Google+

Scuola. Non bisogna abolire le gite, bisogna educare!

ottobre 20, 2015 Miranda Moltedo

Dopo la morte di un ragazzo a Miano, c’è chi propone di smettere di portare in giro gli studenti. Lettera appassionata e allegra di una suora preside che da trent’anni porta gli alunni su e giù per l’Italia

duomo 1

Dopo la morte durante una gita scolastica a Milano del diciassettenne Elia Barbetti, Giorgio Rembado, presidente dell’associazione nazionale presidi, ha detto al quotidiano Repubblica che «questi viaggi hanno sempre meno senso. Nella nostra epoca, la mobilità degli studenti è molto più elevata di un tempo. Con biglietti agevolati, voli low cost e prezzi abbordabili ormai partono quasi tutti. Non è come un tempo in cui per molti ragazzi il viaggio d’istruzione costituiva un’occasione per uscire dal proprio contesto familiare». Qui di seguito pubblichiamo una lettera aperta che suor Miranda Moltedo, preside IC Paritario Marcelline Quadronno, Milano, ha voluto indirizzare a Rembado.

Caro Rembado, premesso che da una tragedia del genere qualunque scuola farebbe fatica a riprendersi, l’abolizione per legge dei “viaggi di studio” (la parola “gita” dovrebbe essere bandita dal vocabolario scolastico) di più giorni sancirebbe – a mio parere – il totale fallimento della Buona Scuola, presente e futura.

Significherebbe affermare che la Realtà e la Scuola viaggiano su due binari diversi e paralleli; significherebbe affermare che la Scuola deve diventare una monade autoreferenziale, una “macchina” per riempire i cervelli dei ragazzi con nozioni rigorosamente scelte e proiettate su LIM (quando va bene), o lette sui libri (nei contesti meno tecnologici). Il tutto nello spazio di pochi metri quadrati. Come i polli.

Abolire i viaggi di istruzione significherebbe affermare:
a) che i docenti non hanno più nulla da dire sul piano educativo e relazionale, in un contesto che non sia l’aula,
b) che si considerano utili ai fini didattici i viaggi familiari, cioè le “gite” (quando va bene; mica tutte le famiglie possono permettersele) natalizie, carnevalesche o estive,
c) che tutti i genitori – ammesso che viaggino e che si portino dietro i figli – sappiano spiegare nel modo dovuto e dal vivo i capolavori dell’arte, dell’architettura, della natura presenti in Italia e nel mondo.

Il problema è a monte e va analizzato. Sono più di trent’anni che organizzo e accompagno con i miei colleghi – tutti desiderosi di partecipare, ferme restando le esigenze di servizio a scuola – studenti dai 7 ai 19 anni in viaggio di studio, soprattutto in Italia. Naturalmente partecipano anche i poveri, quelli che possono pagare solo una piccola quota. La necessità aguzza l’ingegno e ci sforziamo di trovare i finanziamenti per questo investimento culturale. Il mio pallino (ma si può discutere) è che prima cerchiamo di far innamorare del loro Paese i nostri studenti; se c’è tempo, poi, andremo (o andranno per conto loro) a Praga. Dalla 3^ primaria alla 5^ secondaria di secondo grado ci sono 11 anni di studio e 11 occasioni di mete ad hoc per cogliere la bellezza dell’Italia.

Vorrei dirti quello che abbiamo raccolto, in questi anni: complimenti dai direttori degli hotel, dalle guide, dagli autisti dei pullman, dai gestori dei ristoranti, da semplici cittadini in giro per l’Italia. Solo questo. Puoi non crederci. Ma ti dico come siamo arrivati a questo.

Si comincia a 3 anni: a scuola con allegria ma con ordine. A tavola si sta civili e non ci si comporta come porcellini. Visita in cascina, nel dovuto modo, laboratorio sul formaggio: riflessione, osservazione, disegno quando si torna a casa. Ma naturalmente anche gioco e allegria dopo pranzo. Maestre sempre attente. Dato che siamo a Milano, nello scorso a.s., visita della Scuola dell’Infanzia al Duomo (con permesso speciale, data l’età…) e al Castello Sforzesco, inserite nel progetto didattico dell’anno su Expo: osservazione, spiegazione dei materiali, degli elementi artistici e architettonici, di tutto, nel dovuto modo e con il dovuto linguaggio. Disegno al rientro a scuola (in allegato alcuni prodotti dei bambini di 4 anni).

Si continua con lo stesso metodo alla primaria e per tutti gli altri Corsi, partendo dalla vita scolastica quotidiana: lavoro serio quotidiano, distensione nei momenti giusti, attività facoltative pomeridiane ad hoc e fatte bene, visite intelligenti e ben preparate a musei e monumenti della nostra città, visite di un giorno fuori città (ieri, ad es., siamo andati all’abbazia di Praglia e Vicenza con la sec. di I grado – un successone), attenzione alle problematiche dei singoli bambini, dialogo con le famiglie, spunti didattici intelligenti, contenuti solidi, inglese quanto basta e fatto bene, clima di attenzione, accoglienza, serenità e serietà. È lo standard per tutte le classi.

Castello Sforzesco 2

Da subito le famiglie sanno che dalla terza primaria iniziano anche i viaggi con qualche pernottamento: due-tre notti per iniziare, ma anche al liceo non si superano le 4 notti per opportuni motivi di budget. Naturalmente il viaggio si prepara dall’inizio dell’anno: dove si va, cosa si fa, come ci si comporta, che cosa si vede… e allora ci sta il ppt di spiegazione con tutto l’itinerario previsto, sia per gli alunni che per i genitori, i quali aspirerebbero… ma stiamo meglio – in viaggio con i bambini e ragazzi – senza di loro. Come sai, con i genitori, i bambini ne fanno da vendere; con le maestre e i prof. rigano diritto e si divertono pure!

Con questo sistema si procede alle Secondaria di I e II grado: se i ragazzi sono stati coltivati come si deve, se si è riusciti a infondere in loro un po’ di senso di responsabilità, di amore per il bello, di passione per le cose difficili e importanti, poi i risultati si vedono. Certo, dipende dalle classi: semplicemente, non si faranno viaggi di più giorni con classi (o alunni) poco affidabili. Patti chiari, amicizia lunga, anche con i ragazzi.

Quest’anno con la sec. di I grado andremo 5 giorni a Napoli e dintorni: un itinerario fittissimo e appassionante. L’annuncio già lo scorso anno. Quest’anno, deliberato all’unanimità dal CD, si procede, a tappe, con la preparazione, in modo giusto ed equilibrato. Così crei il desiderio, l’aspettativa culturale e relazionale. Certo, è un impegno, forse una fatica. Ma poi offri ai ragazzi – anche ai poveri, a quelli che mai farebbero l’escursione sul cratere del Vesuvio o al Cratere degli Astroni, o mai vedrebbero Napoli sotterranea, o il Cristo Velato – un’opportunità splendida di gustare la bellezza dell’arte, della natura, e quella di stare insieme in modo civile e simpatico.

E non pensare che siamo scuola per ricchi e che per questo i ragazzi sono civili. È tutto olio di gomito. Siamo pieni di BES e di DSA; abbiamo gli H, anche casi gravissimi; spesso le famiglie – come ben sai – sono assenti (anche se portano il pargolo a sciare)… è una battaglia, siamo in trincea. Allo stipendio che tu sai. Ma i complimenti e la meraviglia dell’umile autista del pullman, che apprezza di non dover ripulire il suo mezzo diventato porcile, perché i bambini e i ragazzi hanno avuto chiari ordini su come ci si comporta e condividono gli ordini ricevuti, sono impagabili. Questi sono frutti della Buona Scuola. Piccoli, ma utili alla società civile. A che serve che visitino la Cappella Sistina, se poi sono incivili in pullman?

Detto questo, caro Rembado, mi pare intelligente che i docenti non si muovano se non è stato fatto un percorso del tipo che ti ho detto. Chi ripaga il morto ai genitori? Quanti anni di psicoterapia per supportare i docenti accompagnatori? Anche come preside, se non avessi un corpo docenti formato e motivato, non mi muoverei. E, detto tra noi: era proprio necessario spendere soldi in pernottamenti per andare a Expo? Noi di Milano, obtorto collo, abbiamo dovuto andare. I genitori ci tenevano… e con 15 euro a testa ce la siamo cavata. Siamo sopravvissuti, con manipoli di 5 alunni per docente, e con gli occhi davanti e dietro… Organizzazione di Expo per le scuole pari a sottozero. Ma chi aveva la fortuna di abitare a centinaia di chilometri, doveva proprio rischiare? Non ne valeva la pena. Qui sì, bastava un ppt!

Con i più affettuosi saluti.
sr. Miranda Moltedo


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Michelangelo36 scrive:

    Parole sacrosante ma non tengono conto che la loro è una scuola di scelta anche dei genitori che sono automaticamente collaboratori dei docenti. Ben diversa è la situazione nella scuola dell’obbligo dove i ragazzini della scuola media già hanno imparato ad apostrofare gli insegnanti così: “Prof. (fa tanto SMS e gender) non si arrabbi ché mio padre la denuncia!”. Ed i genitori magari si interessano dei figli solo per chiedere il risarcimento.
    Allora bisogna prima rimuovere le cause di questo fenomeno è poi si può chiedere agli insegnanti di fare gli eroi

  2. Menelik scrive:

    Nessuno pare essersi accorto che il ragazzo, agli esami tossicologici, risultava essere pieno come un uovo di alcolici e mariuhana.
    Era, praticamente, semi incosciente.
    Se non fosse stato in gita scolastica, anziché buttarsi dalla finestra dell’albergo, si sarebbe buttato dalla finestra di casa, o di quella della casa di un suo amico, o di quella della scuola.
    Anche a me è successo due anni fa, che un ragazzo in gita scolastica è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale rovinando la mattina a tutti gli altri.
    Aveva bevuto pesantemente la notte, e nessuno degli accompagnatori può entrare alle tre di notte nelle camere a controllare chi è via di testa.
    Uscite giornaliere si, ma gite plurigiornaliere mai più.
    Io non ho alcuna intenzione di assumermi la responsabilità per qualcuno che, in preda ai fumi, si butta giù da un dirupo quando devo controllare tante altre persone.
    Tipi balordi non li porterei nemmeno in laboratorio, e quando ce li porto gli sto con gli occhi addosso come il falco.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Menelik!, vogliono cambiare la scuola, i programmi, le gite, e lotta all’omofofofobico di qua e preservativi di là…Ma ci vuole la scala per capire che va cambiata la rotta ? Che la gente deve cambiare l’ANIMA? CHE SENZA DIO E LE PREGHIERA NON SI VA DA NESSUNA PARTE?
      Giovani senza meta e soprattutto senza guide sante!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana