Google+

Purgato anche Shakespeare. A teatro Erdogan vuole solo autori «umanisti nazionalisti» turchi

settembre 2, 2016 Redazione

La reazione del presidente al fallito golpe di luglio travolge perfino la cultura. Il paese avanza nella deriva verso la «repubblica islamica ottomana»

erdogan-turchia-palazzo-presidenziale-ansa

«L’opera di “pulizia”» avviata dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan in reazione al fallito golpe del 15 luglio non risparmia neanche «la più importante» compagnia teatrale del paese, «il Turkish State Theatres, una vera istituzione culturale», scrive Giordano Stabile in un articolo pubblicato oggi dalla Stampa. «Dalla stagione 2016-2017 – continua il giornalista – sono spariti Shakespeare, Anton Cechov, Bertolt Brecht, e anche il nostro Dario Fo. Sostituiti dalle pièce di autori rigorosamente turchi».

LO SLOGAN. «Siamo umanisti nazionalisti. Apriremo la stagione in tutti i teatri solo con testi locali per contribuire all’unità e all’integrità della patria e rafforzare i sentimenti nazionali e religiosi», è il proclama di Nejat Birecik, vicepresidente dell’associazione dei teatri di Stato. Lo slogan scelto è “Il sipario della Turchia si apre con il Teatro turco”, e sono otto le opere «rigorosamente turche» che «saranno portate in 65 teatri in tutto il Paese», spiega la Stampa. Tuttavia non basta nemmeno essere compatrioti di Erdogan per vedere i propri drammi inseriti in cartellone. Anche le opere turche «non in linea con il nuovo spirito» sono state falcidiate.

ATTO «DI FASCISMO». L’attore dissidente Orhan Aydin lo ha definito un atto «di fascismo». Anche perché, informa l’articolo del quotidiano torinese, «non ci sono solo le pièce cancellate ma anche “decine di attori, ballerini e registi” di altri teatri, finiti sotto inchiesta perché sospettati di “gulenismo”». Una purga culturale che si aggiunge all’ormai apocalittico numero di arresti, indagini e provvedimenti disciplinari ordinati in Turchia nei confronti dei presunti sostenitori dei golpisti. Solo ieri «altri 820 militari sono stati cacciati dalle forze armate, e 648 di loro messi in galera», scrive Stabile. Mentre la lista dei giornalisti in carcere ha raggiunto quota 108.

UN KHOMEINI OTTOMANO. La censura di Shakespeare, Cechov e colleghi rappresenta un ulteriore «preoccupante» passo verso qualcosa che William Reed, analista del think tank Clarion Project citato sempre dalla Stampa, identifica come una sorta di «repubblica islamica ottomana». Una svolta autoritaria che «ricorda le prime fasi della rivoluzione khomeinista in Iran», aggiunge Stabile. E che erode inevitabilmente l’identità della Turchia, Paese sunnita (l’Iran invece è a maggioranza sciita) e «soprattutto ancora ufficialmente “laico”». Nella stessa direzione puntano le politiche «contro le minoranze cristiana, ebrea, curda, yazida, alevita» sponsorizzate da Erdogan. E la scelta di cancellare i giganti del teatro mondiale in nome dello «spirito nazionale», continua la Stampa, «rimanda a “un impero musulmano”», e cioè all’impero ottomano, «l’ultimo che assegnava anche il titolo di Califfo al sovrano di Istanbul».

STEINBECK «IMMORALE». Come ricorda inoltre Marta Ottaviani in un box a lato dell’articolo di Stabile, un tentativo di “purga culturale” era già stato fatto nella «laica Smirne» nel 2013. Quando il provveditorato agli studi locale «avanzò la proposta di censurare Uomini e topi» di John Steinbeck perché «conteneva passaggi “contrari alla morale” e “diseducativi” per gli studenti». Quella volta il progetto di censura, attribuito proprio all’Akp di Erdogan, naufragò grazie all’ostinata opposizione del sindacato insegnanti. Adesso però il presidente, «dopo il repulisti seguìto al golpe fallito di luglio, ha sempre meno voci critiche con cui fare i conti».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Filippo81 says:

    Il “democratico e fedele alleato dell’Europa e della nato” erdogan peggiora di giorno in giorno!

  2. viccrep says:

    il golpe una finzione per fare pulizia di chi non la pensa come erdogan il dittatore e noi europa continuiamo a dargli credibilità ed euro.
    chiudete le frontiere

  3. gianluca segre says:

    Tolgano, Erdogan e i suoi, la grandezza del teatro mondiale. Si tengano gli autori locali. Così avranno una cultura asfittica e meschina. Conoscono ben poco la storia: con tutta le sua ferocia e i suoi grandi limiti, nei momenti di grandezza l’Impero ottomano sapeva far convivere etnie diverse e – in qualche misura – religioni diverse. I nostri pittori erano ben accolti – si pensi al Bellini. A quale storia pensa Erdogan? forse non sa che nel XIX secolo l’Impero veniva chiamato “il grande malato”. E il neo dittatore sta togliendo quanto di meglio abbiano avuto i turchi negli ultimi decenni. Complimenti.

  4. Sebastiano says:

    E qualcuno in europa ancora si dispera perché questo i rapporti con questo figuro stanno andando al macero…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download