Google+

Scola sui matrimoni gay: «Lo Stato prima di legiferare deve ascoltare la società civile»

aprile 12, 2013 Redazione

Il cardinale di Milano a Radio Vaticana parla del suo ultimo libro sulla libertà religiosa e parla di quanto accaduto in Francia

La Radio Vaticana ha intervistato il cardinale di Milano Angelo Scola. L’arcivescovo di Milano presenterà martedì prossimo il suo nuovo libro Non dimentichiamoci di Dio. Libertà di fedi, di culture e politica. Ne ha parlato col giornalista Luca Collodi con le parole che riportiamo di seguito.

Scola: «Lo scopo del libro è far vedere che questo tema – quello della libertà di religioni e di culture, all’interno del quale si trova anche la visione di chi dice di essere agnostico o ateo – presenta oggi una serie di nuovi problemi che debbono essere affrontati. Altrimenti, se viene meno una libertà religiosa di culture e la politica non la garantisce, essendo questa libertà lo scalino più alto della scale dei diritti dell’uomo, questa rischia di crollare».

Lo Stato moderno davanti alla proposta religiosa deve essere indifferente o neutrale?
Deve essere aconfessionale, cioè non deve assumere nessuna visione del mondo. L’aconfessionalità dello Stato non deve significare un distacco indifferente nei confronti delle visioni del mondo, ivi comprese le religioni, ma in una società plurale deve favorire un confronto serrato tra tutte le religioni e tutte le visioni del mondo. L’aconfessionalità mi sembra il termine più efficace riferito alla Stato, piuttosto dei termini “indifferenza” o “neutralità” perché dice che lo Stato non si assume una visione particolare, ma favorisce il confronto tra tutte, in vista dell’individuazione di quei temi comuni, materiali e spirituali, che permettono una vita buona associata.

Quando si parla di temi come la nascita, il matrimonio, l’educazione, la morte, le società democratico-liberali, quindi gli Stati, sembrano non tener conto della proposta religiosa…
Esattamente. Questo perché, secondo me, manca questa preoccupazione di favorire ciò che all’interno della società civile è in atto. Ad esempio, nella società civile italiana, vediamo come su questi temi ci siano appunto soggetti personali e sociali che hanno un pensiero diverso e che si confrontano. Pensiamo a quello che è successo in Francia in questi ultimi mesi, ad esempio sulla questione dei matrimoni gay. Allora, lo Stato prima di legiferare deve ascoltare la società civile e, per ascoltarla, deve favorire in tutti i modi la libertà di un confronto reciproco tra le varie visioni, che sia teso a un riconoscimento per trovare la strada giusta. Poi, sarà compito dello Stato, nel rispetto dei diritti fondamentali di tutti, legiferare secondo ciò che la maggioranza dei cittadini decide, lasciando poi a tutti ovviamente la libertà dell’obiezione di coscienza, qualora una legge vada contro la propria coscienza.

Guardando ai Paesi dell’Africa, dell’Asia e anche ai Paesi a maggioranza musulmana, che cosa significa parlare di libertà religiosa. Spesso, invece, si parla di persecuzione dei cristiani…
Certo. Ma questo è uno degli elementi che mi ha spinto a sviluppare questo libro e a intitolarlo con questa esortazione “Non dimentichiamoci di Dio!”, perché secondo me non possiamo non interrogarci sulla situazione che molti uomini di religioni, non solo cristiani, vivono tragicamente in tanti Paesi a maggioranza musulmana, o comunque in tanti Paesi che si proclamano a regime ateo. È compito dell’Occidente, che è ancora un luogo di libertà, approfondire tutte le nuove problematiche che si legano a questo tema. E affrontandoli, noi possiamo anche aiutare, ad esempio, i Paesi dell’islam ad accogliere il principio della libertà di conversione che non viene accolto. Io non propugno nessun ritorno al passato. Cerco solamente di porre sul tappeto dei problemi, antichi luoghi irrisolti, legati a questo tema della libertà religiosa che si trova in cima alla scala dei diritti. Se viene meno la realizzazione di un’effettiva libertà di religione e di cultura, e se la politica non asseconda questo, tutta la scala dei diritti rischia di crollare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. marzio scrive:

    Agli Stati contemporanei non interessa quello che pensa la societa’ civile, fanno esclusivamente gli interessi delle elites finanziarie, Inutile continuare ad illudersi. Il Cardinale Scola ha messo il dito nella piaga,giustamente.

  2. giuliano scrive:

    i cattolici hanno votato a sinistra, in odio a Berlusconi, e ora arriveranno le conseguenze: matrimonio ai sodomiti, eutanasia, provetta selvaggia, utero in affitto, droga libera. Tutte conquiste che sono sul calendario di questi vermi rossi

  3. Virgilio scrive:

    Per quanto ‘matura’ la posizione di dialogo non va necessariamente ricercata, in quanto pone il più delle volte in condizione di inferiorità rispetto a chi, partendo da una specifica posizione diversa da quella
    – in generale – Cristiana, chiede sacrifici all’interlocutore per creare apparenti condizioni di parità. La Chiesa è fatta di Parola ed Opere, non ci si distacchi dalle seconde per nascondere la propria rispondenza al desiderio di felicità e piegarsi ad un mero dialogo, con diversi osignificati per gli stessi termini (es. il concetto Cristiano di persona) e quindi necessariamente inconcludente, se non relativista.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana