Google+

SUSSIDIARIETA’ URBANISTICA

luglio 7, 2005 Lupi Maurizio

ALLA CAMERA è STATO APPROVATO
IL DISEGNO LEGGE SUL GOVERNO
DEL TERRITORIO. STATO E REGIONI
SI PREPARANO A FARE UN PASSO AVANTI.
IL PROMOTORE DELLA RIFORMA SPIEGA QUALE

Sessantatre anni, 1942-2005, per mandare in pensione la vecchia legge e avviare quella che, nel settore urbanistico, è una vera e propria rivoluzione culturale. La scorsa settimana la Camera ha infatti approvato il disegno di legge sul governo del territorio e di riforma della legge urbanistica del 1942. Mai, prima d’ora, un ramo del Parlamento era riuscito a varare questo testo di riforma nonostante se ne parlasse da oltre 10 anni. Oggi, il ddl approda al Senato, ma il clima di confronto e di collaborazione con l’opposizione all’interno del quale il testo è nato, pone le basi per andare avanti.
Sussidiarietà è la parola d’ordine di questo disegno di legge che nasce dopo la riforma del titolo V della Costituzione. Una riforma che ha introdotto il concetto di governo del territorio senza che, però, se ne definissero con precisione i contenuti e i limiti. Un lacuna costituzionale che, con questo testo, viene finalmente colmata. Il disegno, infatti, non solo definisce in maniera chiara cos’è il governo del territorio, ma stabilisce che si tratta di una politica che deve essere attuata unitariamente con spirito collaborativo dalle Regioni e dallo Stato, ciascuno con le sue competenze, aprendo al coinvolgimento dei privati. È una declinazione, cioè, del principio di sussidiarietà nelle sue dimensioni verticale e orizzontale.
Fino ad oggi, infatti, in mancanza di un quadro legislativo di riferimento, le Regioni avevano cercato di supplire con la loro legislazione. Tutto ciò andava salvaguardato e recepito. Così è stato. Il testo di riforma urbanistica è un testo quadro di principi, snello (solo 11 articoli), che fissa una cornice stabile entro la quale le Regioni possono e devono operare. Non solo, ma recepisce concetti, come quelli di perequazione e compensazione che le leggi regionali avevano già introdotto. Anche sugli standard viene superato un approccio statale che alcune Regioni avevano già superato. Per la prima volta, infatti, gli standard non vengono più considerati solo dal punto di vista quantitativo, ma anche come possibilità di migliorare la qualità della vita dei cittadini.

PUBBLICO-PRIVATO:
UN RAPPORTO POSSIBILE
L’aspetto che ha creato maggiori problemi risvegliando le coscienze dei sempre vigili statalisti, è stata la definizione del rapporto pubblico-privato. L’obiettivo della legge era quello di fare un passo avanti non solo sul principio di sussidiarietà verticale (Stato-Regioni-Comuni), ma anche sul livello orizzontale. Il testo ne consente la collaborazione per ottenere l’interesse generale. La dicotomia pubblico-privato, infatti, può essere superata solo se a cuore c’è il bene comune del Paese. Stato e privati non sono due monadi contrapposte e, soprattutto, bisogna smettere di pensare che tutto ciò che apre al privato coincide con un indebolimento del pubblico. Al contrario il testo ribadisce, in più punti, che è il pubblico a svolgere l’attività di pianificazione dando al privato la possibilità di operare in un quadro di riferimento certo. Non solo, ma viene affermato (grazie ad un emendamento dell’opposizione) che questo rapporto virtuoso deve avvenire secondo principi di imparzialità amministrativa, trasparenza, concorrenzialità e pubblicità.
In questa cornice assume un’importanza notevole il principio che l’utilizzo della fiscalità è uno strumento fondamentale per l’attuazione delle politiche di riqualificazione del territorio. Insomma, dopo 63 anni, l’urbanistica non è più un insieme di vincoli e imposizioni, ma torna ad essere uno strumento che permetta ai cittadini di vivere sempre meglio.

* deputato e responsabile lavori
pubblici di Forza Italia

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download