Google+

Omofobia. No al ddl Scalfarotto. Le Sentinelle in Piedi si mobilitano in otto piazze italiane

gennaio 8, 2014 Sentinelle in piedi

Oltre 20 veglie in poco più di 5 mesi, più di 20 città mobilitate, migliaia di persone scese in piazza. Sono i numeri della crescita rapidissima ed entusiasta del movimento di cittadini che si oppone al ddl. I prossimi appuntamenti

Oltre 20 veglie in poco più di 5 mesi, più di 20 città mobilitate, migliaia di persone scese in piazza. Sono i numeri della crescita rapidissima ed entusiasta delle Sentinelle in Piedi, movimento di cittadini che spontaneamente vegliano chiedendo tutela per la libertà d’espressione e d’opinione messa in discussione dal ddl Scalfarotto, già approvato dalla Camera e ora in discussione al Senato.

Come è accaduto alla Camera, sia in aula che in Commissione, il dibattito sul testo sull’omofobia avviene in orario notturno, in sordina, nel tentativo di tenerlo lontano dall’occhio vigile della stampa e dell’opinione pubblica,  ma le Sentinelle in Piedi vegliano anche quando le coscienze riposano.

Il provvedimento viene presentato come necessario per fermare atti di violenza nei confronti di persone omosessuali, ma il nostro ordinamento giuridico punisce già qualunque atto di aggressione e la Costituzione tutela già tutte le persone in quanto tali.

Questo testo è invece liberticida e incostituzionale in quanto non specifica che cosa si intende per reato d’omofobia e dunque potrebbe essere denunciato chiunque affermi pubblicamente che la famiglia naturale è fondata sull’unione tra uomo e donna, chiunque si esprima pubblicamente come contrario al matrimonio tra persone dello stesso sesso, chiunque affermi pubblicamente che un bambino per crescere ha bisogno di un papà e di una mamma e dunque sia contrario alle adozioni da parte di coppie omosessuali.

Per questo le Sentinelle in Piedi scenderanno in piazza:

–       Sabato 11 gennaio saranno presenti e  interverranno a Roma alla Manifestazione in difesa della famiglia organizzata da Manif  Pour tous Italia in piazza Santi Apostoli alle 15:30

–         Sabato 11 gennaio alle 16  veglia a Trieste in Piazza Unità d’Italia, in supporto alla manifestazione di Roma

–         Domenica 12 gennaio veglia a Modena alle 16:30 in Piazza Grande

–         Sabato 18 gennaio veglia a Bergamo alle 16:30 sul Sentierone

–         Domenica 19 gennaio veglia a Cremona alle 16:30 in Piazza Duomo

–         Domenica 19 gennaio veglia a Riccione

–        Domenica 19 gennaio veglia a Firenze in piazza Signoria alle 10:00 all’interno della manifestazione per la libertà d’espressione

–         Sabato 25 gennaio veglia a Genova in piazza De Ferrari alle 18:00

Il 3 gennaio, intervenendo a Radio 24 l’onorevole Ivan Scalfarotto parlando del disegno di legge sull’omofobia e la transfobia di cui è relatore e primo firmatario, ha cercato di minimizzare le nostre motivazioni assicurando che le opinioni non saranno punite, ma si è smentito da solo quando sul scrivendo sul suo blog, in data 28 settembre,  rispondendo ad Alessandro Zen, di Sel:  «La legge in questo momento, salvo modifiche sempre possibili al Senato, dice solo che non costituiranno atti di discriminazione (ai fini della sola legge penale) le condotte organizzative prese all’interno di organizzazioni cosiddette di tendenza (partiti, sindacati, organizzazioni religiose eccetera) purché queste decisioni si riferiscano ai principi costituzionali che le ispirano. Di come stiano realmente – prosegue Scalfarotto nel post in questione –  le cose si è accorto invece benissimo Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, che ha dichiarato che con l’approvazione della stessa legge “andranno in galera coloro che sosterranno che il matrimonio gay è una porcheria e che l’adozione dei bambini da parte delle coppie gay un’aberrazione”».

In altre parole la norma in questione è un capolavoro di ambiguità politica frutto di un compromesso fatto da un lato per far credere che chiunque possa divulgare le proprie idee se si agisce all’interno di un’associazione, e dall’altro per tranquillizzare la lobby gay poiché le opinioni contrarie potranno essere espresse soltanto a porte chiuse, e dunque solo all’interno di partiti, associazioni o organizzazioni religiose.

Cercando di confondere le idee dunque Scalfarotto non può infatti evitare di mostrare l’ambiguità del testo e la palese portata ideologica e liberticida dello stesso.

Ritti e silenti dunque, le Sentinelle in Piedi manifestano in silenzio oggi, affinché non venga tolta la libertà d’espressione domani.

Per info e contatti:

Su facebook: Sentinelle in piedi

info@sentinelleinpiedi.it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. luca scrive:

    accidenti se vi deste così da fare per aiutare i poveri e gli ammalati sareste degli ottimi cristiani, invece vi spendete solo per dare la caccia ai gay!
    complimentoni

    • Giacomot scrive:

      I cristiani ,Chiesa Cattolica Apostolica Latina per la precisione , hanno già un vasta rete di associazioni e raccolte fondi per i poveri in tutto il mondo , ed è così da moltissimo ormai , in pratica da quando la Chiesa ne ha avuto la possibilità , e anzi La Chiesa è una delle poche che veramente si impegna con costanza e soprattutto senza volere nulla in cambio .
      Ah e le sentinelle non danno la caccia ai gay (sei un maschilista se esprimi solo il lato omosessuale maschile , vergogna!) non solo perché si sono aggregati anche gli stessi ”gay” ,ed ex-tali,che appunto sono d’accordo con loro ,ma soprattutto perché questo è un movimento che va contro il matrimonio gay ,e questo , caro il mio ‘superficialotto’ , non è dare la caccia ai gay .

    • Elisa scrive:

      Chi è che vi caccia?
      Sembra invece che con questo disegno di legge si cerchi di dare la caccia a chiunque la “pensi” in maniera diversa. Compresi gli omosessuali che non sono interessati al matrimonio gay e che sono contrari alle adozioni gay.
      Anche perché secondo questo testo di legge sono omofobi.
      Vivete, lasciate vivere e, se non vi piace l’altra metà del cielo, lasciate in pace matrimonio e figli.
      Codialmente,
      Elisa

    • giovanni scrive:

      Sarebbe troppo lungo l’elenco di associazioni, gruppi e singoli cristiani che si occupano dei poveri e degli ammalati. Tu che fai?

  2. ciaonè scrive:

    Ci spendiamo anche per quello…per ogni buona causa. Stai tranquillo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana