Google+

Te Deum laudamus per averci strappate all’inferno

gennaio 1, 2017 Therese Kang Mi-jin

Mentre attraversavo il confine della Corea del Nord chiedevo disperatamente a Dio di salvare me e mia figlia. Non sapevo neanche Chi fosse. È diventato il mio unico sostegno

Questo articolo è tratto dal numero di Tempi in edicola a partire dal 29 dicembre (vai alla pagina degli abbonamenti) e secondo tradizione è dedicato ai “Te Deum”, i ringraziamenti per l’anno appena trascorso. Nel “Te Deum” 2016 Tempi ospita i contributi di Benedict Nivakoff, Alex Schwazer, Rone al-Sabty, Ilda Casati, Luigi Amicone, Siobhan Nash-Marshall, Tiziana Peritore, Therese Kang Mi-jin, Anba Macarius, Roberto Perrone, Pier Giacomo Ghirardini, Farhad Bitani, Maurizio Bezzi, Renato Farina, Pippo Corigliano, padre Aldo Trento, Mauro Grimoldi. Il prossimo numero di Tempi sarà in edicola da giovedì 12 gennaio 2017.

Therese Kang Mi-jin, 45 anni, lavora in Corea del Sud come giornalista per Daily NK, un sito specializzato sulla Corea del Nord, da dove è fuggita nel 2009. È stata battezzata nel 2010 con il nome di Therese, sua figlia nel 2011 con il nome di Cecilia.

Nel cuore della notte, nera come la pece, una madre e una figlia pregavano disperatamente un Dio sconosciuto, in un momento che poteva decidere della loro vita o della loro morte. «Ti prego Dio, aiutaci ad attraversare il confine facendo cadere le guardie in un sonno profondo». Ho scelto di scappare dalla Corea del Nord per dare alla mia unica figlia un futuro migliore. Era il 2009 quando io, quarantenne, ho attraversato il confine con la mia bambina di 13 anni. In Corea del Nord lavoravo in una compagnia che commercia in oro vicino al confine, mentre mia figlia, invece di andare a scuola, era impiegata in un piccolo spaccio. Quando mio marito morì prematuramente, infatti, mi sono dovuta spostare vicino al confine per cercare un lavoro.

Un giorno, sono stata convocata dalle forze di sicurezza e una guardia mi ha minacciato dicendo che non potevamo vivere e lavorare lì dal momento che non avevamo l’autorizzazione. In Corea del Nord infatti è molto difficile cambiare la propria residenza, anche se tantissimi si spostano segretamente per cercare un lavoro. Intorno a me era pieno di persone senza autorizzazione. Così, quando la guardia è venuta a farmi domande e a ordinarmi di ottenere un permesso di residenza se volevo continuare a vivere lì, ho capito che voleva solo una tangente. Sapevo che un sacco di gente prima di me aveva ottenuto illegalmente un permesso di residenza corrompendo una guardia di sicurezza. Ma in quel momento ho pensato alla mia piccola bambina, cresciuta senza padre e costretta a lavorare dall’età di 11 anni. Non potevo dare a quella guardia soldi guadagnati tanto duramente, che io e mia figlia avevamo messo da parte per anni, superando ogni tipo di avversità.

La mia prima preghiera
Ho litigato a lungo e per questo sono stata condannata ai lavori forzati. Quando ne sono uscita, ho deciso di scappare dalla Corea del Nord. Ma non avevo la minima idea di come farlo. Così, in un misto di paura e ansia, sono andata da uno sciamano per cercare una vaga speranza. Ho chiesto allo sciamano quale sarebbe stato il momento migliore per mettere in pratica un mio piano dal quale dipendeva tutta la mia vita. Lo sciamano mi rispose di non preoccuparmi troppo, di seguire la mia strada e di andarmene in qualsiasi momento: «Dio ti guiderà», mi disse. Aggiunse anche di chiedere a Dio ciò che volevo realmente prima di partire. Allora non capii che mi stava chiedendo di pregare. Per me è stato scioccante e sorprendente sentire quel genere di parole da uno sciamano. Non sapevo esattamente di quale Dio parlasse, ma è buffo che lui sia stata la prima persona a parlarmi di Dio in tutta la mia vita.

Fin da piccola, infatti, ho ricevuto un’educazione incentrata sull’ideologia di Kim Il-sung, l’unico che può essere venerato in Corea del Nord, e sono cresciuta ripetendo che tutte le religioni sono come la droga. Che lo sciamano mi parlasse di Dio era più incredibile della mia decisione di fuggire. Ecco perché ero davvero confusa. Ma al momento di attraversare il fiume Yalu, al confine con la Cina, mi sono ritrovata a chiedere disperatamente a Dio di salvare me e mia figlia. Dio ha esaudito la mia preghiera e noi siamo riuscite ad attraversare il confine sane e salve, nascondendoci in Cina per un po’.

Il tumore e una misteriosa medicina
Ma anche in Cina la vita era fatta di ansia e insicurezza. Mia figlia e io tremavamo ogni volta che sentivamo le sirene della polizia in lontananza per paura di essere catturate. Se i “disertori” vengono scoperti in Cina, infatti, vengono rimpatriati in Corea del Nord. Si dice anche che le donne nordcoreane che soggiornano illegalmente in Cina vengano vendute come schiave o prostitute. Durante il nostro soggiorno, per la grande paura, invocavo continuamente Dio perché non ci abbandonasse nel pericolo. La paura è svanita solamente quando abbiamo toccato il suolo thailandese.

Dopo aver passato diversi mesi in Thailandia, siamo finalmente arrivate in Corea del Sud e ci siamo recate negli uffici del centro educativo statale per rifugiati nordcoreani Hanawon. Qui ho incontrato due suore e sono loro che mi hanno instradato sulla via della fede. Con la grazia di Dio, sono stata battezzata e confermata nella Chiesa cattolica, rinata come membro di un nuovo mondo.

Il Signore mi è stato di sostegno e conforto fin da quando mi sono stabilita qui. Ha placato la mia rabbia e asciugato le mie lacrime quando i pregiudizi di tanti sudcoreani, che mi snobbavano e mi voltavano le spalle, mi facevano male. Mi ha incoraggiata e consolata ogni volta che mi sono trovata in difficoltà. Quando mi sono ammalata di cancro e sono caduta in un profondo stato di frustrazione, Dio è stato al mio fianco per incoraggiarmi, dicendomi che potevo superarlo perché avevo già superato difficoltà ben maggiori per scappare dalla Corea del Nord e dalla Cina. Durante la mia lunga battaglia contro la malattia, Dio è sempre stato con me: a volte come un amico con cui sfogarmi, altre come una roccia su cui scagliare la mia rabbia. Dialogare con Dio è stato una medicina misteriosa e analettica che mi ha rafforzato e fatto maturare.

Se qualcuno mi chiedesse perché ringrazio Dio e non posso lasciarlo, direi che Dio è l’Unico che conosce tutto di me e dal quale mi aspetto la risoluzione di ogni mio problema. Dio mi è venuto incontro in modo misterioso e anche se mi condurrà lungo strade che non ho mai conosciuto, io ho fiducia in Lui perché so che sarà sempre con me.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana