Google+

«Ogni goal è folgorazione, come la poesia». Pasolini, il calcio e la letteratura

giugno 28, 2012 Daniele Ciacci

Leopardi, Pasolini, Sereni e Saba. Cosa unisce questi poeti? La passione per il pallone. Viaggio sportivo-culturale tra letteratura e sport, proponendo la licenza poetica per Cassano.

«Il calcio è un linguaggio con i suoi prosatori e i suoi poeti». A scriverlo è Pier Paolo Pasolini, letterato e regista che introduceva così un pezzo su “Il Giorno” del 1971. E non sta parlando dei telecronisti – erano quelli gli anni di Gianni Brera, padre del giornalismo sportivo e intramontabile inventore di neologismi. Se sentisse adesso Dossena o Collovati… – ma del gioco in sé. Perché la bellezza è poesia, e tutti quelli che bandiscono una giostra bersagliando il buon nome dei giocatori e dello sport non sanno di marciare contro i mulini a vento. Perché dall’uomo non si sradicherà mai il gusto del bello, ed anche il calcio è, a suo modo, un’opera d’arte.

Sarà per questo che gli italiani – un popolo di santi e di poeti – ha tratto dallo spettacolo sportivo intuizioni acute per i propri versi. Non serve gettarsi in tomi polverosi, ma basta andare in libreria a comprare i Canti leopardiani. “A un vincitore nel pallone” è una delle sue prime liriche, dedicata ad uno sport antenato del calcio: «Di gloria il viso e la gioconda voce, / Garzon bennato, apprendi, / E quanto al femminile ozio sovrasti / La sudata virtude». Di certo, il pallone nell’Ottocento era una cosa diversa, ma non mancano le somiglianze : «Te l’echeggiante / Arena e il circo, e te fremendo appella / ai fatti illustri il popolar favore». Tuttavia, il recanatese sintetizza perfettamente il calcio in un distico: «il core / Movi ad alto desio». Basta questo, e l’articolo potrebbe concludersi qui.

Per chi di voi non abbia in mente Umberto Saba, e la sua passione viscerale per l’Udinese, si rimanda la lettura della famosa “Goal”: «Il portiere caduto alla difesa / ultima vana, contro terra cela / la faccia, a non veder l’amara luce». Calcio: gioie e dolori. La linea di porta bianca nell’area di rigore separa l’euforia dalla disperazione. Lo sa bene anche Vittorio Sereni, poeta luinese grande tifoso dell’Inter, che nelle lettere a Saba tingeva la sua fede calcistica con note dolenti: «Caro Umberto, oggi la mia squadra gioca a Trieste, dove probabilmente le buscherà». Siamo ai primi del 1949, e la partita terminerà con un onesto 1 a 1. Durante la prigionia in Nord Africa, Sereni e compagni ammazzavano il tempo giocando a pallone. Non era solo uno sfogo, ma la possibilità di sorprendere la bellezza. «Rinascono la valentia / e la grazia. / Non importa in che forme – una partita / di calcio tra prigionieri: / specie in quello / laggiù, che gioca all’ala».

«Ci sono nel calcio dei momenti esclusivamente poetici: si tratta dei momenti del “goal” – prosegue Pasolini, a saldare il rapporto tra letteratura e pallone – Ogni goal è sempre un’invenzione, è sempre una sovversione del codice: ogni goal è ineluttabilità, folgorazione, stupore, irreversibilità. Proprio come la parola poetica. Il capocannoniere di un campionato è sempre il miglior poeta dell’anno». Difficile immaginarsi Ibrahimovic con la corona d’alloro, ma ad Antonio Cassano non si può dire che manchi la licenza poetica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. rudy scrive:

    possibile che NESSUNO ha detto al signor ciacci che Umerto Saba poeta Triestino le sue poesie le ha scritte per la gloriosa US Triestina e non x la nemica Udinese ??? altro che viscerale
    scrivere e rileggere e correggere voto 3–
    rudy

    Per chi di voi non abbia in mente Umberto Saba, e la sua passione viscerale per l’Udinese

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana