Google+

Travaglio: «Non tifo Italia». Visto come è andata, speriamo continui a gufare

giugno 19, 2012 Daniele Ciacci

Marco Travaglio ha detto di «tifare Germania, non Italia. Se vincesse, ci dimenticheremmo del Calcioscommesse. Invece, è importante fare pulizia».

Intervista a tutto tondo a Marco Travaglio. Quelli di “Un giorno da pecora”, programma radiofonico di Radio 2, ospitano il vicedirettore del Fatto quotidiano. È il 14 giugno. Camicia bianca, sbottonata. Jeans. Travaglio è affabile: ben lontano dalle austere vesti di monolitico moralizzatore che indossava in ben altre trasmissioni televisive. Si lascia andare a qualche parolaccia, addirittura a qualche risata. Coi moderatori discute un po’ di tutto: sulle primarie del Pd, sulla mafia, sulla dipartita (ad altri giornali) del suo collega Luca Telese e sui tassisti, che «mi confessano di evadere le tasse».

Eppure, Travaglio sveste gli abiti del confessore fiscale
quando si parla della nazionale italiana. E qui, non si spreca il senso patrio. Lo afferma chiaramente l’editorialista: «Paura del biscotto? No, io non tifo Italia, quindi me ne fotto». E cosa tifa? «Germania». No, la Germania no. «Ho tifato anche le nazionali italiane», ma solo «quando mi piacevano particolarmente. L’Italia di Bearzot, di Zoff e di Trapattoni». Ora spera che «l’Italia esca dall’Europeo il prima possibile», perché se vincesse «ci dimenticheremmo subito dello scandalo», mentre «è molto importante che si faccia pulizia nel calcio». Quindi «forza Croazia, forza Irlanda e forza chiunque giochi contro l’Italia».

Snobismo politichese e qualunquismo benpensante giocano con Travaglio per toccare apici sempre più alti di banalità. Ma, dal campo, Mario Balotelli e Antonio Cassano rispondono alle critiche del più colto vicedirettore a suon di gol. Lo slogan «Forza Croazia e forza Irlanda», quindi, non ha avuto un buon seguito. Intanto, per quel che ci riguarda, speriamo di giocarci la semifinale proprio contro la selezione tedesca. Sicuramente possiamo arrivare molto lontano. Soprattutto se Travaglio continua a tifare contro gli Azzurri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ha la polivalenza nel sangue: grazie all’altezza da terra di 22 cm, alle 4WD e ai sistemi d’assistenza alla guida, off road è più performante della media delle SUV. Brillante su strada, vanta una dotazione di sicurezza raffinata.

Sono pochi i biker che guidano come K-Weed, uno dei più stilosi pro della scena mountain. Uomo immagine di Ibis, il suo nome è di casa sia nelle prime righe delle classifiche delle gare di Enduro Usa, sia nei titoli dei video più cliccati sul web.

Pesa 5.86 kg la Scott più leggera; ha geometrie racing e predilige la salita ma si pedala bene in ogni situazione grazie all’ottimo equilibrio tra rigidità e comfort. Costa 7.299 euro

Svelato il nome della prima SUV Bentley. Adotterà, almeno inizialmente, il maestoso W12 6.0 biturbo a iniezione diretta di benzina di derivazione Audi? Prezzo non inferiore a 180.000 euro.

L’edizione limitata a 50 esemplari della supercar inglese celebra il ventennale della vittoria della mitica F1 GTR alla 24Ore di Le Mans. Al kit aerodinamico dedicato si abbinano interni specifici. Invariata la meccanica.

Speciale Nuovo San Gerardo