Google+

Storia di Margareth, la nonnina di Liverpool finita nella death list a sua insaputa

ottobre 30, 2012 Elisabetta Longo

I medici la davano per spacciata e avevano già predisposto il trattamento di fine vita. Solo l’intervento dei parenti ha evitato la sua fine. Ora beve the e festeggia la nascita del quinto nipote

Margaret Kibble è una nonnina di 95 anni, la cui esistenza era data come terminale dai medici che la curavano. Questa la diagnosi fatta due anni fa, ma, nel frattempo, Margaret è riuscita a vivere altri due anni e ad assistere alla nascita del suo quinto nipote. Eppure era stata messa sulla “lista” dai dottori del Liverpool Care Pathaway, dicendo che aveva manifestato il desiderio di morire. Ma quando i suoi parenti hanno sentito che lamentava l’assenza di acqua e cibo, i sostentamenti per la donna sono tornati a regime regolare, permettendole di vivere altri due anni.

PARENTI ALL’OSCURO. Proprio in questi giorni si sta discutendo in Gran Bretagna della possibilità, avanzata dai medici di base, di inserire in una lista (death list) i pazienti che potrebbero morire, al fine di agevolare eventuali pratiche di fine vita. L’ospedale di Liverpool, in cui è ricoverata la signora, è quello che ha lanciato le linee guida in termini di alimentazione e idratazione, che vanno interrotte nelle ultime ore di vita dei malati terminali.
Il problema è proprio che, spesso, i parenti non vengono avvisati di questa procedura, così come è successo ai familiari della signora Kibble che, mentre erano in visita dalla degente, hanno visto entrare un paio di infermieri e staccare monitor e flebo senza dire niente.

COL FAZZOLETTO BAGNATO. «Non ci permettevano di darle acqua, nonostante la paziente la chiedesse, ci siamo ridotti a dargliene con un fazzoletto bagnato», ha spiegato il genero della donna, che il giorno seguente si è recato dai medici per avere spiegazioni. «Ci è stato spiegato che era stata inserita nel Care Pathway e ci siamo spaventati. Il giorno dopo le nostre proteste, però, siamo entrati nella sua stanza e abbiamo visto un paio di medici intorno al suo letto. Pensavamo fosse morta e, invece, stava bevendo una tazza di the, tranquilla». La prima di tutte quelle che ha potuto ancora bere in questi altri due anni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Tribute to TM scrive:

    Dio mio …. E’ mostruoso !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana