Google+

Papa Francesco e il «mistero meraviglioso di Dio» che «preferisce i più peccatori»

ottobre 22, 2013 Redazione

L’omelia del Pontefice alla Messa a Santa Marta: il Signore non si capisce con l’intelligenza, servono contemplazione, vicinanza e abbondanza

Papa Francesco nell’omelia della Messa di questa mattina alla Casa Santa Marta ha commentato il brano della lettera di san Paolo ai romani spiegando che per entrare nel mistero di Dio non basta l’intelligenza, ma servono tre parole: contemplazione, vicinanza, abbondanza.

CONTEMPLAZIONE. Il mistero di Dio, ha detto il Pontefice, è «un mistero meraviglioso». Un mistero che però «si capisce in ginocchio, nella contemplazione. Non soltanto con l’intelligenza. Quando l’intelligenza vuole spiegare un mistero, sempre – sempre! – diventa pazza! E così è accaduto nella storia della Chiesa. La contemplazione: intelligenza, cuore, ginocchia, preghiera… tutto insieme, entrare nel mistero. Quella è la prima parola che forse ci aiuterà».

VICINANZA. La seconda parola necessaria agli uomini che desiderano entrare nel mistero è “vicinanza”, ha proseguito il Santo Padre. «Un uomo ha fatto il peccato, un uomo ci ha salvato. È il Dio vicino!». Dio, ha insistito papa Francesco, è «vicino a noi, alla nostra storia». E questo era vero tanto per gli ebrei («quando ha scelto nostro Padre Abramo, ha camminato con il suo popolo») quanto per i cristiani, il cui Signore, Gesù Cristo, fa «un lavoro di artigiano, di operaio». «A me – ha detto il Pontefice – l’immagine che viene è quella dell’infermiere, dell’infermiera in un ospedale: guarisce le ferite ad una ad una, ma con le sue mani. Dio si coinvolge, si immischia nelle nostre miserie, si avvicina alle nostre piaghe e le guarisce con le sue mani, e per avere mani si è fatto uomo. È un lavoro di Gesù, personale. Un uomo ha fatto il peccato, un uomo viene a guarirlo. Vicinanza. Dio non ci salva soltanto per un decreto, una legge; ci salva con tenerezza, ci salva con carezze, ci salva con la sua vita, per noi».

ABBONDANZA. Infine l’abbondanza. «Dove abbondò il peccato, sovrabbondò la grazia», ha ricordato il Santo Padre. Dunque «si capisce quella preferenza di Gesù per i peccatori», poiché «ognuno di noi sa le sue miserie, le conosce bene. E abbondano!», ma «la sfida di Dio» è proprio «vincere questo, guarire le piaghe, fare quel regalo sovrabbondante del suo amore, della sua grazia». Il peccato abbondava anche nel cuore di quelli che hanno incontrato Cristo, ha spiegato il Pontefice, «ma Lui andava da loro con quella sovrabbondanza di grazia e di amore. La grazia di Dio sempre vince, perché è Lui stesso che si dona, che si avvicina, che ci accarezza, che ci guarisce. E per questo – ma forse ad alcuni di noi non piace dire questo – quelli che sono più vicini al cuore di Gesù sono i più peccatori, perché Lui va a cercarli, chiama tutti: “Venite, venite!”. E quando gli chiedono una spiegazione, dice: “Ma, quelli che hanno buona salute non hanno bisogno del medico; io sono venuto per guarire, per salvare”». Per quanto sia difficile capire con l’intelligenza questo mistero, ha osservato in conclusione papa Francesco, «come possiamo diffidare di un Dio così vicino, così buono, che preferisce il nostro cuore peccatore?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. beppe says:

    perchè dovrebbe essere difficile da capire questo discorso del peccato e dei peccatori? certo, se cominciamo a dire che gesù è venuto per insegnarci la bontà, le buone maniere, la raccolta differenziata…gesù è venuto per togliere il peccato del o dal mondo. chi si riconosce peccatore e si converte viene salvato. i nostri nonni non hanno avuto difficoltà nel capire una cosa tanto semplice. dubito che scalfari la capirebbe neanche campasse mille anni.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download