Google+

Pregavano in chiesa, poi il buio e gli spari. Così i cristiani muoiono in Nigeria

agosto 8, 2012 Daniele Ciacci

A Otite, nella regione centrale di Kogi, in Nigeria, diciannove fedeli sono stati uccisi in un attentato. Le vittime di Boko Haram salgono a 1600.

Non si ferma la strage cristiana in Nigeria. Un nuovo attacco a una chiesa, la “Deeper Life Bible church” a Otite, nella regione centrale di Kogi, ha provocato la morte di diciannove credenti riuniti in preghiera, tra le quali in sacerdote. Un commando armato di dieci persone, a bordo di un minivan, ha fatto irruzione nella chiesa dopo aver staccato la corrente dall’edificio. Gli attentatori sono entrati sparando ad altezza uomo. L’assalto, al momento, non è stato rivendicato, ma la similitudine con certi attacchi del gruppo di matrice islamica Boko Haram lascia pochi dubbi agli inquirenti, nonostante la regione di Kogi non sia mai stata toccata direttamente dalla violenza estremista.

L’attentato seguirebbe le richiese del leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, a Goodluck Jonathan di convertirsi all’islam – abbandonando il cristianesimo – e di dimettersi dall’incarico di premier. Non è tardata la risposta del capo dello stato africano, che si dice indisposto ad abiurare la propria fede. Tantomeno, a lasciare il suo ruolo, essendo «il suo mandato voluto dai nigeriani stessi», a detta del suo portavoce. Alle sue parole, i terroristi hanno risposto con i fatti. Domenica, un’autobomba si è schiantata contro alcuni militari a Damataru, nel nord-est, uccidendo sei soldati e due civili. Più a est, a Maiduguri, un commando armato ha freddato un poliziotto e un civile.

Salgono così a 800 le vittime di Boko Haram da gennaio. Dall’inizio del conflitto, nel 2009, sono circa 1600 le uccisioni, di cui molti cristiani. Le voci di Fiamma Nirestein e di Margherita Boniver, deputate Pdl, si dicono preoccupate per la sorte di un paese dove la libertà di culto è limitata. In Nigeria, si sente solamente l’eco delle richieste europee e americane di mettere fine al conflitto. Più forte è la voce del vescovo di Jos, Ignatius Kaigama, che a Tempi dice preoccupato: «Certamente non agiscono da soli. C’è un piano segreto e ci sono degli sponsor dietro di loro, sia all’interno della Nigeria che fuori. Certamente ricevono aiuti da gruppi terroristici internazionali come Al Qaeda».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi