Google+

L’Ungheria istituisce un ufficio ministeriale in difesa dei cristiani perseguitati

settembre 14, 2016 Benedetta Frigerio

Viktor Orban ha voluto un dipartimento per supportare econimicamente i profughi nei paesi di origine e per monitorare le discriminazioni religiose in Europa

cristiani-mosul-kurdistan-iraq-islam

L’Ungheria di Viktor Orban ha deciso di istituire un dipartimento ministeriale per la difesa dei cristiani e delle minoranze religiose. A spiegare le ragioni del nuovo dipartimento è stato il ministro delle risorse umane, Zoltan Balog, intervistato dalla Cna: «Oggi il cristianesimo è diventato la religione maggiormente perseguitata, per cui su cinque persone uccise per motivi religiosi quattro sono cristiane». Sono 81 i paesi nel mondo in cui i cristiani sono perseguitati, con 200 milioni «che vivono in zone in cui subiscono discriminazioni. Milioni di vite cristiane sono minacciate dai seguaci delle ideologie religiose radicali». Balog non si riferisce solo alla minaccia islamica: «Il nostro interesse – ha proseguito – non è solo per il Medio Oriente, ma anche per tutte le forme di discriminazione e persecuzione dei cristiani in tutto il mondo».

SOSTEGNO ECONOMICO. Non si può dire che quella dell’Ungheria sia un’operazione di facciata, perché il nuovo dipartimento ha già messo a disposizione 3 milioni di euro per l’aiuto alle minoranze perseguitate nelle loro terre di provenienza. Attraverso la Conferenza episcopale ungherese sono infatti stati destinati 300 mila euro agli studenti in Medio Oriente e alla costruzione di scuole a Erbil, mentre il governo ha stanziato fondi per l’educazione di 400 bambini rifugiati nei campi profughi. In tutto, la Chiesa e il governo insieme sostengono l’educazione dei bambini di 740 famiglie cristiane e di altre minoranze religiose rifugiate nei campi della Giordania, dell’Iraq e del Libano.

NELLA TERRA D’ORIGINE. La decisione di intraprendere una via per favorire concretamente i perseguitati è stata presa dopo la partecipazione di Orban e Balog al raduno annuale per i legislatori cattolici che si è svolto a fine agosto a Frascati, alle porte di Roma. Sebbene sia il premier sia il ministro fossero gli unici protestanti presenti, di fronte all’assemblea che ha sollevato il problema come il più urgente (vista anche la testimonianza di diversi esponenti della chiesa mediorientale) Orban ha dichiarato che «l’Ungheria avrebbe agito contro le persecuzioni cristiane, pronta a supportare le comunità la cui esistenza stessa è minacciata». Così l’Ungheria ha deciso di sostenere moralmente e finanziariamente i profughi affinché, ha detto il ministro, «possano perseverare a rimanere nelle loro terre d’origine». Perché «aiutare a migliorare la situazione nei paesi d’origine potrebbe rendere possibile alle minoranze perseguitare di rimanere nelle loro case o vicino ad esse».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

14 Commenti

  1. Menelik says:

    Vi ricordo che i giornalisti italiani hanno bollato Orban come “nazista”.
    Pochi mesi fa, se ben ricordo.
    Invece penso che il gruppo di Visegrad stia diventando la culla della nuova riscossa europea.

    • Samuele says:

      Che dire….più sono fascisti, più vi piacciono!

      • Filippo81 says:

        FORZA UNGHERIA !!!!!!

      • Charlie says:

        Bei tempi quando potevate impiccare tranquillamente Imre Nagy, messosi a capo della rivolta ungherese, contrario al fraterno aiuto dei carri armati sovietici arrivati per rimettere in piedi il governo fantoccio supportato dal PCUS di Mosca.
        Bei ricordi,eh?
        Che dire … più eran comunisti, più vi piacevano!

  2. Filippo81 says:

    Onore all’Ungheria !

    • Samuele says:

      Filippuccio nostro questa settimana ha ripreso scuola. Che bello: grembiulino nero, fiocchetto blu e cartella in spalla e via….
      Oggi ha studiato geografia ed ha scoperto che esiste l’Ungheria! Bene Filippuccio, continua così….allarga i tuoi orizzonti…..

      • Sebastiano says:

        In compenso tu puoi rimanere sotto il tombino, a stretto contatto con il calduccio del pozzo nero…

      • Pietro says:

        Ma tu ci ei mai stato in Ungheria per renderti conto di persona (non per averlo letto sui giornali) se quello di Orban è un regime fascista come pensi tu? Se ci andassi vedresti che quel governo, che a voi sinistrorsi spiace tanto, ha lasciato piena libertà di stampa, ha ridotto tasse e bollette, ha provveduto a sostenere la famiglia e quant’altro. Certamente non si lascia mettere i piedi sul collo dalle lobby che comandano in Europa. Se questo è fascismo…

      • Filippo81 says:

        ah samue sparane n’artra , facce ride’. la vita è triste ma quando leggo i tuoi commenti posso tornare a sghignazzare !ahahahhCuCù !!!!

  3. Antonio Mussi says:

    Finalmente c’è qualche uomo politico intelligente ce va contro corrente. Questa è la vera ed unica soluzione. Bisogna anche inpegnarsi per far finire le guerre.

  4. michelando says:

    Ma perche’ chiama fascista il governo ungherese scusi? Il sostegno alle famiglie cristiane in difficolta’ sarebbe forse venuto dai paesi islamici? Gli stessi che ci fanno saltare in aria a casa nostra e ci uccidono a casa loro?
    Noi cristiani siamo senz’altro perseguitati in molte parti del mondo ma il vostro odio verso la nostra civilta’, senza dubbio superiore, che dovrebbe essere il denominatore comune in Europa, vi rende ciechi e in capaci di ammettere che non ci resta che costruire muri contro tutti questi barbari. Senno’ lei vada pure a vivere da quella parte del muro e si porti dietro tutta la sinistra europea fin che c’e’.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.