Google+

Perché togliere la piazza alle Sentinelle (che avevano l’autorizzazione) per lasciarla a chi le contestava (senza autorizzazione)?

luglio 9, 2014 Bendetta Frigerio

Modena. È stato chiesto di vietare alle Sentinelle in piedi la possibilità di manifestare. Intervista alla capogruppo Ncd, Luigia Santoro, che ha presentato un’interrogazione al sindaco

sentinelle in piedi modenaIl 21 giugno scorso erano circa 400 le Sentinelle in piedi che hanno vegliato in silenzio in piazza Grande a Modena per difendere la libertà di pensiero messa in pericolo dal ddl Scalfarotto, la legge approvata alla Camera e ora al vaglio del Senato che prevedere il carcere per un indefinito reato di “omofobia”.

LE CONTESTAZIONI. Come già successo a Bergamo, Perugia, Siena e in altre città italiane, durante la veglia modenese gli attivisti di Arcigay hanno disturbato con urla e un falsh mob le fila silenziose delle Sentinelle, accusandole di “omofobia” solo per il fatto di manifestare leggendo un libro. «Eppure, nonostante le infiltrazioni senza permesso dei contestatori fra chi, invece, aveva avuto l’autorizzazione di scendere in piazza, il consigliere Adriana Querzè, capogruppo della lista civica “Per Me Modena”, ha firmato un’interrogazione (qui il testo) parlando di presidi “omofobi” e chiedendo al sindaco di non permettere più alle Sentinelle di manifestare», spiega a tempi.it il consigliere, capogruppo del Ncd, Luigia Santoro. «Ho quindi risposto con un’altra interrogazione urgente (la trovate a fondo pagina, ndr), perché se questo è quello che accade prima ancora che il ddl Scalfarotto sia approvato, non oso immaginare cosa succederà se passasse la legge che prevede il carcere per un generico reato di “omofobia”». Ossia quello di cui la Querzè ha accusato i manifestanti, «considerando di per sé violenta la difesa della libertà di ogni cittadino, anche di chi ha opinioni diverse dalle proprie, a esprimere il proprio punto di vista su certi temi».

LA DIFESA DI CHI INSULTA. Secondo Santoro «non si devono usare due pesi e due misure». Infatti, mentre la contro-manifestazione del 21 giugno è proseguita indisturbata sebbene non avesse alcun permesso di svolgersi, chi lo aveva chiesto ora rischia di perdere il diritto di stare in piazza. «Fino a prova contraria, le Sentinelle non hanno insultato nessuno».
Il sindaco della città, Gian Carlo Muzzarelli, intervistato dalla Gazzetta di Modena ha, in sostanza difeso il diritto delle sentinelle a scendere in piazza, smorzando le polemiche sollevate dall’Arcigay: «La manifestazione era prevista da tempo – ha detto – e si è trovato insieme una soluzione condivisa. Non mi pare che ci siano manifestazioni d’odio di cui si parla. È necessaria più serenità».
Fra luglio e settembre Muzzarelli dovrà rispondere alle interrogazioni di Querzé e Santoro. «Spero nell’imparzialità e nella reale laicità del sindaco – chiosa Santoro – perché qui non c’entra nulla l’essere cattolici o meno, è una battaglia sul diritto di opinione. In piazza, fra le sentinelle c’erano anche persone con tendenze omosessuali. Come Gabriele che si è detto contrario all’ostentazione e all’odio espresso dalla minoranza degli attivisti lgbt». E la componente cattolica in Consiglio come si è espressa? «La componente cattolica dovrebbe a maggior ragione usare la ragione. Voglio ben sperare che lo faccia. Qui c’è in ballo la tenuta della democrazia. Vietare alle Sentinelle di vegliare sarebbe un passo pericoloso contro la liberta espressione di ogni persona».

 

Al sindaco del Comune di Modena
Al Presidente del Consiglio comunale di Modena

OGGETTO: veglia silenziosa apartitica e aconfessionale delle Sentinelle in piedi

INTERROGAZIONE URGENTE

Premesso

  • che il disegno di legge Scalfarotto, già approvato alla Camera, vuole introdurre il reato di “omofobia”, presentato come necessario per fermare atti di discriminazione e violenza nei confronti di persone omosessuali, quando il nostro ordinamento giuridico punisce già qualunque atto di violenza e la Costituzione tutela già tutte le persone in quanto tali;
  • che con l’approvazione di questo disegno di legge potrebbe essere accusato di omofobia chiunque affermi pubblicamente che la famiglia naturale è fondata sull’unione di un uomo e di una donna o chiunque si esprima pubblicamente come contrario al matrimonio fra persone dello stesso sesso e alle adozioni a tali coppie;
  • che le “Sentinelle in piedi” non sono un movimento, ma una rete apartitica e aconfessionale che coinvolge persone di qualunque fede, orientamento sessuale e appartenenza politica perché la libertà di espressione riguarda tutti;
  • che le sentinelle vegliano nelle piazze per un’ora, di fronte ai luoghi di potere, in piedi, in silenzio, leggendo un libro, rivolte nella stessa direzione che è quella di un futuro migliore;
  • che negli ultimi mesi sono migliaia i cittadini che hanno vegliato nelle piazze italiane, in più occasioni derisi, insultati e provocati da aderenti ai movimenti LGBT.

Considerato

  • che per il 21 giugno alle 18, in piazza Grande a Modena, si è svolta la terza veglia delle Sentinelle, già autorizzata dal Comune in aprile;
  • che lo svolgimento è stato pesantemente disturbato da una contro manifestazione LGBT non autorizzata.

Valutato

  • che Jean Pier Delaume Myard, omosessuale contro la legge sul matrimonio per tutti, portavoce della “Manif pour tous” francese, afferma che la maggioranza degli omosessuali non ha nulla a che vedere con questa lobby gay aggressiva perché non è l’orientamento sessuale che guida la nostra vita, ma il nostro stato di cittadini integralmente;
  • che Gabriele, un omosessuale italiano, ha deciso vegliare con le Sentinelle in piedi, contro il disegno di legge anti-omofobia perché non vuole vivere in un Paese in cui chi dissente non può esprimersi, ritenendo che una minoranza LGBT, molto rumorosa, non rappresenti la maggioranza silenziosa che vive il proprio orientamento omosessuale senza ostentazione;
  • che se oggi si viene accusati di omofobia soltanto stando in silenzio nelle piazze è facile prevedere quanto accadrà domani se questo disegno diventerà legge e non è che la conferma di ciò che le sentinelle vanno denunciando.

INTERROGA

Il Sindaco di Modena per sapere:

1) se non ritenga opportuno non mettere nemmeno in discussione l’autorizzazione alle veglie pacifiche delle Sentinelle in piedi;

2) se non intenda prendere provvedimenti nei confronti di coloro che contestano e offendono, non autorizzati, mettendo in pericolo i principi democratici della nostra Costituzione.

Luigia Santoro, Capogruppo NCD

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

77 Commenti

  1. Aristide scrive:

    Ma invece di continuare a fracassarci i cosiddetti con questi articoli sui gay perchè non vi occupate invece delle cose che più riguardano i cristiani, come gli inchini della madonna ai mafiosi ?
    O i preti pedofili? Queste sono cose che mi fanno indignare!!
    Gli altri che vivano felici come vogliono. Sono fatti loro.
    Avete un po’ stufato.

    • Mirko scrive:

      Non mi pare che vivono felici come vogliono, anzi vanno in piazza ad insultare e fracassare i cosiddetti a chi la pensa diversamente.
      Quelli in piedi silenziosi, mica impediscono loro di starsene a casa a fare ciò che li rende felici…..

    • beppe scrive:

      caro aristide, vedo che sei completamente confuso dalla informazione ”orientata” . non ti chiedi mai da dove nascono certe campagne stampa? ( ad es. l’attacco FURIOSO di repubblica alle scuole libere \ paritarie?) non nego che i temi da te sollevati non esistano, ma vengono enfatizzati solo per motivi politici e di opportunismo, e non per risolverli veramente. ( ad es. sul tema della pedofilia quelli che accusano la chiesa sarebbero disposti ad avallare le stesse pratiche senza batter ciglio) svegliati tu. come le sentinelle!

    • fiorenza balbi scrive:

      Aristde, i cattolici sono attivi su molti fronti per esempio , a scuarciagola stanno denunciando al mondo che i Cristiani vengono massacrati, uccisi , crocefissi nelle terre dell’Islam …interessa a qualcuno ? qualche media ti ha informato di ciò , qualche istituzione ONU , Parlamento Europeo ti risulta abbia alzato un soppraciglio ? NO ! eppure i cattolici si stanno attivando su questo fronte con tutte le loro forze ….tu ne sapevi qualcosa ?
      Inoltre devi sapere , altra cosa che i media tralasciano di dire alla gente , che i preti pedofili sono andati sotto indagine e sai cosa hanno scoperto gli investigatori americani ? che erano TUTTI con tendenze OMOSESSUALI …..quindi i preti pedofili erano omosessuali …tu lo sapevi questo ?
      Purtroppo l informazione è monopolio di pochi e per sapere come stanno veramente le cose bisogna andarsele a cercare con il lumicino . Le Sentinelle in Piedi hanno diritto di manifestare il loro punto di vista come lo hanno tutti ed è un diritto che va difeso e non ostacolato come ha fatto i sindaci si sinistra , dimostrando di non avere questa sensibilità …pensare che il diritto di espressione è stata una battaglia della sinistra ……povera sinistra diventata serva del capitalismo ……si perchè dietro a tutta sta faccenda se tu avessi la pazienza di informarti c’è solo un grande business che niente ha a che vedere con i diritti gay .

    • Galcian79 scrive:

      La definizione corretta è preti molestatori di bambini. La pedofilia è soltanto un’attrazione fisica e/o affettiva nei confronti dei prepuberi.

    • beppino scrive:

      Personalmente gradisco che “Tempi” continui a fracassare i cosiddetti con articoli su gay e lesbiche (e relative pretese di genitorialità con l’eterologa…). Sono cristiano e mi stanno sugli zebedei i citati inchini a mafiosi durante le processioni, come mi stanno sugli zebedei tutti i pedofili (compreso ovviamente i presbiteri pedofili). Ma mi stanno altrettanto sugli zebedei chi paventa l’insindabile diritto che ognuno faccia quello che gli pare, se non altro per il semplice fatto che non esistono “bacelli” destinati a compartimentare socialmente ed antropologicamente questa eventuale “realtà” tanto amata e cercata. Inoltre mi “stufa” assai questa intolleranza e mancanza di rispetto per le culture ed i modi di pensare altrui.

      • filomena scrive:

        Ti sta sugli zebedei quelli che rivendicano il diritto di fare quello che ritengono opportuno però sei stufo di chi non tollera culture diverse
        Sei un esempio di coerenza logica. Forse dovresti deciderti, non puoi sostenere tutto e il contrario di tutto
        Va bene la libertà di espressione ma deciditi. Hai poche idee…ma ben confuse.

        • beppino scrive:

          Signora, sia più attenta su quel che uno scrive, eviterà così valutazioni oggettivamente errate sulla sua paventata confusione di idee.

    • CloNoce scrive:

      Ma qualcuno ti obbliga a leggere? È stato il medico a prescriverti la lettura di articoli su questo tema? Hai un pitbull alle calcagne che ti azzannerà se non li leggi? Non credo, allora vai a lamentarti da un’altra parte

  2. Gaspare scrive:

    Bene ha fatto questo consigliere.
    Mi auguro che i politici attenti alla costituzione italiana comincino a proporre interrogazioni parlamentari, regionali e comunali (a seconda del livello a cui partecipano) per il divieto assoluto relativo alla distribuzione di materiale propagandistico della teoria di genere e per la difesa della famiglia come definita dalla nostra costituzione.
    Invito anche tutti i cittadini attenti a queste tematiche di fare pressione in questo senso presso i propri rappresentanti (nazionali, regionali, comunali). Non costa molto contattare i nostri consiglieri comunali e chiederglielo.

  3. francesco taddei scrive:

    perché succede? perché questo è un paese cattocomunista. cioè sono comunisti (nonostante abbiano fallito sia nell’applicazione sia negli ideali) e benedetti dai preti.

    • Hector Hammond scrive:

      Cose come la saga di peppone don camillo hanno aiutato per me, a credere che si possano conciliare comunismo e cattolicesimo.

      • Giannino Stoppani scrive:

        “Cose come la saga di peppone don camillo hanno aiutato per me, a credere che si possano conciliare comunismo e cattolicesimo.”
        Roba da far rizzare i capelli!
        Povero Giovannino, si starà rivoltando nella tomba!
        Di’ un po’ Hector, tu dei racconti del “Mondo Piccolo” non ne hai letto manco uno, vero?!

        • luca scrive:

          ma non siete voi cattolici totalmente innamorati di Putin?
          solo qualche mese fa questo sito lo dipingeva come un santo.
          oppure siete innamorati dei comunisti solo quando spaccano la faccia ai gay che non stanno zitti?

        • Hector Hammond scrive:

          Ci ho provato , ma vivendo in emilia la differenza tra quello che scrive il guareschi e quello che ho visto è stata così pesante dall’impedirmi di andare oltre un certo numero di pagine.
          L’umanità dei peppone come lui la descrive non l’ho mai vista.
          Di giuseppe bottazzi non ne ho mai visti, so di un certo dante bottazzi, un partigiano che fece fuori un prete a riolo , o possiamo pensare ai Rolando RIvi.
          L’opera di guareschi per me è un gigantesco spot per della gente che non merita tutta la simpatia che gli si vuol accreditare, perdono e carità cristiana sì , ma il popolo che tanto tratteggia con amore il g.g. di merita più di essere critcato che lodato e qui mi fermo per carità cristiana.

          • Giannino Stoppani scrive:

            Hector, sei ingiusto.
            Io non sono un critico letterario, ma mi pare che Guareschi non abbia voluto rappresentare l’Emilia come era e, soprattutto come è oggi, ma quella sorta di luogo ideale (mondo piccolo) che ognuno di noi, specie quando raggiunge una certa età, ama conservare nel proprio cuore.
            Prova a leggere qualche pagina in più e ti ricrederai.

            • Hector Hammond scrive:

              Sono sempre dubbioso sul idealizzare un luogo od una situazione , partendo da qualcosa di reale. Ho fatto mio il concetto di “cibo tossico” , qualcosa che ti nutre , ma ti avvelena allo stesso tempo . Non ho luoghi ideali dentro di me , li ritengo appunto cose che possono intossicarti . Sull’origine della definizione che non è mia , se a qualcuno interessa posso anche indicarne l’autore :) .

              • Giannino Stoppani scrive:

                Ovviamente a me interessa.
                Comunque leggitelo Guareschi, e non credere che l’umanità che racconta non sia mai esistita.
                Di “Peppone” io ne ho conosciuti tanti, mentre di “don Camillo” pochi o punti.
                Senza contare che non era per il suo geniale contributo alla campagna elettorale del ’48 noi oggi saremmo un paese ex comunista.

  4. luca scrive:

    il problema non è solo di come si manifesta ma anche per cosa.
    il problema non è la forma della manifestazione delle sentinelle che è veramente molto pacifica, ma le ragioni che sono alla base della loro manifestazione.
    qualunque sia la forma in cui manifesto se la ragione della mia manifestazione è discriminatoria non mi dovrebbe essere data la possibilità di manifestare.
    secondo voi sarebbe giusto permettere una manifestazione come quella delle sentinelle se la richiesta fosse che le persone di colore debbano sedere infondo all’autobus? o una manifestazione del genere per chiedere che sia negato il voto alle donne?
    siamo seri, non tutte le posizioni sono difendibili. ci sono posizioni come le vostre che anche quando manifestate pacificamente sono cmq intrise di odio e discriminazione, non per la forma ma per i contenuti!

    • Cisco scrive:

      @Luca
      La fondamentale differenza e’ che mentre ci sono leggi contro il razzismo e la nostra costituzione prevede il suffragio universale, nessuna legge italiana impedisce – almeno finché non sarà approvata la legge Scalfarotto
      – di sostenere che la famiglia eterosessuale e’ il migliore modello di vita coniugale per crescere ed educare i figli.

    • Andrea (uno dei tanti) scrive:

      gentile Luca,

      le ragioni per cui manifestano ci sono e sono ragionevoli.

      L’ultimo articolo ( http://www.tempi.it/quel-che-si-vede-ma-non-si-dice-della-foto-dei-due-papa-gay ) tratto dal blog della Rccella è esemplare.

      Ora, su alcune cose credo che ci sia strumentale esagerazione ( tipo affermare che col ddl Scalfarotto/Leoni non si protrà manifestare o espimere opinioni e leggere Seneca o le lettere di S. Paolo ) ma il problema dell’adozione e della pensione di reversibilità è stato ben esposto ed argomentato diverse volte.

      Quello che non capisco e trovo inacettabile da cittadino è che l’arcigay/lgbt si arroghi il diritto di questionare su quali “ragioni” si possa manifestare/esprimere opinioni, cosa che anche Lei sembra fare; anche perchè, oggettivamente, qui non si parla di chi può “salire sull’autobus” o se le donne “possano votare”.

      Ed è anche più odioso e discriminatorio il modo in cui si tenta di “disturbare” le manifestazioni delle sentinelle.

      “Sentinellofobico” direi.

  5. Giorgio Borghini scrive:

    L’omosessualismo è pretestuoso, presuntuoso, ideologico e prepotente: non difende alcun diritto e si basa sulla diffusione di un’immagine vittimistica dei gay che è falsa. Forza Sentinelle!!!!!!!!

    • luca scrive:

      Giorgio certo che fa comodo dire che una legge non difende nessuno quando in realtà difende persone che odi
      nessun vittimismo, qui gli unici che fanno vittimismo siete voi che ogni tre per due tira fuori i bambini (a sproposito) per cercare di giustificare la vostra cultura dell’odio.

      t tacci i gay d vittimismo perché ti fanno presente problemi reali che hanno con l’attuale legge.
      vuoi parlare di falsità? allora parla dei preti pedofili e la chiesa che li occulta

      • Giorgio Borghini scrive:

        Preti pedofili? Siamo a corto di argomenti luca, ma allora se vuoi rimanere su questo terreno, visto che i casi di pedofilia che vedono responsabili i preti cubano lo 0,2%, vogliamo parlare dell’altro 99,8% o, per convenienza tua, è meglio parlare dei posti sull’autobus o cosa?

        • luca scrive:

          Giorgio, guardati le statistiche caro. la stragrande maggioranza dei casi di pedofilia vengono subiti all’interno della famiglia… la cara santa vecchia famiglia naturale!

          • Giorgio Borghini scrive:

            E allora accoppiamola, sembra la consecutio logica. Come se uno che ha a casa un genitore che sta male chiamasse le pompe funebri. La famiglia va difesa e aiutata, non picconata.

            • luca scrive:

              no girgio nessuno a accoppa alla famiglia, ma non è necessario ne sufficiente dire che è una famiglia tradizionale per stabilire se sia o meno una buon famiglia (sai la differenza tra una condizione necessaria e una sufficiente? altrimenti te la spiego)

              • Giorgio Borghini scrive:

                Sai cos’è una famiglia? Altrimenti fattelo spiegare dalla mamma tua che non ho tempo da perdere con i perditempo.

        • Hector Hammond scrive:

          Il 99.8% comprende pure il defunto jimmy saville ad altri potenti inglesi, scandalo con relative inchieste fatte arenare da qualcuno ma di cui si parla ben poco.

  6. fiorenza balbi scrive:

    L e Sentinelle in Piedi hanno il diritto di manifestare le loro idee , e questo diritto va difeso dalle Istituzioni , non ostacolato come ha fatto il sindaco di Siena …………., strano che a osteggiare sia proprio quella sinistra che aveva , dei diritti di opinione , fatto bandiera ….

  7. Enrico Z scrive:

    Nazigay all’attacco…totalitarismo puro

  8. Marta bianchi scrive:

    Forza sentinelle, non lasciatevi intimorire!
    Ci rappresentate più di quanto vogliano farci credere.
    I diritti dei bambini non si devono stravolgere per i capricci degli “adulti”!

  9. luca scrive:

    libertà di espressione solo se siete voi ad esprimervi.
    ieri il municipio XIII di Roma è stato occupato dal centro destra pe impedir la votazione riguardo la costituzione del registro delle unioni civili.
    Certo di quell’impedimento alla democrazia, addirittura istituzionale, non vi lamentate.
    sarà pure rave impedire una manifestazione di cittadini, ma certo è più grave impedire la discussione all’interno di un istituzione.
    di queste vicende questo sito non ne parla mai vero?
    la libertà di espressione è solo la vostra?
    ipocriti

  10. Michela scrive:

    W le sentinelle!!! W la libertà di opinione!

    • Satana scrive:

      Michela vai!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      ci vediamo

      • DIODELL'UNIVERSO scrive:

        Povere pecorelle smarrite….
        non avete proprio capito niente dei miei insegnamenti come ad esempio la tolleranza, la giustizia e l’amore verso il prossimo…
        pentitevi!

  11. paolo scrive:

    Bravi ragazzi, coraggio , boia chi molla !

    • Cristo scrive:

      Ma paolo anche tu mi tradisci, non bastava solo giuda?

      • Cristo scrive:

        Povere pecorelle smarrite….
        non avete proprio capito niente dei miei insegnamenti come ad esempio la tolleranza, la giustizia e l’amore verso il prossimo…
        pentitevi!

  12. Giorgio Borghini scrive:

    L’omosessualismo è pretestuoso, presuntuoso e ideologico oltre che violento. Basta con le prepotenze delle lobby, forza Sentinelle!

  13. Galcian79 scrive:

    Dimenticavo. L’indefinito reato di omofobia esiste solo nella crassa ignoranza degli articolisti di Tempi o più probabilmente nella loro disinformazione in malafede. Leggetevi una buona volta questo DDL: vengono punite le discriminazioni, non i pregiudizi!
    Spero almeno che sappiate discernere tra le due cose.

    • giovanna scrive:

      Caro Galcian, ti ritieni evidentemente una grande testa, penso puoi arrivare a capire che magari si potrebbe essere accusati di discriminare un gay, se solo si ha il “pregiudizio” che non sia giusto che si compri un bambino al mercato.
      Tra l’altro, qui è pieno di gente che chiama “omofobe” le sentinelle per il solo fatto di avere “pregiudizi” e la legge, essendo contro l’omofobia, dà adito a qualcosuccia su cui riflettere, non trovi ?
      Sai com’è, non tutti sono acculturati come te e la nota discrezionalità permessa ai giudici in Italia, giudici che fanno i legislatori a tempo perso, non depone a favore della tua magnanima interpretazione.

  14. Leonardo Niosi scrive:

    Coraggio Sentinelle! Siamo con voi!

  15. Giorgio Borghini scrive:

    Non facciamoci coinvolgere da false accuse e da questo vittimismo di facciata. Non è questione di odio per nessuno, anzi rispetto per tutti. Prima di tutto per le famiglie e per i bambini. Forza Sentinelle!!!

  16. Anna scrive:

    Sostengo tale interrogazione che mi lascia sgomenta e mi congratulo ed associo a tutte le sentinelle e ai loro modi pacifici

  17. bardo scrive:

    Il problema delle sentinelle è di essere un numero troppo esiguo di componenti. Talmente esiguo da rappresentare un dato statistico irrilevante. Sono espressione di un gruppo di cattolici in via di estinzione. Dobbiamo molto a questi indomiti difensori del diritto di opinione e della famiglia naturale. Il loro esempio è la Sacra Famiglia che pure era naturalissima…una Donna in gravidanza, vergine. il Figliolo non del marito ma di un’altro etc Insomma ha ragione l’ottimo Falzoni, tutti quelli che non hanno problemi col cervello, perchè non lo usano ce l’hanno come nuovo, sono con voi. Ma in poltrona a casa propria. Non scendono in piazza a leggere, perchè non hanno un libro da portarsi dietro e poi c’è il serio rischio di incontrare malati di omosessualità e gli fanno schifo. C’è il rischio di contagio e poi gli stolti non si vogliono curare! Del resto non tutti hanno la santità di Teresa da Calcutta che toccava i lebbrosi!

  18. Domenico scrive:

    Io sto con le Sentinelle! Io sono nauseato dal degrado etico occidentale che ha portato all’espressione di voci quali quelle degli attivisti LGBT che spacciano libertà di parte come diritti, che ostentano la superficialità, l’irrazionalità e la menzogna per ottenere una società piegata ai loro feticismi e stabilita a tavolino. Chi ama la vita, il prossimo e ha rispetto per tutto ciò deve prendere posizione nei confronti di questo cancro che sta minando seriamente il presente ed il futuro di tutti noi! La manipolazione che questi attivisti omosessuali impongono è radicata nell’ideologia gender che nega la natura e travia i bambini per piegarli ad un esistenza snaturata. Per rincontrare storicamente questa imposizione ideologica bisogna tornare indietro di almeno 70 anni e comprendere i regimi totalitari quali comunismo e nazismo che attraverso il controllo delle nascite e con lo sterminio tentarono di modificare antropologicamente il corso dell’esistenza (oggi lo si fa con l’utero in affitto, con il controllo delle nascite, l’aborto e l’eutanasia, strumenti sempre più in mano dello stato che si appropria del diritto di vita!). Io dico basta a tutto questo schifo! Diffidate del politically correct e ragionate con il buon senso e mai con il sentito dire. VIVA LA RAGIONE, VIVA LE SENTINELLE!

    Con Affetto Domenico D’Errico

    • luca scrive:

      ovvero, visto che non ho mai fatto nulla di rilevante nella vita abbraccio la prima bandiera che passa, in questo caso quella dell’odio per le persone gay e rimando la società in dietro di 70 anni… tutto questo per giustificare una vita insulsa e inutile? no grazie.

      • Galcian79 scrive:

        Non c’è nemmeno bisogno di giustificare una vita inutile ed insulsa.
        Non è stata l’ideologa della diversità a rivelarci che siamo tutti BORN THIS WAY?

  19. Raider scrive:

    Scegliersi nickname impegnativi tanto per provocare chi si invita al rispetto degli altri è una bella dimostrazione di tolleranza perché si possa venire a predicarne e pretenderla dalle Sentinelle In Piedi, che subiscono attacchi di ogni genere e come chi ne condivide idee e valori, viene accusato di discriminazione e minacciato di galera. Per cui, SEMPRE E COMUNQUE CON LE SENTINELLE IN PIEDI!
    A presto!

  20. luca scrive:

    questo è uno studio, il più grande mai svolto fino ad ora, svolto dall’università Melbourne che dimostra come i figli di coppie omosessuali hanno il 6 per cento in più dei loro coetanei in termini di salute e una propensione alla coesione familiare superiore.
    voglio far notare come questo non sia uno studio svolto da un associazione lgbt o da un ente privato ma da una prestigiosa università!

    http://www.biomedcentral.com/1471-2458/14/635/abstract

    io direi che potete cominciare a chiudere la bocca perché dati alla mano, ancora una volta nella storia, avete torto!!!!!!!

  21. luca scrive:

    hanno recentemente reso noti i risultati della più grande ricerca del genere condotta non da una associazione gblt o da un privato ma un università, nello specifico, l’università di Melbourne, che mette in luce come i figli nelle coppie gay sono addirittura più sani ed affettivamente equilibrati degli altri…
    purtroppo questo sito cancella sistematicamente i miei tentativi di darvi il link o almeno la chiave di ricerca per google

    • luca scrive:

      per chi fosse interessato alla verità scientifica e non solo a sproloqui e illazioni può usare questa chiave di ricerca, anche titolo dell’articolo scientifico… speriamo che questa vota la redazione non decida di censurare!!!

      “Parent-reported measures of child health and wellbeing in same-sex parent families: a cross-sectional survey”

      • Damico scrive:

        Più sani non lo metto in dubbio, visto che i figli li ottengono con la compravendita degli uteri, stando attenti a selezionare minuziosamente i figli privi di ogni tara o malformazione. Gli scarti si buttano via in nome della qualità totale. Più sani affettivamente mi viene proprio da ridere, dovendo avere tutti i giorni a che fare con due uomini o due donne che si uniscono e non danno loro nessun esempio della correlazione tra i sessi, della complementarità. Il loro figlio maschio dovrà fare uno sforzo enorme per relazionarsi correttamente con l’altro sesso e formare una famiglia vera con una donna e avrà difficoltà anche con i propri consessuali. Viceversa per le figlie femmine.
        L’Università di Melbourne, hai capito…

      • Veritario scrive:

        Grazie per la chiave di ricerca. Ecco il risultato:

        La ricerca di – Parent-reported measures of child health and wellbeing in same-sex parent families: a … – non ha prodotto risultati in nessun documento.

      • Mimmo Lo Buono scrive:

        Sì, sì, li conosciamo questi tipi di studi. La cosa buffa è – se ci fate caso – che quando gli studiosi (siano essi medici, psicologi, sociologi, giuristi o qualsiasi altra specialità) tornano ai loro studi senza essere stressati e pressati dagli ideologi del gender che gli commissionano le ricerche (pagano sempre bene, lo sappiamo) e si esprimono spontaneamente ritornano inesorabilmente sempre a parlare di papà e mamme, i genitori sono sempre un padre e una madre. La ragione, libera da condizionamenti fanatizzanti, li guida con serenità e candore.

      • Giorgio Borghini scrive:

        Va bene tutto ma le bufale no, nessun rapporto scientifico a supporto. Il silenzio delle Sentinelle sbugiarda, smaschera e svergogna l’orgoglio violento, la presunzione, la prepotenza. L’aggressività delle lobby è la prova indiscutibile.

      • Fran'cesco scrive:

        Lo “studio scientifico” della “piu’ grande ricerca del genere”, consiste in un questionario dato a 300 genitori omo…
        Complimenti, Luca, meriteresti di diventare articolista su Repubblica.

        (mi viene il sospetto che un questionario del genere, propinato ad una categoria ben precisa, possa essere soggetto a risposte un po’ tendenziose… ma mica voglio competere con l’universita’ australiana…).

        Non e’ che il reddito medio delle famiglie omo e’ piu’ alto, per esempio????

        • Fran'cesco scrive:

          e a questo punto commissionerei una ricerca scementifica all’universita’ di caciucco rivolta ai gruppi poli-amorosi, si sa mai che i figli di questi siano piu’ belli e piu’ sani dei genitori omo…

        • luca scrive:

          francesco certo che le famiglie omo hanno più solti, se un omo non ha soldi non lo fanno di certo adottare, come invece avviene nelle famiglie etero. quindi non è che gli omo hanno più soldi, solo che l’accesso ad una famiglia è tuttora garantito per lo più a chi ha più soldi…
          capisco che non abbiate famigliarità con le università ma vi assicuro che quella di Melbourne è molto prestigiosa e che questa ricerca ha un grande valore e prestigio e certo ha più rilevanza scientifica i risultati di una seria ricerca condotta da una prestigiosa università rispetto alle convinzioni personale di alcuni religiosi

          • Fran'cesco scrive:

            Luca, non e’ che scrivendo piu’ volte la stessa panzana questa diventa improvvisamente vera.

            Io direi che a reddito piu’ alto corrisponde (in media) una salute migliore (Scuola di mio nonno)

            • bardo scrive:

              tutte queste ricerche o basi di studi si fanno tanto per cominciare. Una volta che un processo sociale inizia abbiamo bisogno di un pò di anni per valutare l’impatto. Ti posso anticipare a) che i figli delle coppie gay avranno le stesse patologie e disordini mentali di quelli delle coppie etero (nella media, a te cara pare). b) Che non frega niente a nessuno. La tendenza ad ampliare il nostro corredo di diritti, nei paesi avanzati democratici, è cosa buona e giusta e arricchisce la societa che la segue, e la convivenza della comunità migliora.

              • Fran'cesco scrive:

                c) che le ricerche a vanvera non servono a niente
                d) che Luca ha scritto una belinata e poi e’ sparito
                e) i diritti li avete, da sempre, in Italia. I figli o ve li “comprate” o li “affittate”, con i soldi o con per legge.

        • Galcian79 scrive:

          Francesco penso sia più probabile che le famiglie omo siano in numero proporzionalmente troppo esiguo per poter fare un raffronto imparziale.

          • Fran'cesco scrive:

            Questo devi dirlo a Luca, non a me.
            E alla Prestigiosa Universita’ Di Melbourne In Australia Che Non Ha Niente Di Meglio Da Fare.

      • Galcian79 scrive:

        Luca non si può parlare di verità scientifica fintanto che il risultato non sarà ripetibile.
        A parte questo vorrei fosse chiaro che non è nell’interesse del bambino facilitare la genitorialità gay, piuttosto lo sarebbe rendere più difficile quella etero.

        • Fran'cesco scrive:

          Galcian, Luca, state facendo una figuraccia dietro l’altra.
          “non si può parlare di verità scientifica fintanto che il risultato non sarà ripetibile” si applica ad un evento fisico, non ad un sondaggio di opinione che – se ripetuto a breve – ovviamente da’ lo stesso risultato.

          Cos’e’ la “facilitazione della genitorialita’ gay”? Una nuova branca della psicologia in voga a Melbourne?

  22. Giorgio Borghini scrive:

    Il silenzio delle Sentinelle smaschera, sbugiarda e svergogna l’orgoglio massonico lgbt. L’azione violenta contro le Sentinelle è la prova sotto gli occhi di tutti. Forza Sentinelle!

  23. Mariano scrive:

    La violenza degli omosessuali è visibile a tutti. Basta partecipare ad una manifestazione delle Sentinelle per vedere i gay in atteggiamenti sconci di fronte ai bambini, mentre insultano e bestemmiano. Se la legge glielo consentisse non esiterebbero a passare dalla violenza verbale a quella fisica. Fanno paura

  24. Filomena scrive:

    Io credo che i gay siano dei violenti a prescindere. Oggi è solo un caso che si scaglino contro le eroiche Sentinelle in Piedi. I gay odiano la famiglia e odiano i bambini, perché non possono averli. Ed odiano la chiesa perché denuncia le loro pratiche disumane ed anti cristiane, degne di una perversione sconosciuta in natura. I gay che attaccano le Sentinelle sono bestie feroci e non meritano nessun commento. La cosa grave è che le forze dell’ordine, per paura di finire nel mirino delle lobby gay, consentono il ripetersi delle violenze contro le inermi sentinelle, che sono veri e propri martiri del nostro tempo.

  25. mirko scrive:

    Un grazie di cuore dalla svizzera alle sentinelle

  26. Giorgio Borghini scrive:

    Vi auguro ogni bene anche se tu e io siamo posizioni diverse. Non ho un sentimento di odio come maliziosamente supponi tu. Ognuno deve essere libero nelle proprie scelte, ma non implichiamo forzatamente in questo i bambini e l’educazione nella scuola. Dopo di che se vuoi ridertela….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana