Google+

Travaglio: «Non tifo Italia». Visto come è andata, speriamo continui a gufare

giugno 19, 2012 Daniele Ciacci

Marco Travaglio ha detto di «tifare Germania, non Italia. Se vincesse, ci dimenticheremmo del Calcioscommesse. Invece, è importante fare pulizia».

Intervista a tutto tondo a Marco Travaglio. Quelli di “Un giorno da pecora”, programma radiofonico di Radio 2, ospitano il vicedirettore del Fatto quotidiano. È il 14 giugno. Camicia bianca, sbottonata. Jeans. Travaglio è affabile: ben lontano dalle austere vesti di monolitico moralizzatore che indossava in ben altre trasmissioni televisive. Si lascia andare a qualche parolaccia, addirittura a qualche risata. Coi moderatori discute un po’ di tutto: sulle primarie del Pd, sulla mafia, sulla dipartita (ad altri giornali) del suo collega Luca Telese e sui tassisti, che «mi confessano di evadere le tasse».

Eppure, Travaglio sveste gli abiti del confessore fiscale
quando si parla della nazionale italiana. E qui, non si spreca il senso patrio. Lo afferma chiaramente l’editorialista: «Paura del biscotto? No, io non tifo Italia, quindi me ne fotto». E cosa tifa? «Germania». No, la Germania no. «Ho tifato anche le nazionali italiane», ma solo «quando mi piacevano particolarmente. L’Italia di Bearzot, di Zoff e di Trapattoni». Ora spera che «l’Italia esca dall’Europeo il prima possibile», perché se vincesse «ci dimenticheremmo subito dello scandalo», mentre «è molto importante che si faccia pulizia nel calcio». Quindi «forza Croazia, forza Irlanda e forza chiunque giochi contro l’Italia».

Snobismo politichese e qualunquismo benpensante giocano con Travaglio per toccare apici sempre più alti di banalità. Ma, dal campo, Mario Balotelli e Antonio Cassano rispondono alle critiche del più colto vicedirettore a suon di gol. Lo slogan «Forza Croazia e forza Irlanda», quindi, non ha avuto un buon seguito. Intanto, per quel che ci riguarda, speriamo di giocarci la semifinale proprio contro la selezione tedesca. Sicuramente possiamo arrivare molto lontano. Soprattutto se Travaglio continua a tifare contro gli Azzurri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Di queste vetture non ci scorderemo, perché continueranno a far parlare di sé anche in futuro. Ecco la top ten dei modelli che, per stile o raffinatezza tecnologica, hanno segnato l’anno appena trascorso.

In Germania e Svizzera non vige alcun obbligo, ma sono “caldamente raccomandati” e in caso d’incidente con gomme estive… si paga. Gran parte dell’Europa impone le coperture winter, come in Italia. In Portogallo e Grecia? Non sanno cosa siano!

L’edizione speciale della supercar del Toro celebra la storica collaborazione con Pirelli, da oltre cinquant’anni fornitore degli pneumatici di primo equipaggiamento delle vetture di Sant’Agata Bolognese. Meccanica invariata, livrea bicolore.

Versione cabriolet della gigantesca e raffinata berlina Mulsanne Speed, adotta un V8 6.75 biturbo benzina da 537 cv. Radica e pelle a profusione in abitacolo.

Già disponibile nelle concessionarie la crossover di casa Honda, anche nella sua versione più turistica

Speciale Nuovo San Gerardo