Irlanda trovasse in queste ore le ultime 1700 firme che le farebbero superare la quota fissata).

ALTRO CHE “MEDIOEVO”. Anche il nostro paese ha fatto la sua parte. Sono ben 600 mila le firme raccolte nel nostro paese (il 37 per cento del totale). L’Italia ha raccolto il 1.047,59 per cento del proprio minimo nazionale fissato dall’Unione Europea (che era di 54.750 firme).
Un risultato da non sottovalutare soprattutto in tempi come i nostri dove la questione antropologica è data per scontata, se non osteggiata perché considerata “medioevale”. Quelle firme sono il segno che – forse silenziosamente – esiste una grande fetta dei cittadini europei, e non solo cattolici, che delle presunte innovazioni in campo bioetico non è poi così convinta. Ma quella montagna di adesioni è soprattutto la punta dell’iceberg di un altro movimento. Quello che, in questi mesi, con grande creatività, si è visto muoversi dentro e fuori le parrocchie, di chi ha saputo convogliare davanti a temi non secondari come la vita e la nascita, tante persone. Un vero catechismo laico e antropologico, alla faccia di chi ama dipingere i cattolici come dei beoti creduloni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Remo says:

    Condivido l’iniziativa “one of us” a favore della vita umana incipiente e approfitto per invitare a sostenere anche questa raccolta di firme:

    http://www.citizengo.org/it/443-ritiri-il-documento-standards-sexuality-education-europe?sid=MzE4MDcxNDc4NTg3MDMx

    che punta a contrastare le sconsiderate linee guida dell’Oms (politiche e non tecnico-scientifiche, linee guida che promuovono la promiscuità sessuale sin dall’infanzia, la nefasta ideologia del gender e varie altre perversioni, oltre a sottrarre ai genitori la responsabilità educativa sui figli.

  2. Bifocale says:

    Quoto Remo in toto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download