Google+

Svezia: spopola Egalia, l’asilo dove ogni bambino sceglie il suo sesso

giugno 30, 2011 Chiara Sirianni

A Egalia, asilo svedese di Stoccolma, i bambini possono «essere chi vogliono essere»: il lego è di fianco alle pentole per cucinare, le bambole sono asessuate, Biancaneve e Cenerentola sono abolite. Il corpo docenti non usa i pronomi “lui” e “lei”, ma il neutro così che ogni bambino possa scegliere il sesso che preferisce

Due bambole senza sesso, una con un’espressione triste, l’altra felice. Si chiamano “emotion dolls” e fanno parte dei giochi utilizzati nel percorso pedagogico di Egalia, una scuola materna di Stoccolma. Ogni riferimento al genere sessuale va evitato. Per questo Biancaneve e Cenerentola hanno lasciato spazio alla storia di due giraffe, maschi, che vogliono un figlio e finiscono per adottare un uovo di coccodrillo: l’obiettivo è che i bambini seguano spontaneamente le loro inclinazioni, senza cadere nello stereotipo che vorrebbe i maschietti rincorrersi con in mano pistole giocattolo e le bambine fare le treccine alle bambole.

«La società si aspetta che le ragazze debbano essere simpatiche e carine e che i ragazzi siano tutti virili e poco sensibili», ha spiegato Jenny Johnsson, insegnante dell’“Egalia” di 31 anni. «Noi diamo loro una fantastica opportunità: quella di essere chi vogliono essere».

In nome della parità dei sessi, i mattoncini del Lego si trovano a fianco dei pentolini di plastica per giocare a cucinare, mentre il rosa e l’azzurro sono vietati. L’obiettivo è quello del continuo scambio di ruoli. La scuola ha aperto lo scorso anno ed è sommersa di richieste. La missione è quella di sradicare ogni fonte di discriminazione sociale, ma l’eccessiva rigidità ha suscitato in Svezia non poche polemiche.

Anche perché le discriminazioni non si abbattono appiattendo le differenze, ma valorizzandole. La storia ricorda la coppia di Toronto che ha deciso di non comunicare a loro figlio il suo sesso per non condizionarlo, come omaggio alla libertà di scelta contro ogni limitazione. I due canadesi sono stati soprannominati dal Times “la coppia più politicamente corretta del mondo”. Intanto, ad Egalia il corpo docenti non usa i pronomi “lui” e “lei”, ma il neutro, come usava nei circoli femministi anni settanta. In Svedese non esiste, l’hanno inventato apposta: “hen”, a metà strada tra “hon” maschile) e “han” (femminile).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Maria scrive:

    Ma stiamo davvero rasentando il ridicolo! Questa è pedagogia da 4 soldi! I pupazzi possono essere asessuati ma nella razza umana esistono genitali maschili e femminili! Donne e Uomini… questo non è uno stereotipo!

  2. Alessandro scrive:

    Molto interessante. Quando apre pure in Italia?

  3. malta1565 scrive:

    che tristezza. salviamo i bambini dalla demenza adulta

  4. G. scrive:

    Dai commenti di persone come voi si può apprezzare pienamente la bassezza di questa povera italietta.

  5. Umberto scrive:

    Invece dall’esistenza di persone come te si capisce perchè tutto, nel mondo, sta andando a rotoli. Chi ha aperto quell’asilo merita il carcere.

  6. Umberto scrive:

    Che schifo.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Due e quattro ruote ma non solo: ecco qualche spunto per il fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

Saranno la punta di diamante della collezione Mtb e, grazie alla tecnologia XFrame, promettono di eliminare qualsiasi punto di pressione. Arriveranno in autunno, al prezzo di 369,99 euro.

Dopo il successo della berlina Model 3 arriveranno, già nel 2017, un SUV e un pick-up a batteria, oltre ai camion a zero emissioni. La ricarica solare favorirà l’autonomia. Intanto, però, la Casa americana ha fallito i primi obiettivi produttivi.

Il restyling della crossover nipponica porta in dote finiture più curate che in passato, una dotazione di serie completa, un motore 1.4 turbo benzina dall’erogazione corposa e un’abitabilità da riferimento. Il prezzo è la ciliegina sulla torta.

Dopo i costruttori tedeschi e americani, ora anche Nissan dedica un sistema di guida semiautonoma a una vettura di serie. Entro quattro anni debutterà la prima auto nipponica senza conducente.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana