Google+

Storia di Rudolf Weigl, il medico che combatté i nazisti con i pidocchi

agosto 26, 2015 Cristiana Dobner

Un libro racconta le rocambolesche vicende di un medico austro-polacco e del suo assistente ebreo, che salvarono molte vite dalla persecuzione nazista e dall’Olocausto utilizzando astutamente le loro ricerche contro il tifo

ebrei-ghetto-leopoli-wikipedia

Articolo tratto dall’Osservatore Romano – La propaganda nazista paragonava i pidocchi agli ebrei: come si dovevano estirpare gli uni, così si dovevano estirpare gli altri. I ghetti diventavano quindi il legittimo luogo in cui rinchiudere gli ebrei e i pidocchi e salvare di conseguenza la popolazione tedesca dal contagio del tifo. Infatti, il tanto temuto tifo petecchiale aveva mietuto vittime innumerevoli nelle trincee della prima guerra mondiale, così da causare tanti morti quanti ve ne erano stati in combattimento.

La città di Leopoli, intorno agli anni venti del xx secolo, mostrava un volto cosmopolita. Il giovane medico ebreo Ludwik Fleck aveva lavorato, come assistente, nel fantastico laboratorio di Rudolf Weigl, zoologo austro-polacco, persona geniale ed eccentrica. Lo scienziato aveva sferrato la lotta contro il tifo, cioè contro quegli insetti parassiti che lo diffondevano: i pidocchi. La scoperta che fossero agenti infettivi risaliva all’inizio del secolo.

Arthur Allen, giornalista americano specializzato in campo scientifico, narra in un libro accattivante, Il fantastico laboratorio del Dottor Weigl (Torino, Bollati Boringhieri, 2015, pagine 373, euro 25), la vicenda dei due scienziati, nella Leopoli occupata dai nazisti nel 1943.

Ludwig Fleck che nel 1935 aveva dato alle stampe una ricerca che sarebbe diventata celebre e imprescindibile per l’epistemologia, Genesi e sviluppo di un fatto scientifico, dovette sottostare a un esame beffa di batteriologia da parte del dottor Bruno Weber delle SS, per poi essere a capo dell’istituto di igiene nel lager di Auschwitz. Da beffa a beffa.

Con quale procedura Rudolf Weigl produceva il vaccino anti-tifo? In quattro fasi ben determinate: le larve di pidocchio dovevano essere nutrite da sangue umano, estratto da donatori volontari con le cosce e i polpacci succhiati dai voraci insetti per dodici giorni; nei pidocchi sani si iniettava il batterio del tifo, ottenuto da pidocchi infetti e si lasciavano crescere per altri cinque giorni; si omogeneizzavano e si centrifugavano quindi gli intestini dei pidocchi infetti, colmi del sangue umano. La profilassi antitifica del vaccino Weigl era la migliore esistente allora in Europa.

L’operazione Barbarossa, scattata nel giugno 1941, aveva soppresso gli intellettuali di Leopoli e iniziato lo sterminio pianificato degli ebrei. Alti esponenti nazisti si diressero in via San Nicola da Rudolf Weigl, al laboratorio con le tecniche di ricerca e sperimentazione più avanzate nel mondo. Gli fecero la lusinghiera proposta di una cattedra a Berlino e il loro appoggio per ottenere il premio Nobel. Offerta non gratuita indubbiamente ma dipendente dalla produzione del vaccino a favore dell’esercito nazista schierato alla frontiera est del Reich.

Rudolf Weigl non cedette. Tuttavia, si piegò alla fornitura del vaccino con migliaia di dosi inviate alle SS, alla Wehrmacht, agli Einsatzgruppen.

Tutto questo lavoro scientifico però si dimostrò un’ottima copertura per l’intento che Rudolf Weigl mise in atto per giocare i nazisti: la resistenza polacca, gli abitanti di Leopoli in pericolo, da mille a tremila matematici, insegnanti, biologi, musicisti, romanzieri, molti attivi clandestinamente, divennero “alimentatori” dei pidocchi oppure ottennero documenti falsi. Quindi fu il sangue degli intellettuali oppressi a salvare dal tifo l’esercito nazista!

Rudolf Weigl però non poté fare nulla per il suo stimato collega Ludwik Fleck: l’ebreo non poteva alimentare con il proprio sangue i pidocchi. Per di più era confinato nel ghetto. Rudolf Weigl rallentava la consegna ai tedeschi, però lentamente perse la sua autonomia.

Una grande forza d’animo sorresse Ludwik Fleck e, proprio nel ghetto dove il tifo imperversava, sperimentò un nuovo vaccino, questa volta tratto dall’urina dei malati di tifo.

L’ufficiale sanitario delle SS, il dottor Bruno Weber, ne rimase colpito e fece trattare bene Ludwik Fleck deportato ad Auschwitz. Significava godere di un trattamento di favore, dapprima in una stanza del magazzino del lager, detto Kanada, successivamente alla direzione del laboratorio sierologico all’istituto di igiene. Il vaccino assumeva una priorità dettata dalla necessità di sopravvivere.

Ludwik Fleck, sotto il controllo di una persona senza scrupoli morali come il dottor Erwin Ding, e prigioniero nel centro dell’orrore del lager di sterminio in cui i deportati erano letteralmente delle cavie, si beffò dei suoi aguzzini.

Con un rischio continuo Ludwik Fleck, insieme con altri scienziati prigionieri a Buchenwald nel blocco 50, produsse il vaccino ma in due versioni diverse: l’una inerte, consegnata alle SS, l’altra efficace ai prigionieri del campo. L’inganno non trapelò mai.

Ludwik Fleck sopravvisse all’orrore del lager, rimase in Polonia fino al 1957 e fu professore all’università di Lublino e Varsavia. Emigrò poi in Israele oppresso dal cumulo di accuse di collaborazionismo pendenti sul suo operato. Analoghe accuse colpirono anche Rudolf Weigl e non lo abbandonarono fino alla morte, sempre nel 1957. Nel 2003 però lo scienziato è stato riconosciuto Giusto fra le Nazioni dallo Stato d’Israele.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Mauri says:

    mi spiace : non avete convinto. continuo a ritenere che finanziare,collaborare,lavorare e farsi curare nella stanza a fianco di una in cui si vivisezionano bambini (veri nel caso dell’Olocausto,tra virgolette nel caso della vostra propaganda) sia del tutto inaccettabile ideologicamente,moralmente,umanamente.
    L’ unica “scusante” del batteriologo fu la verosimile coercizione personale e familiare cui fu sottoposto dall’occupante : coercizione di cui francamente oggi non c’e’ alcuna traccia,grazie al lavoro di tanti comunisti,liberali,socialisti ecc.
    Strumentalizzare la Storia per tentare di difendere atteggiamenti odierni insostenibili non e’ mai una buona idea. Specialmente quella dell’Olocausto. Quello vero.

    • Orazio Pecci says:

      Comodo fare i moralisti da poltrona…

      • Mauri says:

        no,si tratta di semplice coerenza amico mio.
        e dato che la dimostro ogni giorno con il mio lavoro tendo a pretendere lo stesso dagli altri. Anche da chi sembra strumentalizzare una Storia che non gli appartiene,in nessun modo.
        Mi sembra questo un giochetto davvero vergognoso,se e’ vero che nessuno coercisce gli amici ciellini ad accettare i fondamenti del nostro vivere civile (in cui come e’ noto e’ compresa la legge 194 e in cui ne e’ imposto il finanziamento con le tasse e il rispetto in fatto e in diritto),e che se li rifiutano sono liberi di andarsene in qualsiasi momento,diretti verso realta’ statali (Iran,Marocco,Malta ecc) piu’ consone a loro,e testimoniare cosi la loro presunta “fede”.
        Ma non mi vengano a raccontare che “si puo'” finanziare,collaborare,farsi curare in una stanza mentre in quella adiacente vivisezionano un bambino.
        Questo lo trovo davvero un messaggio volgare,immorale,e francamente disgustoso.

        • Menelik says:

          Mai sentito parlare di sabotaggio?
          E’ stato invece molto accorto, a preparare una versione inerte ed una attiva.
          Astuto. Astuto e giusto.
          Ce ne fossero ancora oggi di persone così, non come i sinistri ploretari, che dopo il crollo politico-economico del comunismo reale, si sono prontamente riciclati nel mercantilismo liberista più ultracapitalista che c’è, infatti basta vedere la sinistra italiana: borghesia più borghese di quella non c’è.
          Tanta coerenza proprio.
          Infatti i comunisti sovietici erano alleati coi nazisti per la spartizione della Polonia, hanno divorziato dopo.
          Tant’è vero che i cadaveri dei martiri delle Fosse di Katyn, massacrati dai Bolscevichi, avevano nella testa pallottole di fabbricazione tedesca.

  2. Roberto says:

    Se è vivere civile l’aborto (Soppressione volontaria di un essere umano) siamo a posto, abbiamo coerenza
    e giudizio morale.
    Poi ti permetti di giudicare gli altri?

    • Menelik says:

      Tanto per restare in tema di coerenza, la 194 non prevedeva aborto libero comunque e per chiunque, ma il ricorso alle pratiche abortive avrebbe dovuto essere solo di emergenza.
      E invece l’hanno fatto diventare quasi un semplice metodo anticoncezionale a concezione avvenuta.

  3. roberto says:

    Anche il 95%dei tedeschi erano d’accordo con Hitler.
    Fatti un bagno di umiltà.
    Torna sulla terra.
    Ogni tanto ragiona e rifletti sulla tua condizione umana.
    Come dice Peguy i moralisti hanno una corazza che li rende immuni dalla grazia.
    Solo chi ha una grande ferita (consapevolezza del proprio nulla) sono aperti alla Grazia

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download