Google+

Siria. I jihadisti di Al Nusra hanno rapito un padre francescano e venti giovani parrocchiani

ottobre 7, 2014 Redazione

Nella notte tra il 5 e il 6 ottobre sarebbero state infatti circa una ventina (sul numero non v’è certezza), gli uomini e le donne finiti nelle mani dei tagliagole

Hanna JalloufI Padri Francescani della Custodia di Terrasanta hanno pubblicato sul loro sito e inviato all’agenzia Fides un comunicato in cui confermano le indiscrezioni secondo cui il rapimento del loro confratello padre Hanna Jallouf – sequestrato insieme a altri cristiani del villaggio siriano di Knayeh – è opera dei jihadisti di al-Nusra (cioè Al Qaeda). Per ora non si conosce il luogo dove sono stati portati né è stato possibile in alcun modo contattare loro o i rapitori.

RAGAZZI E RAGAZZE. Non solo padre Jallouf. Secondo la stringata comunicazione ci sarebbero anche altre persone nella mani del gruppo terrorista. Nella notte tra il 5 e il 6 ottobre sarebbero state infatti circa una ventina (sul numero non v’è certezza), gli uomini e le donne finiti nelle mani dei tagliagole. Il vescovo Georges Abou Khazen, vicario apostolico di Aleppo per i cattolici di rito latino, ha detto a Fides che si tratterebbe di circa «una ventina» di ragazzi e ragazze. «Le suore che erano nel convento hanno trovato rifugio in alcune case del villaggio».
Il comunicato della Custodia si conclude con l’invito a pregare per il parroco e i parrocchiani «e per le altre vittime di questa guerra tragica e insensata».

CENTRO DI VITA DEL VILLAGGIO. Avvenire informa che «Knayeh è un villaggio cristiano nella valle dell’Oronte, nella Siria settentrionale, vicino al confine con la Turchia. I frati minori della Custodia di Terra Santa sono presenti nella valle dell’Oronte da oltre 125 anni. Prima che iniziasse il conflitto, il convento, il centro giovanile, l’asilo e l’ambulatorio, gestito dalle suore francescane, erano, come lo sono anche oggi, il centro della vita del villaggio. Padre Jallouf animava con entusiasmo le attività parrocchiali, l’oratorio, le iniziative estive, le giornate di ritiro e di spiritualità».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Raider says:

    Ieri, su La7, nel programma di Formigli, è andato in scena il solito show pro-Pensiero Unico, in cui il “confronto” alla pari era “tutti contro”, nel caso, la Santanché, qualunque cosa si pensi dell’on di FI. Nell’occasione, in mezzo a tanta, tantissima aria fritta stantia, è scappato a Carlo Freccero, che si atteggia a profondo esperto e per giunta, con la prosopopea di chi è un “intellettuale fuori dal coro”, lanciarsi in un acuto a cappella che proclamava una verità che sembrava aver scoperto lui solo e comunque lui per primo: e cioè, che le lotte interne all’Islam sono un fattore interno alla politica Ue, perché portano la guerra civile nei Paesi che ne fanno parte. Non ha detto perché: siccome l’averne azzeccata una gli è riuscito solo perché si tratta di una cosa evidente e nota a tutti, non poteva spiegare perché: vale a dire, che gli immigrato sono talmente tanti, che condizionano le nostre scelte politiche, il loro numero e radicamento è al punto che condizionano la nostra vita e determinano, direttamente o indirettamente, anche le istituzioni parlamentari, in cui non hanno ancora una rappresentanza politica.
    Se avesse spiegato che il problema nasce dal fatto che gli è stato permesso di arrivare qui senza limiti e controlli, sarebbe stato costretto a porsi domande come: chi glielo ha permesso? E perché? E come possiamo essere in grado di esercitare la nostra autodeterminazione in questioni politica estera e interna, se dobbiamo fare i conti con una massa crescente di potenziali nemici in casa? Cosa rimane della nostra libertà e per quanto ancora? E così, tutti i problemi che l’immigrazione pone, per Formigli, Freccero, pubblico di contorno, in studio o a casa, si riducevano al trattare la Santanché in maniera non troppo gentile. Che bravi!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi