Google+

Purgato anche Shakespeare. A teatro Erdogan vuole solo autori «umanisti nazionalisti» turchi

settembre 2, 2016 Redazione

La reazione del presidente al fallito golpe di luglio travolge perfino la cultura. Il paese avanza nella deriva verso la «repubblica islamica ottomana»

erdogan-turchia-palazzo-presidenziale-ansa

«L’opera di “pulizia”» avviata dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan in reazione al fallito golpe del 15 luglio non risparmia neanche «la più importante» compagnia teatrale del paese, «il Turkish State Theatres, una vera istituzione culturale», scrive Giordano Stabile in un articolo pubblicato oggi dalla Stampa. «Dalla stagione 2016-2017 – continua il giornalista – sono spariti Shakespeare, Anton Cechov, Bertolt Brecht, e anche il nostro Dario Fo. Sostituiti dalle pièce di autori rigorosamente turchi».

LO SLOGAN. «Siamo umanisti nazionalisti. Apriremo la stagione in tutti i teatri solo con testi locali per contribuire all’unità e all’integrità della patria e rafforzare i sentimenti nazionali e religiosi», è il proclama di Nejat Birecik, vicepresidente dell’associazione dei teatri di Stato. Lo slogan scelto è “Il sipario della Turchia si apre con il Teatro turco”, e sono otto le opere «rigorosamente turche» che «saranno portate in 65 teatri in tutto il Paese», spiega la Stampa. Tuttavia non basta nemmeno essere compatrioti di Erdogan per vedere i propri drammi inseriti in cartellone. Anche le opere turche «non in linea con il nuovo spirito» sono state falcidiate.

ATTO «DI FASCISMO». L’attore dissidente Orhan Aydin lo ha definito un atto «di fascismo». Anche perché, informa l’articolo del quotidiano torinese, «non ci sono solo le pièce cancellate ma anche “decine di attori, ballerini e registi” di altri teatri, finiti sotto inchiesta perché sospettati di “gulenismo”». Una purga culturale che si aggiunge all’ormai apocalittico numero di arresti, indagini e provvedimenti disciplinari ordinati in Turchia nei confronti dei presunti sostenitori dei golpisti. Solo ieri «altri 820 militari sono stati cacciati dalle forze armate, e 648 di loro messi in galera», scrive Stabile. Mentre la lista dei giornalisti in carcere ha raggiunto quota 108.

UN KHOMEINI OTTOMANO. La censura di Shakespeare, Cechov e colleghi rappresenta un ulteriore «preoccupante» passo verso qualcosa che William Reed, analista del think tank Clarion Project citato sempre dalla Stampa, identifica come una sorta di «repubblica islamica ottomana». Una svolta autoritaria che «ricorda le prime fasi della rivoluzione khomeinista in Iran», aggiunge Stabile. E che erode inevitabilmente l’identità della Turchia, Paese sunnita (l’Iran invece è a maggioranza sciita) e «soprattutto ancora ufficialmente “laico”». Nella stessa direzione puntano le politiche «contro le minoranze cristiana, ebrea, curda, yazida, alevita» sponsorizzate da Erdogan. E la scelta di cancellare i giganti del teatro mondiale in nome dello «spirito nazionale», continua la Stampa, «rimanda a “un impero musulmano”», e cioè all’impero ottomano, «l’ultimo che assegnava anche il titolo di Califfo al sovrano di Istanbul».

STEINBECK «IMMORALE». Come ricorda inoltre Marta Ottaviani in un box a lato dell’articolo di Stabile, un tentativo di “purga culturale” era già stato fatto nella «laica Smirne» nel 2013. Quando il provveditorato agli studi locale «avanzò la proposta di censurare Uomini e topi» di John Steinbeck perché «conteneva passaggi “contrari alla morale” e “diseducativi” per gli studenti». Quella volta il progetto di censura, attribuito proprio all’Akp di Erdogan, naufragò grazie all’ostinata opposizione del sindacato insegnanti. Adesso però il presidente, «dopo il repulisti seguìto al golpe fallito di luglio, ha sempre meno voci critiche con cui fare i conti».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    Il “democratico e fedele alleato dell’Europa e della nato” erdogan peggiora di giorno in giorno!

  2. viccrep scrive:

    il golpe una finzione per fare pulizia di chi non la pensa come erdogan il dittatore e noi europa continuiamo a dargli credibilità ed euro.
    chiudete le frontiere

  3. gianluca segre scrive:

    Tolgano, Erdogan e i suoi, la grandezza del teatro mondiale. Si tengano gli autori locali. Così avranno una cultura asfittica e meschina. Conoscono ben poco la storia: con tutta le sua ferocia e i suoi grandi limiti, nei momenti di grandezza l’Impero ottomano sapeva far convivere etnie diverse e – in qualche misura – religioni diverse. I nostri pittori erano ben accolti – si pensi al Bellini. A quale storia pensa Erdogan? forse non sa che nel XIX secolo l’Impero veniva chiamato “il grande malato”. E il neo dittatore sta togliendo quanto di meglio abbiano avuto i turchi negli ultimi decenni. Complimenti.

  4. Sebastiano scrive:

    E qualcuno in europa ancora si dispera perché questo i rapporti con questo figuro stanno andando al macero…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download